| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Il Palazzo Ducale.

Il chiostro del Palazzo Ducale.

La facciata del Barco Ducale, residenza di caccia dei duchi.

Particolare del Barco Ducale.

Il Teatro Bramante.

La vegetazione nei dintorni di Urbania.

Panorama di Fermignano, a sinistra il Ponte sul Metauro.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Loira insolita

Montreal e Quebec City
la Francia in Nordamerica

Da Interlaken a Lucerna, natura e storia

Da Vancouver ai parchi nazionali con i treni
del Rocky Mountainee
r

Da Colmar a Strasburgo
tra i Vini dell’Alsazia

Inverno in Carinzia,
tra i Mercati Natalizi

Un percorso gastronomico
lungo la Corsica

Un Giro d’Europa
in un Boccale di Birra

Cambogia: un Violoncellista
molto speciale

Un Tour nelle Langhe,
tra i Terroirs del Barolo

Pasqua nell’isola di Kos,
natura in festa e tradizioni

Un Giappone sconosciuto

Lecce e Salento, magie
di un percorso

Granada: dove il passato
è presente

Se in un bosco d’autunno
un viaggiatore…

 

Alcuni percorsi nei dintorni dell’antica Casteldurante, in terra marchigiana

 

di Eugenia Sciorilli

Panorama di Urbania. A breve distanza da Gubbio, Urbino e Fano, situata nell’alta valle del fiume Metauro, la città di Urbania si distingue per la sua atmosfera quieta e per alcuni capolavori di architettura, come il Palazzo Ducale e il Barco Ducale, residenza di caccia distante un chilometro dal centro abitato. Urbania si chiamava un tempo Casteldurante, e ha legato la sua fama alla fabbricazione di pregiate ceramiche di origine rinascimentale, ma vale la pena di considerarla anche come punto di approdo di un percorso autunnale attraverso le magnifiche foreste e gli affascinanti siti naturali che la circondano.


OASI “LA BADIA” – Ambiente naturale di eccezionale varietà, l’Oasi Faunistica della Badia ospita colline e boschi con splendidi esemplari di quercia, ma soprattutto con un impressionante numero di volatili: oche selvatici, gru, aironi cenerini, pavoncelle, germani reali, folaghe, gallinelle d’acqua.

La cascata del Sasso. CASCATA DEL SASSO – Area tutelata nel comune di Sant’Angelo in Vado, presenta un magnifico spettacolo delle acque del Metauro, che precipitano da un parete rocciosa per dare vita una delle dieci principali cascate italiane. Una ricca vegetazione formata da salici e pioppi e la presenza di un vecchio mulino contribuiscono a rendere il paesaggio ancora più suggestivo.

MONTI DELLE CESANE – Antiche chiesette, mulini, ruderi di antichi castelli: questo e altro ancora viene offerto allo sguardo di chi si avventura tra queste montagne, che fanno da spartiacque tra i fiumi Metauro e Foglia. Soprattutto si possono ammirare vaste distese di conifere, grazie a una strada panoramica che sfocia alla Corte di Fossombrone.

GOLA DI CORGO A CERBARA – Scavata da un affluente del Metauro, il Candigliano, la gola ospita un’oasi floristica protetta. Ad accentuare il suo fascino c’è il fatto che una parete rocciosa di natura calcarea e di circa 200 metri, chiamata “Balza della Penna”, la domina dando vita a un paesaggio tipicamente carsico.

La Gola del Furlo nei pressi di Acqualagna. GOLA DEL FURLO – Altra oasi floristica protetta, di particolare valore storico oltre che naturalistico. Situata tra il Monte Pietralata e il Monte Paganuccio, nel comune di Fermignano, accoglie un ambiente rupestre di eccezionale bellezza, con pareti calcaree, radure erbose e lembi di bosco ceduo.

Tutti questi siti naturali fanno parte della Comunità Montana dell’Alto e Medio Metauro.


La country house Parco Ducale. DOVE DORMIRE – A pochi passi dal Barco Ducale, la country house “Parco Ducale” dispone di 11 camere e suite (queste ultime con angolo cottura), ed è ospitata in una fattoria dell’Ottocento. Immersa in un parco con piscina, offre alla clientela la sistemazione di Bed & Breakfast.

Tel. 0722-312872 – 340-6227688 – www.ilparcoducale.it


Un angolo del ristorante Osteria da Doddo. DOVE MANGIARE – Nel centro storico di Urbania, si può gustare un’eccellente cucina di tradizione nelle salette dell’Osteria “Da Doddo”, che nella bella stagione dispone anche di tavoli all’aperto. Aperta tutto il giorno, l’osteria offre un servizio cortese e un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Tel. 0722-319411 – 338-9661450

www.urbania-casteldurante.it

www.cm-urbania.ps.it