Scuola di cucina
A TAVOLA CON LO CHEF
Alcuni
appuntamenti di maggio

I PIATTI ROMANI
2 lezioni di 4 ore
Antonio Chiappini propone
i piatti più significativi
della cucina romana
seguendo la sua personale
interpretazione. Nelle
lezioni saranno applicate
nuove tecniche di cucina e
presentazione mantenendo
inalterati i sapori classici. Corso pratico.
lunedì 9 e
martedì 10 maggio
17:00 -21:00
costo: € 200,00
Chef: Antonio CHIAPPINI

LA CUCINA "LAST MINUTE"
2 lezioni di 4 ore
Una serie di piatti veloci
ma gustosi. Una cucina
rapida quasi dell‘ultimo,
momento, per preparare ,
senza stress, pranzi e cene
prelibate. In questo percorso
Vi condurrà Antonio
Chiappini.
Corso pratico.
lunedì 16 e 23 maggio
17:00 - 21:00
costo: € 200,00
Chef: Antonio CHIAPPINI

Contatti
tel. e fax 06-35508933
www.atavolaconlochef.it
e-mail:
info@atavolaconlochef.it
La segreteria è aperta dalle 9:00 alle 19:00
dal lunedì al venerdì
nella sede di
via dei Gracchi 60 - Roma

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Michel Piccoli nel ruolo del Papa.

L’analista (Nanni Moretti) a colloquio con il Papa (Michel Piccoli).

Renato Scarpa nel ruolo del Cardinal Gregori.

Margherita Buy: interpreta una psicanalista che si prende cura del pontefice neo-eletto.

La scena della partita a pallavolo.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica

Mammuth, l’Uomo-Elefante

Passione, il suono di Napoli

The Tourist un Turista
poco Convincente

The King’s speech,
il Discorso di una Vita

Un inquietante cigno nero

Sorelle Mai

 

Un film sull’uomo

di Enrico Cerulli


La locandina del film. Non è sicuramente un film sul Papa, sia come istituzione a capo della Chiesa cattolica, sia come figura storica, né sul Vaticano; quest’ultimo film di Nanni Moretti, piuttosto, è lo spunto per parlare di qualcos’altro.
Il regista immagina che dopo la morte del pontefice precedente, dalle votazioni del Conclave, venga eletto, a sua stessa insaputa, il cardinale Melville (interpretato da Michel Piccoli). Ma al momento di presentarsi al balcone dei palazzi vaticani per l’acclamazione, di fronte a milioni di fedeli, il neoeletto Papa viene preso da una crisi di panico. Visto il perdurare della sua condizione di smarrimento, si decide di chiamare un famoso e stimato psicanalista, (di cui veste i panni lo stesso Moretti). Il luminare, che viene preso in ostaggio all’interno del Vaticano, decide però di far visitare l’illustre paziente dalla sua ex moglie (Margherita Buy) psicanalista con il pallino della teoria del “deficit di accudimento”. Il cardinale Melville approfitta della visita in incognito, all’esterno del Vaticano, per fuggire e girovagare nella città di Roma, alla ricerca dell’identità perduta. Lo psicanalista Moretti non trova di meglio, nel frattempo, che organizzare un torneo di pallavolo con i cardinali del conclave…
Dopo Caos calmo e Il caimano il regista sembra voler indagare sulla fragilità dell’identità umana, se si viene posti di fronte alla necessità di interpretare un ruolo che si percepisce come al di sopra della propria portata, e non voluto. Quindi l’esempio limite dell’uomo che si ritrova a dover incarnare un’idea e Una scena del film. un’istituzione millenaria e totalizzante come il papato nella Chiesa cattolica.
Con questa pellicola Moretti, forse, ha voluto tentare un abbozzo di ricerca sull’umano, partendo dalla critica ai due filoni predominanti attualmente sull’argomento: la psicanalisi e la psichiatria organicista. Così la psicanalista del film ripete al paziente i cliché delle teorie freudiane, eventualmente inventandone di nuovi come il “deficit di accudimento”, facile formuletta da applicare a tutti, indistintamente. Oppure vediamo l’enorme panoplia degli psicofarmaci usati dai cardinali, classificati in sedativi e stimolanti, da applicarsi a seconda degli stati d’animo.
Il neopapa in crisi, nei suoi giri urbani, approda in una compagnia teatrale che sta preparando la messa in scena del Gabbiano di Čhecov e ne assiste alla prima in teatro. È il ritorno a una sua antica passione, interrotta in gioventù per dedicarsi al sacerdozio. Dopo questa esperienza, significativamente, tornerà in Vaticano per comunicare, urbi et orbi, la sua sorprendente decisione.
L’ultima fatica di Moretti è un film apprezzabile anche da chi non ne è un appassionato estimatore. Il regista ha saputo scegliere validi collaboratori: Francesco Piccolo, Federica Pontremoli per la sceneggiatura; Alessandro La scena del Conclave. Pesci per la fotografia, Franco Piersanti per le musiche, Esmeralda Calabria al montaggio. E validi attori come Renato Scarpa e Margherita Buy. Magnifica è l’interpretazione di Michel Piccoli. Oltre alle trovate e ai discorsi morettiani, comunque piacevoli e divertenti, quel che colpisce positivamente sono certe immagini e certe scene del film, sicuramente significative. Come quella con gli attori al ristorante che parlano fra loro recitando battute del Gabbiano. O quella della sala del teatro con il pubblico che applaude, da cui emergono improvvisamente, inquietanti, le figure rosse e nere dei cardinali. O ancora quella con l’attore che impazzisce, perché confonde realtà e finzione.

Da sapere:
Per riprodurre le ambientazioni del Vaticano, numerose scene del film sono state girate all’interno di Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia a Roma. Questo splendido edifico rinascimentale, situato nel centro storico della capitale, è parzialmente accessibile al pubblico e ospita numerose mostre e iniziative culturali. Tutte le informazioni sono disponibili nel sito: www.mostrapalazzofarnese.it
A primavera “fioriscono” i film dei registi (e delle registe) italiani. Presenti nelle sale o in arrivo, citiamo, fra i tanti, Diciottanni di Elisabetta Rocchetti, I baci mai dati di Roberta Torre, Il primo incarico di Giorgia Cecere, Malavoglia, liberamente ispirato al romanzo di Verga, di Pasquale Scimeca. Tra i film stranieri Uomini senza legge, di Rachid Bouchareb, sulla vita di tre fratelli algerini negli anni ’50.