| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE |
| GALLERIA DEL GUSTO | RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | NEWSLETTER | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Donna tra Vigneti
e Spartiti

Attrice con charme
manager con grinta

Iris Origo e la sua terra

 

 

 

 



di Eugenia Sciorilli


Un viso e un corpo da modella per mani da pianista e cervello da intellettuale: non c’è che dire, la personalità di Hélène Grimaud è prorompente. Le sue doti di interprete fecero entusiasmare un grande della tastiera, Jorge Bolet, che spese parole lusinghiere per lei, quando aveva appena sedici anni.
I suoi cd hanno subito catturato l’attenzione di pubblico e critica: nel catalogo della Deutsche Grammophon è stato recentemente inserito il suo dvd “A Russian Night”, che la vede accompagnata da Claudio Abbado e dalla Lucerne Festival Orchestra, ma prima ancora aveva realizzato numerose incisioni (Bach, Beethoven, Chopin, Brahms, Bartok, Gershwin, Rachmaninov, ecc.) che le sono valse in più di un’occasione premi prestigiosi.
Anche come scrittrice, Hélène Grimaud ha fatto il giro del mondo: tradotti in varie lingue due suoi libri, ilprimo intitolato “Variazioni selvagge” (uscito in edizione originale francese nel novembre 2003), il secondo proposto con il titolo “Lezioni particolari”, pubblicato per la prima volta, sempre in Francia, nell’ottobre 2005.
Questa musicista nata in terra provenzale ma con ascendenze tedesche e italiane, che si è imposta alla curiosità dei mass-media per il suo volto particolarmente bello e straordinariamente espressivo, si è anche distinta per la sua appassionata difesa dei lupi, che si è sviluppata in coincidenza con il soggiorno dell’artista in terra americana, tra i boschi del Connecticut: sua la volontà di creare a South Salem (Stato di New York) una fondazione, il Wolf Conservation Center, (www.nywolf.org), che lei stessa ha definito “un progetto ambientalista”.
Il carnet di appuntamenti musicali che vedono protagonista la Grimaud è ricco e vario: tra gli altri, segnaliamo il Concerto per pianoforte di Schumann al KKL di Lucerna il prossimo
8 settembre, con la Philharmonia Orchestradiretta da Esa-Pekka Salonen, il recital con brani di Schumann, Brahms e Shostakovic, in compagnia del violoncellista Jan Vogler, previsto per il 17 settembre alla Beethovenhalle di Bonn, un recital da solistapresso il Palais des Beaux-Arts diBruxelles, il13 ottobre,che la vedrà impegnata a offrire al pubblico musiche di vari compositori,e il concertoche la vedrà protagonista a Parigi (Thèatre des Champs-Elysées) il 22 ottobre insieme a Vladimir Ashkenazy e alla Philharmonia Orchestra per un omaggio a Rachmaninov.

 

www.helenegrimaud.com