| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE |
| GALLERIA DEL GUSTO | RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | NEWSLETTER | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Il Menu
della Campagna Romana

I Vini della Provenza

La via culinaria
il salisburghese da Gourmet

 

 

 

 

 

 

 

 

 

tra le Contrade di Montepulciano

di Eugenia Sciorilli

 

Quando si ha la fortuna di visitare Montepulciano, i ricordi possono soffermarsi su mille dettagli.
Il viale di cipressi verso il tempio di San Biagio, ad esempio. L’affascinante conformazione della Val d’Orcia che si può ammirare dall’alto, con la magica sagoma di San Biagio che si staglia come un gioiello incastonato nel territorio. Le altrettanto suggestive atmosfere della Val di Chiana che si possono catturare dall’altro lato di questa splendida località della provincia di Siena, con il Lago Trasimeno sullo sfondo, magari da una terrazza di uno dei più storici locali d’Italia, il Caffè Poliziano. Tesori nascosti di architettura e di arte, come il Salone delle Feste di Palazzo Contucci affrescato da Andrea Pozzo. Le strade animate da tante enoteche e cantine, che propongono la degustazione di uno dei più apprezzati vini toscani, il Nobile di Montepulciano.
Dal 2003, il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano organizza un concorso eno-gastronomico nato da un'idea del giornalista Bruno Gambacorta (presidente della giuria) e intitolato “A Tavola con il Nobile”, che vede di anno in anno gareggiare tra loro, la settimana prima del Bravio delle Botti (che si svolge l’ultima domenica di agosto), le otto contrade che animano la vita cittadina: Cagnano, Collazzi, Coste, Gracciano, Poggiolo, San Donato, Talosa, Voltaia.
L’ottava edizione ha visto la meritata vittoria di Voltaia, le cui cuoche hanno preparato una zuppa di legumi dall’eccezionale equilibrio di sapori, come primo, e come secondo squisite lombatine di agnello fruttate. Seconda, con altrettanto merito, la contrada di Coste, che vanta la presenza in cucina della cuoca Federica, tanto simpatica quanto talentuosa (sua l’ottima ricetta delle “tagliatelle di pecorino con tocchetti di cinghiale”).
Ogni contrada, a ogni modo, si è impegnata in questa competizione di sapori abbinati al Vino Nobile, come dimostra il fatto che per un’intera settimana i contradaioli di Montepulciano hanno attirato turisti e concittadini con menù accattivanti di ricette tipiche, in cui hanno giocato un ruolo di spicco proprio quelle preparate per il concorso.


Da sapere: Il Vino Nobile di Montepulciano DOCG è tutelato da un Consorzio che riunisce tutte le cantine. Può essere prodotto solo nelle aree collinari entro i confini comunali da uve di Prugnolo gentile (80%), Canaiolo Nero (15%) e Mammolo (5%).Il suo carattere deciso, dal bouquet complesso, intenso e persistente, si esalta in abbinamento con selvaggina, carni rosse alla brace, arrosti importanti, formaggi stagionati.


www.comune.montepulciano.siena.it
www.consorziovinonobile.it