| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Il Menu
della Campagna Romana

I Vini della Provenza

La via culinaria
il salisburghese da Gourmet

A tavola con il Nobile tra le Contrade di Montepulciano

Sul solco della Tradizione un giovane Chef e le sue Ricette

Parmigiano Mon Amour!

Prosciutto di Parma,
un Re del gusto

Bere il territorio,
il concorso di Go Wine

Intervista a Beppe Maffioli
nel suo “Carlo Magno”

Tesori gastronomici
tra Rodano e Alpi

La Rocca di Vignola
e i tesori gastronomici
di Modena

Santa Lucia di Cava

A tavola con la storia

Sapori di contrada
a Montepulciano

Sapori di contrada
a Montepulciano

La splendida avventura
di Eat Parade

Roma e la sua provincia,
sapori di qualità

Formaggi dalla Svizzera,
tradizioni e ricette

 

 

 

 

 

Una serata Go Wine dedicata a vini di Lazio e Abruzzo

di Eugenia Sciorilli


Da molto tempo, ormai, i vini del Lazio e dell’Abruzzo non sono più considerati come “le cenerentole” del panorama vinicolo italiano. Anzi, i viticoltori di queste due regioni del centro Italia – regioni che si distinguono per un clima senza eccessi stagionali e per una particolare varietà di paesaggi – hanno saputo sempre più approfittare di queste risorse naturali oltre che di una solida tradizione agricola e della presenza di pregiati vitigni autoctoni. Il risultato di questi ultimi anni è una produzione enologica di grande nitidezza e dal gusto affinato, come ha dimostrato anche una recente serata di degustazione promossa a Roma dall’associazione Go Wine.


LE CASE VINICOLE PRESENTI ALL’EVENTO GO WINE “I VINI AL CENTRO”
(Roma, Hotel Quirinale, 25 gennaio 2012)


Agricola Emme di Piglio (Frosinone)
È una società agricola depositaria dello storico marchio “Vigneti Massimi Berucci”, e opera nel territorio del Cesanese del Piglio. Oltre a diverse etichette di vini, produce anche olio e formaggi.
Per maggiori informazioni: agricolaemme@libero.it

Cantine Ciolli di Olevano Romano (Roma)
La famiglia Ciolli fonda la propria azienda nel 2001, ma è di quattro generazioni la lavorazione delle proprie uve. La contenuta estensione dei vigneti consente la vendemmia manuale.
Per maggiori informazioni: info@damianociolli.it

L'ingresso al complesso agricolo Casa Divina Provvidenza  di Nettuno. Casa Divina Provvidenza di Nettuno (Roma)
L’azienda si estende su una delle zone più tipiche del "Nettuno D.O.C.". Alcuni vini sono prodotti interamente con uve Cacchione, vitigno autoctono presente nel territorio già dal Medioevo.
Per maggiori informazioni: viniprovvidenza@libero.it

La tenuta di Casale del Giglio di Le Ferriere. Casale del Giglio di Le Ferriere (Latina)
Sorta su terreni bonificati dell’Agro Pontino per volere di Berardino Santarelli quasi mezzo secolo fa, è un’importante realtà della viticoltura laziale: 150 ettari di filari, con una gamma di 15 prodotti.
Per maggiori informazioni: roma@casaledelgiglio.it

Le cantine dell'azienda Castel De Paolis di Grottaferrata. Castel de Paolis di Grottaferrata (Roma)
Dalla politica alla cura dei vigneti: è questo il percorso che Giulio Santarelli ha voluto intraprendere negli anni ‘80, affidandosi a enologi di grande esperienza che hanno creato vini di eccellenza.
Per maggiori informazioni: info@casteldepaolis.it

I Pampini Azienda Biologica di Latina
Fondata dai coniugi Carmen Iemma ed Enzo Oliveto, l’azienda si estende sul litorale laziale e tra i vitigni coltivati include il Bellone, un autoctono coltivato nella fascia costiera a sud di Roma.
Per maggiori informazioni: info@ipampini.it

Il Monastero delle Suore Trappiste di Vitorchiano. Monastero delle Trappiste di Vitorchiano (Viterbo)
Questa antica comunità monastica della Tuscia produce un pregevole vino bianco, il Coenobium, prodotto con uve Trebbiano,Verdicchio, Malvasia e Grechetto secondo metodi naturali.
Per maggiori informazioni: info@trappistevitorchiano.org

I vini prodotti da Pileum di Piglio. Pileum di Piglio (Frosinone)
Azienda fondata dieci anni fa, si distingue per un suggestivo casale che sorge sulle colline ciociare, circondato da vigne e uliveti. Tra i prossimi obiettivi, la produzione di un Passerina in purezza.
Per maggiori informazioni: info@pileum.it

Barba Fratelli di Scerne di Pineto (Teramo)
Situata lungo la vallata del fiume Vomano e sulle colline circostanti, l’azienda presenta un Cerasuolo e una gamma di vini rossi e bianchi. Attiva anche una tenuta per l’agriturismo.
Per maggiori informazioni: cantina@fratellibarba.it

Il vigneto di uva bassa dell'azienda Colle Moro di Frisa. Cantina Colle Moro di Frisa (Chieti)
È un’azienda che ha da poco festeggiato i cinquanta anni di vita e che coltiva vitigni a bacca rossa, bacca bianca e anche alcuni autoctoni come il Moscato di Frisa e il Pecorino.
Per maggiori informazioni: info@collemoro.it

Cataldi Madonna Luigi di Ofena (Aquila)
Situati su un altopiano a ridosso del Gran Sasso d’Italia, i vigneti di questa azienda permettono la produzione di vini bianchi, rossi e del Cerasuolo Pie’ delle Vigne, vero e proprio Cru.
Per maggiori informazioni: cataldimadonna@virgilio.it

L'Azienda vinicola Dora Sarchese di Ortona. Dora Sarchese di Ortona (Chieti)
I vigneti si estendono su colline degradanti verso l’Adriatico, mentre l’elegante cantina si propone anche per incontri eno-gastronomici. Suo il primo Spumante Rosé da uve Montepulciano.
Per maggiori informazioni: sarchese.dora@tin.it

www.gowinet.it