| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS |
| ASTERISCHI | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Tweet

 

 



clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Monet sotto lo sguardo
di Clemenceau

La Londra musicale

La casa di Renoir
circondata dagli Olivi

Il Festival di Edimburgo
tre settimane
di estate scozzese

Dopo Bolghery Melody alla scoperta dei vigneti

Bolghery Melody
Musica e Cantine

Passeggiata nel Gargano
alla scoperta di Vieste

Magia d’Autunno tra canali
e Concertgebouw

Novità dall’Italia e dal Mondo
al TTG Incontri di Rimini

Un giro del mondo
tra fiabe e vini

Luoghi affascinanti
della terra per i dodici segni
dello Zodiaco

Una giornata a Lugano

Alla mostra “Mediterraneo”
eccezionali itinerari d’autore

Impressionisti a Milano,
capolavori
della Collezione Clark

Destinazioni di primavera
dai giardini ai ghiaccia

Giardini d’autore

Irripetibili anni ‘60
tra Roma e Milano

Vecchio e nuovo a Lione

L’orologio dell’amore:
intervista a Marco Pesatori

Il tema del viaggio nell’arte
di Van Gogh e Gauguin

Tre proposte di viaggio
tra l’Avvento e Capodanno

Cézanne e gli albori
della fotografia

Il nuovo look
di due musei americani

Keukenhof e Floriade,
immersione nella natura

I giardini di Sorolla
e il lago dei Lotze

Destinazioni di primavera:
Cannes e Basilea

Da Art & Tourism
tre proposte per l’estate

Torna la settimana verde: dall’Austria con brio

Renoir a Pavia,
la Vie en Peinture

Ferrara vive, un anno
di grandi appuntamenti

Il geniale Paul Klee,
il sublime Vermeer

I monumenti nazionali di Francia
tra passato e presente

 


Tradizioni e novità nella città simbolo della Mitteleuropa

di Eugenia Sciorilli

Un angolo di prelibatezze alla storico Caffè Demel. (foto Eugenia Sciorilli) Mai come negli ultimi mesi Vienna ha saputo mescolare l’antico e il moderno, l’eleganza dei suoi quartieri storici con l’effervescente dinamismo di nuovi ristoranti, musei, eventi. Se il gusto dell’arte si avvicina alla realtà e non alla retorica, Vienna lo può davvero insegnare al mondo.
A pochi passi dal tradizionale Caffè Demel, fondato nel 1786, sta sorgendo il Goldenes Quartier, un mix di negozi, hotel e appartamenti di lusso. L’Augarten, il magnifico giardino barocco che un tempo ospitava la residenza di campagna degli Asburgo, accoglie sia la raffinata casa di porcellane “Augarten” sia uno spazio recentemente inaugurato da Francesca Habsburg e dedicato all’arte contemporanea, il Thyssen-Bornemisza Art Contemporary – Augarten. Al suo limite, anche la nuova sala da concerto dei Piccoli Cantori di Vienna. Uno dei mercatini dell’Avvento più frequentati e amati di Vienna è quello di Spittelberg, un quartiere che dopo aver conosciuto un lungo periodo di decadenza è diventato negli ultimi anni un luogo di tendenza, dal fascino speciale.

Esposizione di porcellane nel Museo delle Manifatture Augarten. (foto Augarten) Un caffè tipico del quartiere Spittelberg. (foto Eugenia Sciorilli) Mentre si sta archiviando un 2012 in omaggio a Gustav Klimt che ha fatto confluire a Vienna visitatori da tutto il mondo, questa splendida città che fa da simbolo alla Mitteleuropa si sta proiettando verso il 2013 con un motto che è tutto un programma “Il gusto dell’arte”. Il prossimo anno, dunque, sarà dedicato non a un singolo tema, ma a una filosofia di vita. Un esempio? Il 1° marzo prossimo viene riaperta all’interno del Kunsthistorisches Museum la Camera del Tesoro (Kunstkammer), e nello stesso museo, ogni domenica, viene data già da ora l’occasione di un brunch davvero particolare: si può prenotare un tavolo, assaggiare varie pietanze e, tra un piatto e l’altro, girovagare tra le varie sale per ammirare centinaia di capolavori.

I Piccoli Cantori di Vienna in corcerto. (foto Wiener Hofmusik Kapelle) Tra le proposte gastronomiche di alto livello, oltre alle straordinarie torte del già citato Caffè – Pasticceria Demel, vale la pena di ricordare il Ristorante Do & Co Albertina, che fa parte integrante del Museo dell’Albertina, e che si può raggiungere dopo una visita al Museo dell’imperatrice Sissi, nell’Hofburg. Per una gradevole sosta culinaria si può suggerire anche il Cafè-Restaurant Décor, che si trova vis-à-vis con il Museo di Porcellana Augarten.

Quanti invece desiderano una vista panoramica veramente spettacolare, a 360 gradi, possono gustare una cena o un cocktail al 18simo piano dell’Hotel Sofitel: qui, affacciato sul Canale del Danubio, è aperto il Bar Ristorante Le Loft, con menù creati dallo chef Antoine Westermann. A pochi passi dal Burggarten apre le sue porte il Ristorante Palmenhaus, un ottimo indirizzo per gli amanti del pesce (un tempo era una serra di palme, che tuttora circondano la clientela), mentre a trasformare un vecchio sottopassaggio proprio accanto al Teatro dell’Opera di Vienna hanno pensato saggiamente i proprietari dell’Albertina Passage, un ristorante di qualità che è anche American bar e club con musica dal vivo e dj.

Come si può capire, ce n’è davvero per tutti i gusti. Minimo comune denominatore? L’arte, naturalmente.

L'edificio del Kunsthistorisches Museum. (foto Turismo Austriaco) La Saliera di Benvenuto Cellini in mostra alla Kunstkammer, la Camera del Tesoro. (foto Turismo Austriaco) L'interno del Do e Co Albertina. (foto Do e Co) La struttura Jugendstil del ristorante Palmenhaus. (foto Palmenhaus)

Il Dinner Club dell'Albertina Passage. (foto Albertina Passage) Brunch domenicale al Kunsthistorisches Museum. (foto Eugenia Sciorilli) L'elegante bancone del Bar-Restaurant Décor, nell'Augarten. (foto Eugenia Sciorilli) La sala panoramica del ristorante Le Loft. (foto Le Loft)

Da sapere – Per girare Vienna in tutta comodità, si può acquistare al prezzo di 19,90 euro la carta dei trasporti pubblici per 3 giorni interi: “72 Stunden Wien – Karte”, che dà diritto a numerose riduzioni. Ma da non sottovalutare l’occasione di passeggiare per il centro storico di Vienna in tutte le ore: Vienna è una delle città più sicure d’Europa.

www.vienna.info