| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Meryl nei panni di Donna Sheridan nel musical Mamma Mia in un fotogramma con la giovane Amanda Seyfried, distribuzione Universal Pictures 2008.

Settimo Golden Globe per l'interpretazione della cuoca Julia Child nel film Julie & Julia del 2009, distribuzione Sony Pictures Releasing Italia.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Donna tra Vigneti
e Spartiti

Attrice con charme
manager con grinta

Iris Origo e la sua terra

Helene Grimaud

Roberta Guerra,
una scommessa vinta
in terra di Puglia

Francesca Loschiavo,
arredatrice
tra Cinecittà e Hollywood

Gae Aulenti
e il Museo d’Orsay

La Vita di Maria Curie,
una Scia Luminosa

Cristina Bowerman,
estro culinario a Trastever
e

Ottavia Piccolo, intervista
tra ricordi e progetti

Intervista a Mirella Freni,
con Puccini a Modena

Gabriella Belli, il Mart
e altre storie

Donne tra scrittura
e architettura

Viviana Varese, una Chef
innamorata del mediterraneo

Intervista a Vania Traxler

Il contributo di Giuditta
e Cristina all’Unità d’Italia

Intervista a Francesca Planeta

Intervista
ad Aurora Mazzucchelli

Intervista a Chiara Lungarotti

 

L’edizione 2012 della Berlinale premia una straordinaria attrice americana

 

di Eugenia Sciorilli


La stella di Meryl Streep sulla Hollywood Walk of Fame a Los Angeles. (foto Ale & Fede 4e) Narcisista e perfida nel “Diavolo veste Prada”. Effervescente in “Mamma mia!”. Romantica in “E’ complicato”. Deliziosa, a volte esilarante, in “Julie & Julia”. Tutto questo è Meryl Streep, ma è anche molto di più, visto che abbiamo citato soltanto alcuni dei più recenti film in cui è apparsa, prima di rivestire i panni di Margareth Thatcher nella pellicola “The Iron Lady”, appena distribuita anche in Italia. Per rendere omaggio al suo eccezionale talento, la nuova edizione del Festival del Cinema di Berlino, conosciuto come Berlinale e in programma dal 9 al 19 febbraio, la festeggia con l’Orso d’oro alla carriera.

La copertina del dvd del film Kramer contro Kramer per il quale Meryl Streep conquistò l' Oscar 1980 per la migliore attrice non protagonista, distribuzione Sony Pictures Home Entertainment. Una premiazione particolarmente meritata, non c’è alcun dubbio, anche perché Meryl Streep ha saputo dare un volto e un’anima a tantissimi personaggi, fin dal suo esordio cinematografico, quando recitò in una piccola parte accanto a due strepitose attrici come Jane Fonda e Vanessa Redgrave, che si “rubavano” la scena nell’indimenticabile “Julia” di Fred Zinnemann, girato 35 anni fa. Appena un anno dopo, nel 1878, è già a fianco di un divo come Robert De Niro nel film “Il cacciatore” di Michael Cimino: in quello stesso cast recitava anche John Cazale, il suo fidanzato che poco dopo la fine delle riprese sarebbe morto di tumore. Quel dolore nella vita privata di Meryl è stato compensato dalle nozze con lo scultore Don Gummer, con il quale è ancora felicemente sposata e da cui ha avuto quattro figli.

La mia Africa, film vincitore di sette Premi Oscar 1986, distribuzione Universal Pictures. Meryl Streep ha ottenuto numerose nominations ai Premi Oscar, che ha vinto due volte nel corso della sua carriera, grazie a “Kramer contro Kramer” e “La scelta di Sophie”. L’ultima nomination risale al 2010, per la sua interpretazione di Julia Child, e bisogna aggiungere che in quell’occasione la Streep ha quasi superato se stessa, incarnando con estrema naturalezza un personaggio pieno di gioia di vivere e nello stesso tempo di determinazione. Vale la pena di ricordare che Julia Child è stata un punto di riferimento fondamentale per i gourmet d’oltreoceano: si deve a lei se i segreti della cucina francese sono stati svelati a milioni di donne negli Stati Uniti, grazie al bestseller “Mastering the Art of French Cooking”, uscito nel 1961. In “Julie and Julia”, diretto da Nora Ephron, Meryl Streep viene affiancata da un talentuoso Stanley Tucci nel ruolo del marito Paul, e in quelle scene, grazie all’abilità dei protagonisti, emerge non soltanto l’atmosfera degli Anni Cinquanta, ma anche la magia di una magnifica storia d’amore.

Meryl Streep nel ruolo dell'ex Premier britannico Margaret Thatcher nel recente The Iron Lady. (foto BiM Distribuzione) Da sapere: Tra le interpretazioni più intense di Meryl Streep, ricordiamo anche “La mia Africa”, film del 1985 in cui è protagonista insieme a Robert Redford con la regia di Sydney Pollack; “I Ponti di Madison County”, pellicola del 1995 in cui è diretta da Clint Eastwood che recita anche al suo fianco; “The Hours”, diretto da Stephen Daldry nel 2002.

In questo stesso numero di Travel Carnet, nella rubrica Attimi di cinema il film “The Iron Lady” viene recensito da Enrico Cerulli.

 

 

Ennesimo riconoscimento alla bravura di Meryl è un Golden Globe 2012 per la migliore attrice in un film drammatico come The Iron Lady. (foto BiM Distribuzione) Una scena del film Affari di cuore interpretato con Jack Nicholson nel 1986. (foto Universal Pictures) Dvd di produzione Warner Home Video del film I ponti di Madison County, 1995. Meryl Streep con Anne Hathaway nel film Il diavolo veste Prada, 2006. (foto 20th Century Fox)