| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Angolo di cortile a Wels. (foto Eugeia Sciorilli)

La Torre civica di Wels. (foto Kleine Historische Stadte in Osterreich)

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Loira insolita

Montreal e Quebec City
la Francia in Nordamerica

Da Interlaken a Lucerna, natura e storia

Da Vancouver ai parchi nazionali con i treni
del Rocky Mountainee
r

Da Colmar a Strasburgo
tra i Vini dell’Alsazia

Inverno in Carinzia,
tra i Mercati Natalizi

Un percorso gastronomico
lungo la Corsica

Un Giro d’Europa
in un Boccale di Birra

Cambogia: un Violoncellista
molto speciale

Un Tour nelle Langhe,
tra i Terroirs del Barolo

Pasqua nell’isola di Kos,
natura in festa e tradizioni

Un Giappone sconosciuto

Lecce e Salento, magie
di un percorso

Granada: dove il passato
è presente

Se in un bosco d’autunno
un viaggiatore…

Il tesoro verde di Urbania

Da Boston al Vermont

I mercatini di Natale,
tradizione da assaporare

Da Todi a Torgiano

 

Cinque affascinanti realtà urbane: Enns, Steyr, Bad Ischl, Gmunden e Wels

 

di Eugenia Sciorilli

Veduta dalla Torre civica di Enns. (foto Eugenia Sciorilli) Sparse in tutto il territorio austriaco, le Piccole Città Storiche d’Austria sono riunite grazie a un fil rouge che le distingue e le accomuna: devono vantare monumenti storici e/o quartieri protetti, oltre ad aver goduto nel Medioevo del diritto civico. Sono 17 preziosi gioielli di arte e storia, e grazie a loro ci si può dedicare a un tragitto che nello spazio di un weekend coinvolge – oltre a un patrimonio architettonico di eccezionale bellezza – anche meraviglie paesaggistiche, tra boschi, laghi e frutteti. Naturalmente non è possibile visitarle tutte, per cui ci concentreremo su quella porzione di territorio austriaco che si trova a sud di Linz e a nord di Salisburgo.

Particolare della Torre civica di Enns. (foto Eugenia Sciorilli) Con Vienna come punto di partenza, si percorre una magnifica strada panoramica che permette di ammirare l’imponente e splendida abbazia di Krems e la Wachau, una valle a ovest di Vienna famosa per le sue foreste e i suoi alberi da frutto. Dopo circa due ore, si arriva a Enns, il cui primo nucleo abitato risale al tempo dell’Impero romano, come testimonia il suo museo archeologico. E’ invece della seconda metà del Cinquecento il suo più importante monumento, una torre civica alta 60 metri, che permette una suggestiva vista panoramica sulla città e sui dintorni.

I magnifici palazzi della Stadtplatz a Steyr. (foto Eugenia Sciorilli) Enns dista appena 20 chilometri da Steyr, situata in posizione collinare e rinomata per la sua spettacolare Stadplatz, la piazza principale che accoglie decine di magnifici palazzi variopinti, per i suoi ponti che dominano due fiumi, per le sue strade silenziose che danno vita a romantiche passeggiate. Steyr è anche famosa per avere accolto Franz Schubert, che proprio durante un soggiorno come ospite di Sylvester Paumgartner compose uno dei suoi capolavori di musica da camera: il Quintetto per pianoforte “La Trota”.

Antica insegna in ferro battuto a Steyr. (foto Eugenia Sciorilli) Poco più di 100 chilometri separano Steyr da Bad Ischl, una città termale che permette di visitare il Salzkammergut, la splendida regione che sfiora la città di Salisburgo e che per i suoi tesori naturali è stata eletta Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Bad Ischl è famosa per la residenza imperiale estiva al tempo di Francesco Giuseppe e della leggendaria Sissi, ma anche per le sue terme, i suoi viali fioriti, e per aver ospitato Franz Lehar, autore di celebri operette. Un tempio della gastronomia è una storica pasticceria che risale al 1832, la Konditorei Zauner, che quotidianamente, nelle sue due diverse sedi, sforna duecento tipi diversi di torte e pasticcini, per la gioia dei gourmet.

Il boudoir dell' Imperatrice Sissi nella sua residenza estiva a Bad Ischl. (foto Eugenia Sciorilli) È la volta di risalire verso nord: dopo circa mezz’ora si raggiunge Gmunden, conosciuta come “città della ceramica” (non a caso è gemellata con Faenza). Lambita dalle acque di un incantevole lago, il Traunsee, Gmunden accoglie un museo della ceramica di notevoli dimensioni, un prezioso carillon sempre in ceramica posizionato sulla facciata del municipio e un piroscafo a ruote ultracentenario che permette di fare un giro del lago.

L'interno della Pasticceria Zauner a Bad Ischl. (foto Eugenia Sciorilli)

A circa 44 chilometri ancora più a nord, e come ultima tappa del nostro itinerario, troviamo Wels, chiamata “Ovilava” dai Romani – venne fondata all’epoca dell’imperatore Adriano – e sviluppatasi durante il Medioevo, con un’ulteriore crescita urbana in età barocca. Attualmente Wels conta circa 60.000 abitanti, è vivace e dinamica, ma è riuscita a conservare un’atmosfera elegante grazie ai suoi tranquilli cortili e alle sue isole pedonali.

www.khs.info

www.austria.info

 

Il padiglione della terrazza del Café Zauner a Bad Ischl. (foto Konditorei Zauner) Lo Schloss Ort sulle sponde del Traunsee a Gmunden. (foto Kleine Historische Stadte in Osterreich) Una sala del Museo della Ceramica a Gmunden. (foto Eugenia Sciorilli) Palazzo barocco a Wels. (foto Eugenia Sciorilli)