| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE |
| GALLERIA DEL GUSTO | RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | NEWSLETTER | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Partita a Scacchi

Il Caleidoscopio:
...ovvero riflessioni
di un barman

Si fa presto
a dire Martini

prima puntata
seconda puntata

Una simpatica Canaglia

La Corte dei Miracoli

Bluesman

Un Ricordo Speciale

 

 

 

 

 


Continua la carrellata di aneddoti dell’Assistant Bar Manager del de Russie: questa
volta il protagonista del racconto è il cantante Mal. Ovvero: quando l’apparenza inganna

di Sergio Trisolino

Ve lo ricordate Mal dei Primitives, quello di “Furia cavallo del west” e storico interprete di “Parlami d’amore Mariù”e di altre canzoni di successo? Bene una sera era nel locale dove lavoravo anni fa, il Fonclea, storico locale dove tanti artisti poi diventati famosi hanno fatto la loro gavetta. Mal era seduto al bancone con Guido, un abitué che veniva spesso e che sapevo che gravitava nel mondo musicale ma ignoravo che fosse un produttore e impresario.
Mentre ero intento a preparare le varie bevande colgo una conversazione tra i due piuttosto anomala. I due erano intenti a scambiarsi vere e proprie frasi d’amore. Ovviamente un barman che si rispetti non fa commenti e non esprime giudizi, anche perché il mondo della notte è pieno di storie in tal senso dove la cosiddetta normalità ha parametri diversi rispetto allo specchio del mondo diurno e la trasgressione è di casa. Ma l’espressione del mio volto deve avere in qualche modo, sia pure per qualche istante, tradito quello che è l’aplomb professionale .
Mal, che è una persona di una simpatia e semplicità straordinaria, coglie forse il mio imbarazzo e scoppiain una fragorosa risata dando una pacca sulle spalle del nostroamico in comune,Guido. “Hey, Guido” dice nel suo improbabileitalian-english, “ ci stannoscambiando per dueomosessuali!” I due, appollaiati sul banconedavanti alla loro pinta di birra, stavano gettando le basi per una nuova canzone. Stavano scrivendo un testo per un nuovo successo!!! Sorry!