| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Claudio Abbado e Martha Argerich al pianoforte.

La pianista Martha Argerich.

Maria Joao Pires.

Helene Grimaud.

L’oboista Lucas Macias Navarro.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


A tu per tu con Ashkenazy

Intervista a Luis Bacalov

Antonio Pappano
Globetrotter della Musica

Intervista esclusiva
a Daniel Harding

Leo Nucci a Parma
per il Festival Verdi

Bologna Jazz Festival:
Grandi Nomi, Grande Musica

Daniel Barenboim alla Scala
e la musica risveglia il tempo

Con il 2011 Concerti
e Lezioni tornano
al Parco della Musica

Paolo Fresu
tra progetti e passioni

Alberto Martini
e i Virtuosi Italiani,
intervista tra passato e futuro

 

 

 

 

 


Con sede a Bologna, è guidata dal grande Maestro Claudio Abbado

di Eugenia Sciorilli

 

Il Maestro Abbado con l’Orchestra Mozart durante le prove. L’Orchestra Mozart, creata a Bologna nel 2004 e affidata a Claudio Abbado, uno dei più grandi direttori d’orchestra del nostro tempo, è un’isola felice nella triste crisi culturale di questo inizio di terzo millennio, quasi un piccolo miracolo in un’Italia distratta e spenta, un ensemble di eccellenze musicali, come testimonia la presenza di apprezzati solisti: Giuliano Carmignola, Danusha Waskiewicz, Wolfram Christ, Enrico Bronzi, Mario Brunello, Alois Posch, Jacques Zoon, Alessandro Carbonare, Alessio Allegrini, Reinhold Friedrich.

Il Maestro Claudio Abbado sul podio. La stagione 2011 dell’Orchestra Mozart prende il via questo mese, e propone subito una serie di appuntamenti imperdibili: martedì 12 aprile, al Teatro Comunale di Ferrara, l’esordio stagionale prevede un concerto con la partecipazione anche della Mahler Chamber Orchestra e del violinista Vadim Repin, con Diego Matheuz sul podio e con musiche di Ravel, Prokof’ev e Stravinsky, concerto che sarà replicato al Teatro Manzoni di Bologna domenica 17 aprile.

Sempre al Manzoni di Bologna, sabato 16 aprile, inizia una tournée di eccezionale valore artistico: l’Orchestra Mozart e la Mahler Chamber Orchestra, accompagnate dall’Estonian Philharmonic Chamber Choir, saranno dirette per l’occasione da Claudio Abbado con la partecipazione della celebre pianista Martha Argerich, per un concerto che prevede splendide pagine di Debussy e Ravel e tappe al Teatro Valli di Reggio Emilia, lunedì 18 aprile, e all’Auditorium Parco della Musica di Roma, giovedì 21 aprile.

Claudio Abbado mentre dirige l’Orchestra Mozart. Successivamente, il 7 giugno, è in calendario il concerto inaugurale del Ravenna Festival, diretto da Abbado, cui seguirà un appuntamento musicale organizzato dall’Associazione VIDAS (che segue migliaia di malati terminali) il giorno seguente al Teatro dal Verme di Milano, con la direzione di Matheuz, cui si avvicenderà nuovamente Abbado il 9 giugno a Brescia. Sempre nel mese di giugno, si terrà a Segovia un concerto in occasione del conferimento del Premio “Don Juan de Borbòn de la Mùsica” a Claudio Abbado, che sarà devoluto dal Maestro alla stessa Orchestra Mozart.

Il Maestro durante il concerto a Ferrara. Nella stagione autunnale, sono previste importanti tournée all’estero: due serate al Musikverein di Vienna (28 e 29 settembre), che faranno da preludio alle residenze annuali programmate dal 2012, e il concerto alla Alte Oper di Francoforte (19 ottobre), che inaugurerà le Giornate della cultura della Banca Centrale Europea, dedicate nel 2011 all’Italia. Anche dal punto di vista discografico, sarà un anno ricco di uscite e nuove realizzazioni, tutte per la Deutsche Grammophon. In programma, infatti, nuove incisioni con Maria João Pires e Hélène Grimaud, dedicate a quattro splendidi concerti per pianoforte di Mozart.

Il direttore Diego Matheuz durante le prove. Inoltre, dopo i lusinghieri successi di critica e di vendite dei Concerti Brandeburghesi di Bach ora editi in CD, sarà pubblicata a partire da maggio la collana con i Concerti per orchestra e strumenti a fiato di Mozart, interpretati da Alessio Allegrini, Jacques Zoon, Alessandro Carbonare, Guilhaume Santana, Lucas Macias Navarro. E il prossimo anno, dopo il primo disco del 2008 dedicato a Sinfonie di Mozart che entrò nella classifica Pop, ne uscirà un secondo, con la n. 39 e la n. 40.

In occasione dei recenti tagli ai finanziamenti statali alla cultura e allo spettacolo, Claudio Abbado – proprio in qualità di direttore artistico dell’Orchestra Mozart – ha voluto rilasciare la seguente dichiarazione:

Il violinista Vadim Repin. “Con i concerti dell’Orchestra Mozart in Italia e all’estero e con la volontà di portare ancora la musica là dove si rivela quale fondamentale supporto umano e sociale (nelle carceri, negli ospedali), stiamo cercando nel nostro piccolo di contrastare quella desolante mentalità che riduce la cultura del nostro paese alla stregua di una spesa superflua per la collettività e che, al grido di Con la cultura non si mangia, intende assimilare Teatri, Musei, Biblioteche ai cosiddetti enti inutili.
In questi anni l’Orchestra Mozart è diventata sempre più una realtà di eccellenza: vi partecipano grandi solisti e giovani talenti, provenienti dall’Italia e da tutti i paesi d’Europa. Ritrovarsi sul palco con loro è sempre una festa. È con il nostro fare musica e fare cultura, più che con tante parole o dibattiti, che cerchiamo di contrastare questa banalizzazione, questa mistificazione della realtà. Quella in cui a noi piace vivere è una realtà piena di musica, di arte e di bellezza. Ho sempre presente la famosa frase di Nietzsche: Senza musica la vita sarebbe un errore.”

Senza la presunzione di commentare queste frasi del M° Abbado così dense di significati, ma parafrasando un celebre romanzo di Garcia Marquez, si potrebbe dire: la bellezza e l’arte ai tempi della crisi.

Da sapere:
L’Orchestra Mozart nasce da un'idea di Carlo Maria Badini e di Fabio Roversi-Monaco, grazie all'apporto determinante della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, ed è inserita quale progetto speciale nelle programmazioni dell’Accademia Filarmonica di Bologna.
Claudio Abbado ha delineato il profilo dell'orchestra, invitando strumentisti di rilievo internazionale; accanto a loro, una quarantina di giovani musicisti provenienti da tutta l'Europa, oltre che dal Venezuela e da altri paesi del mondo. Dal 2010, Abbado ha voluto al suo fianco Diego Matheuz come Direttore Ospite Principale. Venezuelano, già assistente di Gustavo Dudamel, Matheuz rappresenta uno degli esiti più felici del ben noto "Sistema" di Josè Antonio Abreu e si sta rapidamente imponendo come uno dei giovani talenti più promettenti a livello internazionale.
www.orchestramozart.com

 

Le foto d’autore che illustrano questo articolo, di Marco Caselli Nirmal, sono pubblicate per gentile concessione di Diego Ravetti, responsabile dell’Ufficio Stampa dell’Orchestra Mozart, al quale vanno i nostri ringraziamenti.