| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Il Palazzo del Governo a Calcutta, 1922. (foto George Granthan Bain Collection/Library of Congress)

Tagore con Gandhi nel 1940 a Shantiniketan nel West Bengala.

La raccolta di poesie Gitanjali in un’edizione della Giunti Demetra.

I Misteri del Bengala pubblicato da Donzelli Editore.

La Prayer Hall a Shantiniketan.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Il Faro di Virginia

Marguerite Yourcenar
Grande Dame della letteratura

Novantanni di Vita
per il Festival di Salisburgo

Il Grand Palais
accoglie Monet

Leonard Bernstein,
la gioia di fare Musica

Alphonse Mucha, l’Artista dell’Art Nouveau

Ricordi di Mahler e della
Secessione in un weekend
d’inverno a Vienna

Un ricordo di Renoir
a San Marino in compagnia
di Monet e Cezanne

Il Teatro Sistina,
anniversari da ricordare

Luchino Visconti, due film
e l’omaggio di un teatro

L’Austria per l’Italia Hotels
festeggia il suo quarto
di secolo

Pellegrino Artusi,
l’arte del mangiar bene

Il sogno della Belle Epoque
e la tavolozza di Boldini

Un uomo, la sua Recherche

La Belle Epoque e la Parigi
di Toulouse-Lautrec

Il grande cinema
di cinquanta anni fa

 

A 150 anni dalla nascita del grande poeta indiano

di Eugenia Sciorilli

 

Rabindranath Tagore in un ritratto fotografico del 1909. Grande poeta, grande viaggiatore, grande amante della natura, grande pedagogo. È stato tutto questo Rabindranath Tagore, Premio Nobel per la Letteratura nel 1913, di cui quest’anno si celebra il 150simo anniversario della nascita. Nato a Calcutta nel 1861 da nobile famiglia, cresciuto in condizioni agiate, Tagore viaggia a più riprese in Europa fin da giovanissimo: l’occasione è il suo trasferimento in Inghilterra per studiare diritto. Raggiunge fama internazionale con le sue opere di poesia, che lui stesso traduce in inglese dal bengali, attirando l’attenzione di Erza Pound e William B. Yeats.

Tagore a Hampstead in Inghilterra nel 1912. Oltre che per i suoi versi – che sono dominati da un’esaltazione dell’amore e della magnificenza della natura – Tagore è passato alla storia perché nel 1901 decide di creare a Santiniketan nei pressi di Bolpur (cento chilometri distante da Calcutta) una scuola dove mettere in pratica i suoi ideali pedagogici: gli allievi vengono accompagnati dai docenti a fare lunghe passeggiate all’aria aperta, affinché possano affinare le proprie qualità sensoriali, oltre che mentali, in base ai principi dell’Ashram (Santuario della foresta). Negli anni successivi, Tagore viene colpito da tre lutti tremendi: tra il 1902 e il 1907 perde sia l’amata moglie sia due figli.

Tagore alla Sesta Conferenza sulla Letteratura nel Gujarat, 1920. Le tragiche esperienze che Tagore si trova a dover affrontare all’inizio del Novecento non abbattono la sua tempra, al contrario: proprio in coincidenza con quegli eventi dolorosi Tagore scrive la sua raccolta di poesie più celebre: “Gitanjali”, Il Giardiniere. Oltre a dedicarsi alla scrittura (è autore anche di testi teatrali) e all’insegnamento nella sua scuola-ashram, torna a viaggiare in diversi Paesi come conferenziere, e quei frequenti viaggi gli consentono di entrare in contatto con straordinari personaggi del suo tempo, come Albert Einstein, che incontra in Germania nel 1930.

Il Quartiere Europeo di Calcutta nel 1922. Scrive Flavia Arzeni nel suo saggio Un’educazione alla felicità (Rizzoli Editore): “Tagore fu una figura smagliante ed enigmatica, una mente illuminata e profondamente contraddittoria. (…) Resta senza dubbio tra le figure più significative della letteratura del ventesimo secolo e tra le personalità più singolari e carismatiche che abbiano percorso i cinque continenti”.

I MENÙ DI CUCINARE
È FACILE

4 lezioni - 1 lezione
a settimana di 4 ore
Approfondimento del corso "Cucinare è facile"...
Quattro golosi menù da proporre in occasione
delle vostre serate...
...e da affrontare con lo stesso entusiasmo e filosofia
che hanno caratterizzato
i nostri precedenti incontri
magistralmente condotti
da Antonio Chiappini.
Corso pratico.
Degustazione
dei piatti preparati.
inizio: sabato 12 novembre
dalle ore 10:00 alle ore 14:00
costo: € 500,00
Chef Antonio CHIAPPINI

PIATTI DI PESCE
3 lezioni - 1 lezione
a settimana di 4 ore
Antonio Chiappini
Vi insegnerà al meglio
come riconoscere il pesce
di mare dal pesce di allevamento, come acquistare,
pulire, sfilettare e cucinare
in modo appropriato le varie
specie di pesce. Il pesce
azzurro, il pesce bianco,
i molluschi, i crostacei e
i pesce d’acqua dolce
non avranno più segreti.
Corso pratico.
martedì 15, 22, 29 novembre
dalle ore 17:00 alle ore 21:00
costo: € 350,00
Chef Antonio CHIAPPINI

IL NATALE SALATO
E DECORATO
DI VALENTINA

1 lezione pratica full-time
Chi l‘ha detto che
Valentina Gigli si dedichi
solo alla decorazione
in pasticceria? In questa
lezione ci dimostrerà tutta
la sua arte, maestria e
passione per il salato con
ricette divertenti
e stuzzicanti come:
Cornucopie di sfoglia
con insalata di gamberi. Alberello di tramezzini.
Paté e mousse salati
decorate.
Albero buffet: Albero rivestito
decorato con antipasti vari.
Segnaposto originali.
Profiterol salato.
mercoledì 30 novembre
dalle ore 9:00 alle ore 15:00
costo: € 120,00
pranzo veloce incluso
Docente: Valentina GIGLI

SCUOLA DI CUCINA
A TAVOLA CON LO CHEF

Tel. 06-3222096
(Via dei Gracchi 60 – Roma) email : info@atavolaconlochef.it www.atavolaconlochef.it