I MENÙ DI CUCINARE
È FACILE

4 lezioni - 1 lezione
a settimana di 4 ore
Approfondimento del corso "Cucinare è facile"...
Quattro golosi menù da proporre in occasione
delle vostre serate...
...e da affrontare con lo stesso entusiasmo e filosofia
che hanno caratterizzato
i nostri precedenti incontri
magistralmente condotti
da Antonio Chiappini.
Corso pratico.
Degustazione
dei piatti preparati.
inizio: sabato 12 novembre
dalle ore 10:00 alle ore 14:00
costo: € 500,00
Chef Antonio CHIAPPINI

PIATTI DI PESCE
3 lezioni - 1 lezione
a settimana di 4 ore
Antonio Chiappini
Vi insegnerà al meglio
come riconoscere il pesce
di mare dal pesce di allevamento, come acquistare,
pulire, sfilettare e cucinare
in modo appropriato le varie
specie di pesce. Il pesce
azzurro, il pesce bianco,
i molluschi, i crostacei e
i pesce d’acqua dolce
non avranno più segreti.
Corso pratico.
martedì 15, 22, 29 novembre
dalle ore 17:00 alle ore 21:00
costo: € 350,00
Chef Antonio CHIAPPINI

IL NATALE SALATO
E DECORATO
DI VALENTINA

1 lezione pratica full-time
Chi l‘ha detto che
Valentina Gigli si dedichi
solo alla decorazione
in pasticceria? In questa
lezione ci dimostrerà tutta
la sua arte, maestria e
passione per il salato con
ricette divertenti
e stuzzicanti come:
Cornucopie di sfoglia
con insalata di gamberi. Alberello di tramezzini.
Paté e mousse salati
decorate.
Albero buffet: Albero rivestito
decorato con antipasti vari.
Segnaposto originali.
Profiterol salato.
mercoledì 30 novembre
dalle ore 9:00 alle ore 15:00
costo: € 120,00
pranzo veloce incluso
Docente: Valentina GIGLI

SCUOLA DI CUCINA
A TAVOLA CON LO CHEF

Tel. 06-3222096
(Via dei Gracchi 60 – Roma) email : info@atavolaconlochef.it www.atavolaconlochef.it

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Colori vivaci per gli edifici della Newbury Street a Boston. (foto Eugenia Sciorilli)

L’interno del Prudential Center a Boston. (foto Eugenia Sciorilli)

Il North Market. (foto Eugenia Sciorilli)

Fiori, piante e zucche alla storica boutique di arte floreale Winston Flowers. (foto Eugenia Sciorilli)

Variazione in rosso del foliage nel Vermont. (foto Eugenia Sciorilli)

Le vetrine di Lackey’s, punto vendita di oggetti anni  Trenta e Quaranta situato nel centro di Stowe. (foto Eugenia Sciorilli)

Colori autunnali e tanta fantasia in un giardino privato. (foto Eugenia Sciorilli)

Una panchina in pietra. (foto Eugenia Sciorilli)

Il banco vendita del rinomato Laughing Moon Chocolates, il regno del cioccolatino fatto a mano. (foto Eugenia Sciorilli)

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Loira insolita

Montreal e Quebec City
la Francia in Nordamerica

Da Interlaken a Lucerna, natura e storia

Da Vancouver ai parchi nazionali con i treni
del Rocky Mountainee
r

Da Colmar a Strasburgo
tra i Vini dell’Alsazia

Inverno in Carinzia,
tra i Mercati Natalizi

Un percorso gastronomico
lungo la Corsica

Un Giro d’Europa
in un Boccale di Birra

Cambogia: un Violoncellista
molto speciale

Un Tour nelle Langhe,
tra i Terroirs del Barolo

Pasqua nell’isola di Kos,
natura in festa e tradizioni

Un Giappone sconosciuto

Lecce e Salento, magie
di un percorso

Granada: dove il passato
è presente

Se in un bosco d’autunno
un viaggiatore…

Il tesoro verde di Urbania

 

Itinerario autunnale nel New England

 

di Eugenia Sciorilli

Il Charles River a Boston. (foto Eugenia Sciorilli) C’è un’America yankee, e un’America cool. Gli scenari dell’Arizona o del Texas non assomigliano a quelli del New England, e l’American way of living che si percepisce a Boston, o nelle località costiere del Maine, o in quelle montane del Vermont, assume toni decisamente più british, in legame più stretto con le antiche origini.

