| HOME PAGE | <MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO |
| RITRATTI DI ARTISTI | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |


L'edicola neogotica posta all'angolo di via S. Antonio all'Esquilino. (foto Federico Labranca)

Il mosaico della volta nella Cappella di S. Zenone all'interno della basilica di S. Prassede. (foto Convit/Dreamstime.com)

La statua bronzea della Vergine che sormonta la colonna corinzia in piazza S. Maria Maggiore. (foto Federico Labranca)

Il campanile della basilica di S. Maria Maggiore. (foto Ibizacat/Dreamstime.com)

Il prospetto posteriore della basilica di S. Maria Maggiore. (foto Federico Labranca)

La Torre delle Milizie, imponente esempio di architettura civile del medioevo romano. (foto Tupungato/Dreamstime.com)

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Milano da vivere e da amare

Una gita al mare
e trovi la storia

Il Re di Tavolara e il trenino verde dell'Ogliastra

Sardegna, all’Ovest
qualcosa di Splendido

Tre siti imperdibili
nella Sardegna Nuragica

Passeggiata
sulla Penisola Sorrentina

Il nuovo cuore antico di Napoli
tra luoghi sorprendenti
e le statuine dei pastori

Lo splendore della chiesa
“Dives in Misericordia”
a Tor Tre Teste

L’arte contemporanea
a Roma: è approdata
la “nave” del MAXXI

Una passeggiata sul Gianicolo
e incontri la Storia

Gran Torino. A zonzo
tra palazzi sabaudi
e archeologia industriale

Sul Delta del Po tra canali
d’acqua e vecchie idrovore

A Perugia
tra scenari medievali,
pitture rinascimentali
e delizie del palato

Ricordi garibaldini e richiami
fenici tra Marsala e Mozia

Concordia Sagittaria:
passaggio a nord-est
dell’antica civiltà romana

Cagliari: tra fenicotteri rosa,
la spiaggia del Poetto e
una spinta al cambiamento

Barivecchia: il rinato
centro storico della nostra
“porta d’oriente”

Passeggiate d’inverno a Salerno

Una sosta a Trento

I tesori di Lucca

 

Un vero percorso del gusto nei quartieri Esquilino e Monti


di Asiul


L'esterno di Panella-Arte del pane. (foto Federico Labranca) Non so quanti abitanti di Roma e quanti dei milioni di turisti che vi arrivano ogni anno siano mai passati sotto l’arco di Gallieno in Via di San Vito e quanti abbiano gettato un occhio alla cosiddetta Porta Magica in Piazza Vittorio, quasi nascosta di lato al Castellum Aquae, una delle vestigia dell’antico acquedotto romano; tutto ciò tra un fragrante cornetto di Panella in Via Merulana 54 (www.panella-artedelpane.it) e un maritozzo della pasticceria Regoli in Via dello Statuto 60 (www.pasticceriaregoli.com)!

I rustici di Plinio, ricetta originale dell'antica Roma. (foto Panella-Arte del pane) Sono quasi quindici anni che vivo nella capitale, ma non mi era mai capitato di visitare tanti affascinanti luoghi insoliti tra i quartieri Monti ed Esquilino. L’occasione mi è stata data dall’associazione Tavole Romane (http://tavoleromane.wordpress.com), che da qualche mese, in alcuni quartieri di Roma un po’ trascurati dal turismo di massa, propone Food Tours con un blend davvero speciale di arte, storia, aneddotica ed enogastronomia. Accompagnati dai due intraprendenti fondatori dell’associazione, Silvia e Gabriele, e dalla simpatica e competente guida/sommelier Simona, abbiamo scorazzato per più di cinque ore saltellando tra leccornie varie e stupendi siti, molti dei quali nascosti e appartati. Sono così entrata nella chiesa di Santa Prassede, vicino a Santa Maria Maggiore, gioiello di arte bizantina, con gli splendenti mosaici della cappella di San Zenone da fare invidia a quelli molto più famosi di Ravenna.

L'insegna della Pasticceria Regoli. (foto Senzapanna) Particolarmente suggestivo è stato gustare il maritozzo di Regoli al Colle Oppio proprio sopra la Domus Aurea ed è stato emozionante rivedere dopo tanti anni il Mosè di Michelangelo a San Pietro in Vincoli. La discesa nella Suburra, inquieta zona popolare dell’antica Roma, e la passeggiata per Via Urbana sono state punteggiate da due soste particolarmente gradite: una full immersion tra piante officinali e green food nel negozio Aromaticus al civico 134 (www.aromaticus.it) e un assaggio della soffice pizza bianca e rossa del Panificio Monti al civico 22.

L'ingresso di Aromaticus. (foto Federico Labranca) Ancora alcune centinaia di metri lungo l’Argiletum (antica strada che collegava la Suburra con il Foro Romano) ed eccoci davanti al Palazzo del Marchese del Grillo in vista dei Mercati Traianei, dove la nostra guida Simona ci ha portato su una magnifica terrazza con vista Fori Imperiali. Dopo una rapida visita alla Torre delle Milizie (ve ne siete accorti che è pendente come la Torre di Pisa?), abbiamo raggiunto Via Panisperna, nota per i suoi geniali “ragazzi”, tra i quali Ettore Majorana, tanto per citarne qualcuno, e infine Via dei Serpenti, una delle strade romane oggi più trendy. Qui l’ultima sorpresa enogastronomica al civico 33: il punto vendita dell’azienda agraria toscana “Podere Vecciano” (http://poderevecciano.ne), diventata riferimento per gli abitanti del quartiere soprattutto per l’acquisto del vino. Qui tra crostini, bruschettine, salumi e formaggi, si è concluso questo delizioso tour che consiglio a tutti, romani e non. Buona passeggiata!

www.tavoleromane.it/foodtours/it/

Il punto vendita dell'azienda agricola Podere Vecciano. La Porta magica, stravaganza voluta dal marchese di Palombara nel XVII secolo, ai lati due statue del dio Bes. (foto Federico Labranca) I Trofei di Mario, castellum aquae di III secolo situato al centro della piazza Vittorio Emanuele II. (foto Federico Labranca) Il gruppo scultoreo raffigurante tritoni, delfino e piovra inserito come ornamento del giardino di Piazza Vittorio. (foto Federico Labranca)