| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Valeria Golino con Nanni Moretti nel film Caos Calmo. (foto Fandango)

Scamarcio in una scena del film di Luis Prieto Ho voglia di te, 2007. (foto Warner Bros Italia)

Riccardo Scamarcio con Giovanna Mezzogiorno in una scena del film La prima linea di Renato De Maria. (foto LucKy Red)

Scamarcio in Verso l'Eden, film di Costa-Gavras del 2009. (foto Medusa)

Scamarcio nel ruolo di Tommaso Cantone nel film di Ferzan Ozpetek Mine vaganti. (foto Fandango)

Valeria Golino, Luca Zingaretti e Luigi Catani nel film La kryptonite nella borsa, film di Ivan Cotroneo del 2011. (foto Indigo Film/Gianni Fiorito)

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Partita a Scacchi

Il Caleidoscopio:
...ovvero riflessioni
di un barman

Si fa presto a dire Martini
prima puntata
seconda puntata

Una simpatica Canaglia

La Corte dei Miracoli

Bluesman

Un Ricordo Speciale

Frasi d’amore

L’enciclopedia del gusto…

Quattro chiacchiere
con il Presidente

Te la do io l’America
prima puntata

Te la do io l’America
seconda puntata

Te la do io l’America
terza puntata

Due Filetti di Baccalà

Un Barman per amico

Stiamo uniti!!!

Speakeasy

L’occasione perduta

I nuovi carbonari

Vado in Messico

Vado in Messico
seconda puntata

La solitudine dei numeri primi

Ciao, tenente Colombo

V.E.sP.er n°2

Giorgia On my mind

Vacanze romane

Altre vacanze romane

"I can’t get satisfaction!"

Dedica ad un caro amico

Un ricordo di felicità

Signori ci si nasce…

La Roma dell’Est

 

 

L’Assistant Bar Manager dell’Hotel de Russie
coinvolge questo mese due famosi attori

di Sergio Trisolino

 

Valeria Golino in un fotogramma di Respiro di Emanuele Crialese, film del 2002 per il quale l'attrice conquistò il Nastro d'Argento al Taormina Film Festival. (foto Fandango) Tanti auguri di buon anno a tutti voi, lettori di Travelcarnet!... e affinché questi auguri siano di assoluto buon auspicio, li abbino ad una storia simpatica e divertente, in modo da cominciare l’anno 2012 subito alla grande! Questo episodio vede protagonisti una coppia di attori, legati tra loro sentimentalmente, Valeria Golino e Riccardo Scamarcio, insieme a Giorgia, una nostra collega dello Stravi…zio Bar dell’ Hotel de Russie. Ma soprattutto, è l’equivoco, legato all’interpretazione del doppio senso , specialità in cui, noi italiani, siamo campioni, a essere in primo piano. Spero, quindi, di non offendere o turbare nessuno e del resto, dopo momenti bui di bunga bunghiana memoria, questa è roba da terza elementare!

La Golino in La guerra di Mario di Antonio Capuano, David di Donatello 2006 per la miglior attrice protagonista. (foto Indigo Film) Riccardo Scamarcio e Valeria Golino sono due bravissimi attori e sono veramente belli! Se dovessi io proporre la versione italiana di Barbie e Kent , penserei a due bambolotti con le loro sembianze. Di persona sono ancora più belli! Lei è Napoli in persona, bellissima, solare e simpatica, come a dire…sciuè, sciuè ma con molta eleganza. Lui è apparentemente timido ma in realtà è semplicemente più riservato e discreto ed è un attento osservatore. Ambedue piacevolissimi interlocutori, li scopri belli, dentro e fuori e neanche dannati. Cosa volere di più dalla vita? Ora provate voi a immaginare quanti maschietti possano gironzolare attorno alla Golino e soprattutto quanti stormi di fan teen-agers possano “assediare” Scamarcio. Adesso, però, prima di iniziare il racconto devo descrivervi la mia collega, Giorgia. Giorgia è una bellissima ragazza, poco più che ventenne, alta quasi un metro e novanta con un fisico da indossatrice e uno sguardo perennemente sognante supportato da un’ingenuità disarmante, una ragazza meravigliosa e adorabile oltreché bravissima nel lavoro…come avrete capito,anche Giorgia non passa inosservata.

Riccardo Scamarcio è Gianluca Baretti nel film Texas di Fausto Paravidino, 2006. (foto Fandango) Locandina del film drammatico di Giuseppe Piccioni Giulia non esce la sera, 2008. (01 Distribution) Valeria Golino e Riccardo Scamarcio in L'uomo nero di Sergio Rubini. (dvd 01 Distribution) Dunque, pomeriggio di qualche tempo fa. Riccardo e Valeria si siedono ad uno dei tavoli della saletta bar. Come sempre ci salutiamo calorosamente con dei gran sorrisi. Serviamo loro le bevande, da loro ordinate, insieme a dei piccoli classici snacks come olive e patatine e...ecco,siamo arrivati al punto, le patatine. Anzi, la ”patatina” speciale della nostra Giorgia. Ora se c’è qualcuno, tra i lettori, che non conosce il doppio senso legato alla “patatina”…ebbè, signori miei, smettete di leggere questo racconto e passate a Topolino…Dunque, riprendiamo. Scamarcio, quel giorno particolarmente affamato, ferma e chiede a Giorgia altre patatine e chiede come mai fossero così buone, diverse dalle solite conosciute negli altri bar o nei supermercati. In effetti adoperiamo una marca inglese che fornisce la nostra compagnia e il nostro albergo direttamente dall’Inghilterra. Giorgia con grandi sorrisi e forse con un po’ di zelo in più, comincia a tessere le lodi su questo gran prodotto…la patata!!!... “Sa, signor Scamarcio, la nostra patata è sempre calda e croccante ed è sempre disponibile, la può chiedere quanta ne vuole e quando la vuole!” –oppure- “Noi siamo famosi per le patate che abbiamo qui, vengono addirittura da lontano a chiedercela!”- Patatrac, ormai Giorgina era partita e senza rendersene conto si era infilata nel pozzo effimero dell’equivoco.

Riccardo Scamarcio, sulle prime incredulo e subito resosi conto che non c’era malizia nell’atteggiamento di Giorgia, comincia a torcersi le mani, a strabuzzare gli occhi e a sbuffare come una vaporiera per impedirsi di sbottare a ridere. La Golino, che invece aveva perso le prime battute, subentra a patata iniziata e, anche lei incredula ma con ben altro spirito, si gira verso i due con i canini allungati e gli occhi iniettati di sangue. Ahiaiahi…è tempo di intervenire! Io che ero nei pressi e avevo seguito tutto lo sviluppo di questa …patata ormai bollente, mi avvicino al tavolo e con arte consumata dico… “Ma te pare che tu al signor Scamarcio, davanti poi alla fidanzata, je vai a dì che c’hai una “patatina speciale”, con annessi e connessi?” Giorgia a quel punto, e solo a quel punto realizza e comprende tutto il mistero del grande Bing Bang dell’universo e scappa via letteralmente con un colorito rosso Ferrari che a Maranello un rosso così se lo sognano. La Golino capisce, anche lei, che non c’era nessuna malizia nei riguardi del suo amato e ridà luce al suo incantevole sorriso e Scamarcio…che dire…Scamarcio, guardandomi grato per aver sbrogliato la faccenda e fingendo di non aver capito quanto successo, si dirige verso l’uscita in giardino per fumare una sigaretta… C’è chi giura d’averlo visto, nascosto dietro una pianta, sganasciarsi dal ridere con le lacrime agli occhi…