| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE |
| GALLERIA DEL GUSTO | RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | NEWSLETTER | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Donna tra Vigneti
e Spartiti

Attrice con charme
manager con grinta

Iris Origo e la sua terra

Helene Grimaud

 

 

 

 



di Eugenia Sciorilli


Anche i dettagli fanno la differenza, nello stile. Rami stupendi di buganvillea appena recisi, e adagiati nell’acqua di vasi dalla forma cubica. Siamo nel ristorante della Masseria “Il Melograno”, un Relais & Chateau che l’antiquario Camillo Guerra ha saputo ricavare in terra di Puglia da una dimora di famiglia, con la collaborazione preziosa della figlia Roberta. Oggi è proprio lei, Roberta Guerra, a fare da padrona di casa in un resort che si estende per sei ettari, tra olivi secolari e un agrumeto. I trulli di Alberobello sono raggiungibili in poco tempo, e con dieci minuti di tragitto in navetta si raggiunge la spiaggia attrezzata “Le Tamerici”, che si affaccia su un tratto costiero tra i più incontaminati dell’Adriatico.
“All’inizio, nell’87, c’erano dieci camere e un ristorante. Abbiamo cominciato da soli, mio padre e io, con l’aiuto di uno chef”, ricorda con tono pacato Roberta Guerra, “e prima ancora di cominciare, uno dei nostri amici che ci veniva spesso a trovare era Ermanno Olmi, che restava come stregato da questi luoghi”. Infatti, il famoso regista proprio durante una delle sue soste in questo angolo incantato di Puglia se ne uscì con questa frase: “Sei qui seduto a non far nulla, ma ti accorgi di non perdere tempo”.
Senza dubbio, quello di Roberta e Camillo Guerra fu un gesto coraggioso, per non dire avventuroso, visto che nella provincia di Bari mancavano le dimore storiche offerte all’hotellerie di classe. “I primi a notarci sono stati gli americani”, racconta Roberta Guerra, “e successivamente gli inglesi e i francesi”. Se la gestione del “Melograno” richiede un costante impegno, la fatica viene compensata proprio dal contatto molto gratificante con una clientela internazionale. “Questa è una scelta di vita che assorbe tutte le energie”, spiega, “ma non posso nascondere che mi dà anche grandissime soddisfazioni”.
Oltre a una Spa di vaste proporzioni ma dall’atmosfera intima e raffinata e a un ristorante che propone una cucina del territorio di notevole livello qualitativo, tra le attrattive del “Melograno” sono da segnalare gli appuntamenti estivi della Fondazione “Il Melograno per l’Arte”: incontri con varie personalità della cultura che riescono a calamitare un pubblico attento e numeroso.

Il Melograno – Masseria Torricella, Monopoli (Bari)
Tel. 080-6909030 – www.melograno.com
melograno@melograno.com