EVENTI DI MARZO
ALLA SCUOLA DI CUCINA
A TAVOLA CON LO CHEF

STOP... AGLI SPRECHI
IN CUCINA!

1 lezione full time Andy Luotto vi coinvolgerà nella preparazione di incredibili piatti economici con quanto è rimasto della vostra spesa.
venerdì 4 marzo
dalle ore 10:00 alle ore 15:00
• costo: € 100,00
Chef: Andy LUOTTO

LA CUCINA DI CASA
4 lezioni - 1 lezione
a settimana di 4 ore
Nelle 4 lezioni Helle
(da 30 anni in Italia e sposata
a un giornalista italiano)
vi insegnerà a preparare
pranzi e cene convelocità
e facilità tenendo presente
la corretta conservazione
per preparare in anticipo
i vari piatti.
Corso pratico.
• inizio mercoledì 9 marzo
dalle ore 17:00 alle ore 21:00
• costo: € 320,00
Chef: Helle POULSEN

LA CUCINA DI CASA
GIAPPONESE

2 lezioni di 4 ore
La nostra Yuko Tamei,
originaria di Osaka,
porterà nella nostra scuola
la cultura della cucina
giapponese e del cibo che
si consuma normalmente
nelle case giapponesi.
Verrà spiegata la cultura
del riso, per passare poi
alle zuppe, a uno snack
da cuocere sulla piastra e
altre specialità gastronomiche.
martedì 22 e 29 marzo
dalle ore 16:00 alle ore 20:00
• costo: € 160,00
Docente: YUKO TAMEI
(pittrice e gastronoma)


Contatti:
Info: Telefono : 06-3222096
EMail : info@atavolaconlochef.it

 




| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Monet Claude Veduta di Bordighera, 1884 olio su tela, cm 66 x 81,8 Los Angeles, The Armand Hammer Collection (dono di Armand Hammer Fondation. Hammer Museum, Los Angeles).

Cézanne Paul La montagna Sainte-Victoire, 1904-1906 olio su tela, cm 65 x 81- 66 x 81,5 collezione privata.

Claude Monet: Cap d’Antibes, Mistral, 1888 olio su tela, cm 66 x81,3. Boston, Museum of Fine Arts.

Vincent van Gogh Arles vista dai campi di grano, 1888 olio su tela, cm 73 x 54 Parigi, Musée Rodin.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Monet sotto lo sguardo
di Clemenceau

La Londra musicale

La casa di Renoir
circondata dagli Olivi

Il Festival di Edimburgo
tre settimane
di estate scozzese

Dopo Bolghery Melody alla scoperta dei vigneti

Bolghery Melody
Musica e Cantine

Passeggiata nel Gargano
alla scoperta di Vieste

Magia d’Autunno tra canali
e Concertgebouw

Novità dall’Italia e dal Mondo
al TTG Incontri di Rimini

Un giro del mondo
tra fiabe e vini

Luoghi affascinanti
della terra per i dodici segni
dello Zodiaco

Una giornata a Lugano

 

Alla mostra “Mediterraneo” eccezionali itinerari d’autore

di Eugenia Sciorilli


Palazzo Ducale, Genova“È terribilmente difficile, ci vorrebbe una tavolozza di diamanti e pietre preziose”. Questa frase, che Claude Monet scrive durante un soggiorno sulla Riviera Ligure il 2 febbraio 1884, è la testimonianza preziosa di quanto fosse intenso l’impatto che le coste e il paesaggio del Mediterraneo esercitarono sul grande maestro impressionista.

Commentando quell’esperienza, il critico d’arte Marco Goldin scrive – nell’introduzione al catalogo della mostra “Mediterraneo” (di cui è curatore) – che, dopo essere sceso al Sud dalla Normandia, Monet “nomina spesso, nelle sue lettere bellissime, la parola invraisemblance, che è l’esperienza dell’inverosimile, data da luci e colori nuovi”.

Georges Braque: Il porto de L’Estaque, 1906 olio su tela, cm 38 x 46. Zurigo, Stiftung Sammlung E. G. Bührle Alcune magnifiche tele di Monet si possono ammirare al Palazzo Ducale di Genova fino al prossimo
1° maggio, insieme ad altre splendide opere di famosi artisti, in un arco temporale che spazia tra Courbet e Matisse. In tutto, circa ottanta dipinti, provenienti da musei e collezioni di tutto il mondo, che vuole proporre ai visitatori un itinerario magico dentro il colore. Quel colore del Mediterraneo che fece scrivere a Vincent Van Gogh: “Colore cangiante, non sai mai se sia verde o viola, non sai mai se sia azzurro, perché il secondo dopo il riflesso cangiante ha assunto una tinta rosa o grigia”.

Gustave Courbet: La spiaggia a Palavas (particolare), 1868 olio su tela Montpellier, Musée Fabre Nella prima parte della mostra, si documenta il cambio di prospettiva che gli ambienti naturali del Mediterraneo assunsero agli occhi dei pittori, soprattutto grazie alla presenza di Camille Corot. C’è poi una seconda parte della mostra, in cui viene evidenziato il fondamentale ruolo degli impressionisti, attraverso le loro visite, o soggiorni più o meno prolungati, in Provenza e lungo le coste del Mediterraneo, sia sul versante francese che su quello italiano. Oltre agli artisti già citati, sono esposti quadri anche di Cézanne, Renoir (che sceglie di vivere proprio in un angolo di terra provenzale, a Cagnes-sur-Mer), Boudin, Guillaumin, Munch, Derain, Braque, Dufy, Bonnard e altri ancora. Capolavori che racchiudono il fascino del Mediterraneo in tutte le sue sfaccettature, così come il loro sguardo e la loro anima avevano avvertito, e lo trasmettono anche a noi.

Da sapere: sono le sale dell’Appartamento del Doge a ospitare la mostra, organizzata da Linea d’Ombra. Nell’ultima settimana di aprile e fino al giorno di chiusura (1° maggio), l’esposizione coinciderà con l’edizione 2011 di “Euroflora”, il grande appuntamento che si tiene ogni cinque anni alla Fiera di Genova e che attira appassionati di fiori e giardini da tutto il mondo. La mostra è aperta tutti i giorni, e il prezzo del biglietto è di 10 euro.

www.palazzoducale.genova.it
www.lineadombra.it