Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS |
| ASTERISCHI | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Donna tra Vigneti e Spartiti

Attrice con charme
manager con grinta

Iris Origo e la sua terra

Helene Grimaud

Roberta Guerra,
una scommessa vinta
in terra di Puglia

Francesca Loschiavo,
arredatrice
tra Cinecittà e Hollywood

Gae Aulenti e il Museo d’Orsay

La Vita di Maria Curie,
una Scia Luminosa

Cristina Bowerman,
estro culinario a Trastever
e

Ottavia Piccolo, intervista
tra ricordi e progetti

Intervista a Mirella Freni,
con Puccini a Modena

Gabriella Belli, il Mart
e altre storie

Donne tra scrittura e architettura

Viviana Varese, una Chef
innamorata del mediterraneo

Intervista a Vania Traxler

Il contributo di Giuditta
e Cristina all’Unità d’Italia

Intervista a Francesca Planeta

Intervista
ad Aurora Mazzucchelli

Intervista a Chiara Lungarotti

Un Orso d’oro per Meryl

Marietta Sabatini,
ovvero la cucina di Artusi

Chantal e i suoi giardini

Peggy Guggenheim, quando
la vita coincide con l’arte

Un tris di donne
per la Vancouver Art Gallery

Le donne di jazz Ascona

Due sguardi di donna alla
Mostra del Cinema di Venezia

 

Un piccolo tour culinario sulle orme della famosa regista

di Eugenia Sciorilli


La copertina di Crazy Salad, raccolta di articoli e novelle anni Settanta, Random House Publishing Group. Appena dopo la recente morte di Nora Ephron, che venne accompagnata da un lutto improvviso perché nessuno (a parte pochi intimi) sapeva della sua rara malattia, i suoi amici vollero ricordare il suo amore per la vita, e il suo amore per New York, che l’accoglieva nell’Upper East Side di Manhattan dopo averla ospitata per vari decenni nell’Upper West Side, a ovest di Central Park.

A pochi mesi dalla sua scomparsa, ci piace rendere omaggio a Nora Ephron come icona di stile: segnaliamo, infatti, qualche indirizzo gourmet tra i ristoranti che la famosa sceneggiatrice e regista newyorkese – donna di grande talento in cucina – frequentava e consigliava ai suoi amici.



RISTORANTE UNTITLED AT WHITNEY MUSEUM
Il bar del ristorante Untitled at Whitney Museum. (foto Untitled) La ricca colazione dell'Untitled. (foto Untitled) Situato all’interno del Whitney Museum of American Art, questo ristorante è stato classificato dalla Guida Michelin “Bib Gourmand” per il 2013, una designazione che vuole premiare i ristoranti di eccellenza che presentino nei loro menù prezzi ragionevoli. Il piatto preferito di Nora Ephron era la “Crispy Kale Salad” (insalata croccante di cavolo). Sabato e domenica, il brunch viene servito dalle 10 alle 18. Indirizzo: 945 Madison Avenue at 75th Street.
www.untitledatthewhitney.com



RISTORANTE SISTINA
La sala del ristorante italiano Sistina. (foto Sistina Restaurant) È un ristorante italiano che la prestigiosa rivista “The New Yorker” (alla quale Nora Ephron collaborava) scelse come Ristorante dell’Anno nel 2002. Nel suo menù, figurano piatti come gli asparagi grigliati con salsa tartufata, i tortelloni ripieni con tartufo di Norcia e le scaloppine di vitello alla caprese. Vanta una straordinaria cantina (55.000 bottiglie). Indirizzo: 1555 2nd Avenue (tra l’80sima e l’81sima Strada).



L'esterno del ristorante Pig Heaven. (foto Pig Heaven) RISTORANTE PIG HEAVEN
Questo ristorante, a pochi passi dal precedente, propone il meglio della tradizione gastronomica di Taiwan da quasi 30 anni nella Grande Mela. Il menù presenta oltre cento ricette, con gli esempi più classici della cucina orientale. Indirizzo: 1540 Second Avenue.
www.pigheavennyc.com



RISTORANTE MINETTA TAVERN
Il raffinato arredamento anni Trenta del Minetta Tavern. (foto Minetta Tavern) Questo ristorante, a differenza dei precedenti che si trovano nell’Upper East Side, è situato nel Greenwich Village, nella parte sud di Manhattan, e venne fondato nel lontano 1937. Il locale conserva un’atmosfera vintage e propone piatti della cucina internazionale, con parecchie incursioni in quella francese. Nora Ephron apprezzava in modo particolare la “New York Strip Steak”, una bistecca con l’osso. Indirizzo: 113 MacDougal Street.
www.minettatavernny.com



RISTORANTE BOULUD SUD
Lo chef francese Daniel Boulud nel suo ristorante. (foto Boulud Sud) Un piatto della cucina mediterranea creato da Daniel Boulud. (foto Boulud Sud) Questo ristorante è stato aperto dallo chef francese Daniel Boulud nell’Upper West Side, a breve distanza dal Lincoln Center e dalla parte più meridionale di Central Park, dopo il successo ottenuto dal suo ristorante “Daniel” (3 stelle Michelin). Nora Ephron andava pazza per il suo “Grapefruit Givré”, un dessert al pompelmo. Indirizzo: 20 West 64th Street.
www.danielnyc.com/boulud_sud