Con
www.ballareviaggiando.it
balli e viaggi sul web


È on line il web magazine www.ballareviaggiando.it che intende focalizzare l’attenzione su tutti gli eventi correlati ai balli dei vari paesi (festival, spettacoli, appuntamenti, raduni, stage, libri, film, mostre) in programmazione in Italia o all’estero, invitando al contempo a viaggiare nei paesi di origine per scoprirne storia, tradizioni e cultura e a ballare in un’atmosfera tutta particolare…

Su BallareViaggiando.it – a cadenza mensile ma con aggiornamento costante delle news – focus tematici sui vari paesi che si esprimono nella danza, Italia compresa: da Cuba e la sua salsa, Santo Domingo e il merengue, la Spagna e il flamenco, Vienna e il valzer, la pizzica del Salento, Buenos Aires e il tango .... Più notizie e informazioni su pacchetti di viaggio a tema, crociere e itinerari legati al ballo, approfondimento degli eventi in programmazione, spettacoli, raduni, stage.

Il web magazine si articola infatti in tre sezioni base – paesindanza - eventiprotagonisti - cui si aggiunge tutta una serie di news su spettacoli, eventi,festival, appuntamenti, scuole di ballo, proposte di viaggio, curiosità, personaggi, emozioni della danza legate al cinema e alla letteratura e quant'altro.

Ballareviaggiando è presente anche su Facebook (Ballare Viaggiando Gruppo )

Una sezione - Cantare Ballando - è riservata agli anni 60/70, ai personaggi
e protagonisti di quegli anni
“ruggenti” con l'obiettivo di organizzare anche eventi musicali (Cantare Ballando Group).

Contatti:
Ester Ippolito Paparozzi (esterippolito@libero.it)
06-5122782
Cell. 333-439314

Livia Rocco
(liviarocco@tin.it
)

Elio Ippolito, responsabile di Cantare Ballando Group (elio.ippolito@libero.it)

 




| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Monet sotto lo sguardo
di Clemenceau

La Londra musicale

La casa di Renoir
circondata dagli Olivi

Il Festival di Edimburgo
tre settimane
di estate scozzese

Dopo Bolghery Melody alla scoperta dei vigneti

Bolghery Melody
Musica e Cantine

Passeggiata nel Gargano
alla scoperta di Vieste

Magia d’Autunno tra canali
e Concertgebouw

Novità dall’Italia e dal Mondo
al TTG Incontri di Rimini

Un giro del mondo
tra fiabe e vini

Luoghi affascinanti
della terra per i dodici segni
dello Zodiaco

 


Un sabato invernale tra natura, arte e musica

di Eugenia Sciorilli


Ore 10 del 15 gennaio – Sto arrivando in treno alla stazione di Lugano, dopo un itinerario tra le acque del Lago di Como e i boschi della Lombardia. Direttamente in stazione, trovo la funicolare che in pochi minuti mi trasporta nel centro della città. Lascio il bagaglio in albergo e mi avventuro alla riscoperta di Lugano, che mi ha accolta per la prima volta a metà degli anni Novanta.
Ore 11 – Dopo aver raggiunto le rive del lago e aver respirato l’aria fresca di una mattinata dal clima mite, decido di visitare il museo dedicato a Hermann Hesse, a Montagnola. Sono pochi i chilometri che separano questo villaggio da Lugano, e vale la pena di farci un salto per scoprire l’universo di uno degli scrittori più affascinanti del Novecento. Il Museo Hermann Hesse, fino a tutto febbraio, è aperto soltanto nei giorni del fine settimana, sabato e domenica, dalle 10 alle 17.30, mentre da marzo a ottobre è aperto tutti i giorni, con orario 10-18.30. È la Torre Camuzzi a ospitarlo dal 1997, e come Casa Camuzzi (la residenza di Hesse) domina il lago in una porzione di paesaggio di grande quiete e bellezza. Qui Hermann Hesse scrisse alcuni dei suoi capolavori, come “Siddharta” e “Il gioco delle perle di vetro”.
Ore 14 – Torno a Lugano, e mi fermo in un caffè per uno snack. Il pomeriggio è dedicato a una lunga e gradevole passeggiata tra le stradine e i vicoli del centro storico e poi sul lungolago, proprio al momento del tramonto, che si avvantaggia della bella giornata di sole.
Ore 17 – Mentre mi accosto al cancello del Parco Ciani, un delizioso angolo di verde pubblico che delimita una parte di lago, l’insegna di una mostra ospitata nello storico edificio di Villa Ciani attira la mia attenzione. È la mostra “Ineffabile Perfezione. La fotografia del Giappone 1860 – 1910” che si può visitare fino al 27 febbraio e che fa parte di un più ampio percorso espositivo comprendente quattro mostre e numerosi eventi. L’iniziativa mira ad illustrare importanti aspetti della civiltàn nipponica: dalle origini dell'arte e dalle antiche tradizioni fino alle forme artistiche più contemporanee, inclusi i grandi interpreti della fotografia.
Ore 20 – Raggiungo il Palazzo dei Congressi: tra mezz’ora è previsto l’inizio di un concerto che ha fatto da spunto a questo viaggio. È una tappa della tournée che vede protagonisti Paolo Fresu, celebre tromba del jazz, insieme ai Virtuosi Italiani guidati dal violino di Alberto Martini. Da un inizio emozionante – gli interpreti che si accostano al palco scendendo i gradini della platea e della galleria – fino agli applausi finali di un pubblico entusiasta, il concerto “Back to Bach” è un magnifico collage di note barocche e jazz.

http://www.lugano.ch/turismo
http://www.hessemontagnola.ch
http://www.nipponlugano.ch
www.ivirtuosiitaliani.it