Boston, la capitale del Massachussetts, si affaccia sull’Oceano Atlantico, e ha un patrimonio storico di eccezionale importanza. Qui è iniziata la lotta d’indipendenza dei coloni americani contro l’Inghilterra, e oggi ne è preziosa testimonianza il Freedom Trail, il percorso segnato in rosso sui marciapiedi della città che conduce a numerosi monumenti risalenti a quell’epoca storica.

Il Financial District, centro economico della città. (foto Eugenia Sciorilli) Boston, comunque, è una delle più affascinanti città del Nuovo Mondo non soltanto per il suo passato, ma anche per il suo presente: la sua è una forma urbana che si distingue per eleganza, modo di vivere quasi europeo… I grattacieli si mescolano ai grandi spazi verdi, i caffè in stile francese ai ristoranti asiatici, mentre il Charles River, enorme corso d’acqua, separa i quartieri centrali da quella straordinaria capitale universitaria che è Cambridge con il MIT e la Harvard University.

L’Old State House, il vecchio municipio. (foto Eugenia Sciorilli) Visitando Boston, assolutamente da non perdere è il quartiere di Back Bay, che risale all’epoca vittoriana, con viali alberati e tipici edifici in mattoni rossi; è confinante con il “Public Garden”, che ospita il primo orto botanico di pubblica proprietà fondato negli Stati Uniti. Ugualmente imperdibile è il “Financial District”, che ospita la Torre Campanaria della Custom House e quel meraviglioso reperto storico che è la Old State House. Assolutamente da raggiungere per una sosta di qualche ora, poi, è il Museum of Fine Arts, uno spettacolare museo che contiene migliaia di testimonianze artistiche dei cinque continenti, dall’antichità ai giorni nostri, con magnifici tesori d’arte; proprio in queste settimane viene proposta una mostra temporanea dedicata a Degas (fino al prossimo febbraio).

Un bosco nel Vermont. (foto Eugenia Sciorilli) Se si lascia Boston verso il nord, vale davvero la pena di visitare il Vermont: nella stagione autunnale è un’occasione imperdibile per ammirare il “foliage”, lo spettacolo naturale delle foglie che cambiano colore e assumono tinte suggestive, con tutte le sfumature tra il giallo e il rosso, ma in tutte le stagioni questa parte di territorio americano rivela un suo fascino tutto particolare, con ritmi quieti e panorami da cartolina.

L’insegna dello Ski Museum a Stowe. (foto Eugenia Sciorilli) Consigliamo di prendere un Greyhound dalla stazione degli autobus che si trova all’interno della South Station (nel Financial District, a due passi dal quartiere cinese di China Town). Con una modica cifra di 56 dollari (poco più di 40 euro) e con quattro ore e mezza circa di percorso in autostrada, dopo aver ammirato le fitte foreste del New Hampshire si arriva a Montpelier, la capitale dello Stato del Vermont, che a dispetto del suo ruolo conta meno di 10.000 abitanti e ha l’aspetto di una cittadina tranquilla, forse persino un po’ sonnacchiosa.

La sala dello Ski Museum di Stowe dedicata alla 10th Mountain Division che combattè a fianco dei nostri partigiani. (foto Eugenia Sciorilli) Ma basta poco più di mezz’ora in taxi per raggiungere Stowe, una rinomata località turistica assai frequentata sia d’estate che d’inverno grazie ai magnifici paesaggi che la circondano. La sua Main Street consente una passeggiata tra caffè e gallerie d’arte, negozi d’artigiano e sentieri verso i boschi. Proprio a Stowe, il Museo dello Sci riserva una sorpresa: uno spazio assai curato e ricco di documenti storici riguarda la 10th Mountain Division, una divisione alpina dell’esercito americano che tanto fece per la liberazione dell’Italia dal nazifascismo dopo l’8 settembre 1943, sia sulle nostre Alpi che sugli Appennini.

www.bostonusa.com

www.gostowe.com