Tweet

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS |
| ASTERISCHI | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Loira insolita

Montreal e Quebec City
la Francia in Nordamerica

Da Interlaken a Lucerna,
natura e storia

Da Vancouver ai parchi nazionali
con i treni del Rocky Mountainee
r

Da Colmar a Strasburgo
tra i Vini dell’Alsazia

Inverno in Carinzia,
tra i Mercati Natalizi

Un percorso gastronomico
lungo la Corsica

Un Giro d’Europa
in un Boccale di Birra

Cambogia: un Violoncellista
molto speciale

Un Tour nelle Langhe,
tra i Terroirs del Barolo

Pasqua nell’isola di Kos,
natura in festa e tradizioni

Un Giappone sconosciuto

Lecce e Salento, magie
di un percorso

Granada: dove il passato
è presente

Se in un bosco d’autunno
un viaggiatore…

Il tesoro verde di Urbania

Da Boston al Vermont

I mercatini di Natale,
tradizione da assaporare

Da Todi a Torgiano

Un percorso in Austria
tra piccole città storiche

Da Tolosa agli Alti Pirenei

Let it boat, una crociera anni ‘60

Un tour nelle terre del Chianti

L’orto botanico,
tesoro verde di Edimburgo

Da Locarno ad Ascona,
angoli di lago Maggiore

Un tour di San Francisco,
la City con “Gentle People”

Banff National Park:
dove la natura è regina

Atmosfere dell’Avvento, un giro
d’Europa pregustando il Natale

Tra vigneti e città storiche
in una Germania insolita

I quattro angoli
di un’Irlanda gourmet

Un percorso verdiano nelle città d’arte della pianura padana

Da Amburgo a Brema, nella
Germania vicina all’Oceano

L’incanto della Giordania
tra la gente e la storia

Patrimonio mondiale
dell’Umanità, ecco i nuovi siti
scelti dall’Unesco

 

 

Un giro nella località delle Fiandre, Patrimonio Mondiale Unesco

di Eugenia Sciorilli

 

Bruges è acqua, ma è anche pietra medievale. È un compendio di magnifica architettura che risale a secoli lontani, ma anche di canali che rivelano una magia sottile e straordinaria. Non hanno sbagliato, all’Unesco, quando l’hanno scelta come sito del Patrimonio dell’Umanità. Nella motivazione di quella importante designazione (novembre 2000), si accennò tra l’altro a questa città belga, capitale della Fiandra occidentale, come a un “esempio eccezionale di habitat medievale, che ha ben conservato il tessuto urbano storico pur nell’evoluzione dei secoli”.

L'imbarcadero per la visita della città lungo i canali. (foto Eugenia Sciorilli) Il percorso in barca tra i canali della Venezia fiamminga. (foto Eugenia Sciorilli) La tipica architettura in gotico brabantino. (foto Eugenia Sciorilli) Bruges, giustamente considerata la città più romantica del mondo. (foto Eugenia Sciorilli)

Edifici nel centro storico proclamato Patrimonio Unesco nel 2000. (foto Eugenia Sciorilli) Uno scorcio della piazza del Markt. (foto Eugenia Sciorilli) I ristoranti che si affacciano sulla Piazza del Mercato. (foto Eugenia Sciorilli) Un parcheggio di biciclette, il più popolare mezzo di trasporto a Bruges. (foto Eugenia Sciorilli)

Racchiusa da un anello di canali dalla forma ovale, che seguono il tracciato delle mura centenarie, Bruges propone due piazze di incredibile impatto visivo: la Piazza del Mercato (“Grote Markt”), dominata dalla Torre Civica che è nota anche come “Torre dei Mercati” (risalente al tredicesimo secolo) e quella di Burg. Particolarmente suggestiva anche la piazza dell’antico mercato del pesce, Vismarkt, mentre assai pittoresca è Huidenvettersplein, una piazzetta che si caratterizza per la sua forma raccolta e per l’abbondante presenza di caffè e ristoranti.

Anche grazie alla sua vicinanza alle coste del Mare del Nord (appena tredici chilometri), Bruges è comunemente riconosciuta come la “Venezia fiamminga”. Non a caso vengono organizzati per i turisti vari giri sui canali, che permettono una visione “a filo d’acqua” di splendidi palazzi e scorci davvero spettacolari: giardini segreti, cortili nascosti, ponti di una bellezza rara.

Particolare della Torre Civica. (foto Eugenia Sciorilli) Statuette decorative alle finestre di un negozio di antiquariato. (foto Eugenia Sciorilli) L'insegna del Relais Bourgondisch Cruyce. (foto Eugenia Sciorilli) Una antica insegna in ferro battuto sulla Steenstraat. (foto Eugenia Sciorilli)

Negozio sulla Wollestraat di dentelles, pizzi realizzati a tombolo in tutte le possibili varianti. (foto Eugenia Sciorilli) Le vetrine di Godiva, premiata manifattura cioccolatiera belga fondata nel 1926. (foto Eugenia Sciorilli) L'angolo lettura dell'Hotel de l'Orangerie. (foto Eugenia Sciorilli)

Una volta tornati sulla terraferma, non bisogna perdersi l’esperienza ricca di emozioni di camminare, un po’ a zonzo, senza meta prefissata e magari noleggiando una bicicletta – decisamente il mezzo di trasporto più popolare e diffuso a questa latitudine del continente europeo – lungo le strade che partono a raggiera dal Markt, come l’incantevole Wollestraat o l’elegante Steenstraat, che si distingue per i negozi alla moda e i raffinati edifici.

Una città per tutte le stagioni, si potrebbe dire di Bruges. Dalle suggestioni della neve invernale – che aggiunge un’atmosfera quasi magica a quei tanti angoli già indimenticabili – alla solarità luminosa delle giornate estive, Bruges regala sempre, a chi la visita, un po’ del suo incanto.

www.brugge.be

http://whc.unesco.org/fr/list/996/