Tweet

 




| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Monet sotto lo sguardo
di Clemenceau

La Londra musicale

La casa di Renoir
circondata dagli Olivi

Il Festival di Edimburgo
tre settimane
di estate scozzese

Dopo Bolghery Melody alla scoperta dei vigneti

Bolghery Melody
Musica e Cantine

Passeggiata nel Gargano
alla scoperta di Vieste

Magia d’Autunno tra canali
e Concertgebouw

Novità dall’Italia e dal Mondo
al TTG Incontri di Rimini

Un giro del mondo
tra fiabe e vini

Luoghi affascinanti
della terra per i dodici segni
dello Zodiaco

Una giornata a Lugano

Alla mostra “Mediterraneo”
eccezionali itinerari d’autore

Impressionisti a Milano,
capolavori
della Collezione Clark

Destinazioni di primavera
dai giardini ai ghiaccia

Giardini d’autore

Irripetibili anni ‘60
tra Roma e Milano

Vecchio e nuovo a Lione

L’orologio dell’amore:
intervista a Marco Pesatori

Il tema del viaggio nell’arte
di Van Gogh e Gauguin

Tre proposte di viaggio
tra l’Avvento e Capodanno

Cézanne e gli albori
della fotografia

Il nuovo look
di due musei americani

Keukenhof e Floriade,
immersione nella natura

I giardini di Sorolla
e il lago dei Lotze

 


Una tappa al Festival del Cinema, e un’altra per la mostra di Renoir

di Eugenia Sciorilli

 

Torna il grande cinema a Cannes
Veduta aerea della baia di Cannes. (foto Palais des Festivals et des Congrès) Per la sua 65sima edizione, il Festival del Cinema di Cannes si ripresenta a critici e pubblico dal 16 al 27 maggio, con appuntamenti di notevole rilievo, anche dal punto di vista mediatico. Si sostiene, infatti, che sarà il canto del cigno del celebre cineasta Alain Resnais, ormai quasi novantenne: la sua pellicola in concorso, intitolata “Vous n’avez encore rien vu”, accoglie tra gli interpreti Michel Piccoli ed è tra le più attese tra quelle che ambiranno alla Palma d’Oro. Fuori concorso, invece, il film “Io e te” di Bernardo Bertolucci, atteso nelle sale italiane il prossimo autunno.

Il manifesto del 65° Festival del Cinema. (foto Ville de Cannes)

Il tappeto rosso della Croisette vedrà sfilare molti protagonisti della cinematografia mondiale, a partire dalla “madrina” del festival Berenice Béjo, splendida interprete di una delle migliori proposte della scorsa edizione: “The Artist”. Sono attesi, tra gli altri, Nanni Moretti nel suo ambito ruolo di presidente della giuria, e poi gli attori Brad Pitt (nel cast di “Killing Them Softly”), Juliette Binoche (diretta da David Cronenberg in “Cosmopolis”), Sam Shepard (“Mud), Kylie Minogue (“Holy Motors”).

 

Il Red Carpet. (foto Palais des Festivals et des Congrès) Affascinante, come sempre, la cornice che avvolge il festival: Cannes con il suo spettacolare lungomare, i suoi due porti – il Vecchio Porto, che si distende ai piedi della collina del Suquet, e il Porto Canto che è stato il primo porto turistico d’Europa, tuttora approdo del jet set internazionale – , i suoi viali eleganti come Rue d’Antibes e le sue strade con un’atmosfera senza tempo, come Rue Meynadier.

www.festival-cannes.fr

www.cannes.travel

www.palaisdesfestivals.com

Il salone degli Ambasciatori. (foto Palais des Festivals et des Congrès) Il Grande Auditorium Louis Lumière. (foto Palais des Festivals et des Congrès) La locandina dell'ultimo film del grande Alain Resnais. Bernardo Bertolucci sul set del film Io e te presentato a Cannes fuori concorso. (foto Severine Brigeot)


Ritratto di Frédéric Bazille, 1867. (foto RMA, Musée D'Orsay/Hervé Lewandowski) Gli esordi di Renoir a Basilea
Provengono da musei celebri di tutto il mondo (Orsay a Parigi, National Gallery a Londra, Metropolitan a New York, Art Institute a Chicago) le 50 meravigliose opere di Pierre-Auguste Renoir – tra ritratti, paesaggi e nature morte – che fino al 12 agosto danno vita alla mostra sul tema “Renoir tra bohème e borghesia: i primi anni”, ospitata presso il Kunstmuseum di Basilea.

In estate, 1868: (foto Staatliche Museen zu Berlin, Nationalgalerie/Jprg P. Anders)

Città famosa per la sua Fiera d’Arte internazionale “ArtBasel” (13-17 giugno 2012), i suoi rinomati musei e le sue apprezzate gallerie, Basilea si presenta in questi mesi, grazie a questa importante retrospettiva, anche come un irresistibile punto d’attrazione per quanti amano uno dei più straordinari maestri dell’arte moderna, quello che più di tutti, insieme a Monet, sembra davvero incarnare lo spirito dell’Impressionismo.

 

La passeggiata, 1870. (foto The J. Paul Getty Museum, Los Angeles) Sono proprio le origini del movimento impressionista a fare da sfondo alle prime significative tele di Renoir: sono gli anni intorno al 1870, gli stessi che coincidono con profondi mutamenti sociali, politici e culturali in Francia e in tutto il continente europeo. E’ proprio questa decisiva evoluzione del costume e della società a ispirare il titolo della mostra: Renoir stesso si colloca tra aneliti bohèmiens, tipici dell’artista, e ingresso nel ceto della borghesia. Importante in quegli anni, ai fini del suo sviluppo artistico, la relazione sentimentale con Lise Tréhot, che viene immortalata dal pennello di Renoir in svariate pose, come pure la frequentazione di pittori come Monet, Bazille e Sisley, ritratti in alcuni quadri anch’essi presenti alla mostra.

www.kunstmuseumbasel.ch

www.basel.com


Cavalieri al Bois de Boulogne, 1873. (foto bpk, Hamburger Kunsthalle/Elke Walford) Signora in un giardino con ombrello, 1875-1876. (foto Museo Thyssen Bornemisza, Madrid) Caffè concerto, 1876. (foto National Gallery, London)