| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Il maestro James Conlon. (foto Robert Millard)

Il maestro Riccardo Chailly. (foto Sasha Gusov)

La solista Viktoria Mullova. (foto Orchestre de Paris)

Il violinista Gil Shaham. (foto Orchestre de Paris)

Il recente album del Coro e dell'Orchestre de Paris, etichetta Virgin Classics.

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


A tu per tu con Ashkenazy

Intervista a Luis Bacalov

Antonio Pappano
Globetrotter della Musica

Intervista esclusiva
a Daniel Harding

Leo Nucci a Parma
per il Festival Verdi

Bologna Jazz Festival:
Grandi Nomi, Grande Musica

Daniel Barenboim alla Scala
e la musica risveglia il tempo

Con il 2011 Concerti
e Lezioni tornano
al Parco della Musica

Paolo Fresu
tra progetti e passioni

Alberto Martini
e i Virtuosi Italiani,
intervista tra passato e futuro

La nuova stagione
dell’Orchestra Mozart

La tournée europea
della New York Philharmonic

Jazz Fest e Festival
di Pentecoste, grande musica
a Vienna e Salisburgo

Armando Trovajoli,
una sera d’agosto del ‘53

La nuova Sagra Malatestiana
e i suoi protagonisti

L’autunno jazz di Salisburgo

I filarmonici di Berlino,
l’incanto di un’orchestra

La London Symphony,
Orchestra dal suono
scintillante

La Royal Concertgebouw,
un’Orchestra di protagonisti

La Mahler Chamber
Orchestra, un suono
oltre le frontiere

 

 


di Eugenia Sciorilli

 

Il direttore dell'Orchestre de Paris Paavo Jarvi. (foto Sasha Gusov) La Salle Pleyel, situata in uno dei quartieri più eleganti di Parigi, è una magnifica sala da concerto che ospita le stagioni della Orchestre de Paris, attualmente diretta dal maestro Paavo Järvi dopo essere stata guidata da celebri direttori come come Karajan, Solti, Barenboim, Bychkov, Dohnanyi ed Eschenbach. Di origini estoni ma naturalizzato statunitense, Paavo Järvi è nato a Tallinn 50 anni fa ed è cresciuto in una famiglia di musicisti; dopo importanti esperienze in Europa e negli Stati Uniti, ha iniziato a ricoprire l’incarico di direttore musicale dell’orchestra parigina nel settembre 2010.

Il maestro Jarvi con la sua orchestra. (foto Jean-Baptiste Pellerin) L’Orchestre de Paris ha ereditato la tradizione musicale della Società dei Concerti del Conservatorio (fondata nel 1828), tenendo il suo concerto inaugurale nel novembre 1967. Il suo repertorio si inserisce nel solco degli autori classici francesi, ma coinvolge anche compositori moderni e contemporanei come Messiaen e Boulez, e naturalmente l’intero gotha della musica. Oltre che in Francia, l’Orchestre de Paris suona spesso all’estero, grazie a tournée che la portano in sedi prestigiose come New York, Londra, Vienna, Berlino e Amsterdam. Alla fine dello scorso anno, ha realizzato un significativo tour nel continente asiatico, con undici concerti in Cina, Corea e Giappone.

L'orchestra a Pechino durante il tour asiatico del 2011. (foto Orchestre de Paris) Una priorità dell’orchestra è il contatto con le giovani generazioni; per questo, sono stati sviluppati considerevoli programmi pedagogici come i concerti per le famiglie, le prove aperte, i percorsi di scoperta indirizzati alle scuole, per fare solo pochi esempi. Si prevede che nel corso dell’attuale stagione saranno circa quarantamila i bambini e giovani che si accosteranno alla musica sinfonica grazie alle iniziative in calendario. Anche l’attività discografica fa parte della vocazione divulgativa dell’Orchestre de Paris: nel 2010 l’etichetta Virgin Classics ha pubblicato un cd dedicato a grandi pagine di Bizet, mentre lo scorso anno è apparsa un’incisione con opere di Fauré. Ultimamente, un ruolo di primo piano lo sta giocando internet, che accoglie molti concerti dell’orchestra con un evidente impatto sul grande pubblico.

Il direttore Pierre Boulez. (foto Orchestre de Paris) La stagione 2011-12 dell’Orchestre de Paris ospita sul podio, oltre a Paavo Järvi, numerosi protagonisti del panorama internazionale, come Lorin Maazel, Riccardo Chailly, Pierre Boulez, Herbert Blomstedt, James Conlon. Non mancano neppure solisti di fama mondiale, che si sono già esibiti, come Viktoria Mullova o Gil Shaham, o che si avvicenderanno nei prossimi mesi: il pianista Radu Lupu sarà presente in due serate (4 e 5 aprile) con il Concerto per pianoforte n. 1 di Brahms, mentre a fine giugno il violinista Vadim Repin interpreterà il Concerto per violino n. 3 di Saint-Saëns.

www.orchestredeparis.com

www.sallepleyel.fr