Tweet

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS |
| ASTERISCHI | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Un Treno Fantasma verso
la Stella dell'Est

La Venezia del Nord
sulle tracce di Larsson

(prima puntata)

La Venezia del Nord
sulle tracce di Larsson

(seconda puntata)

Nel sud dell’Albania
sulle tracce di Alì Pasha

Nel sud dell’Albania
sulle tracce di Alì Pasha

(seconda puntata)

Dubrovnik e
Breviario mediterraneo

Istanbul - I ricordi e la città

“Karnak cafè”
di Nagib Mahfouz

“Miramar”
di Nagib Mahfouz

“La fortezza Malta. Un'isola
sotto assedio. 1940-1943“

Francoforte sul Meno,
Goethe e non solo…

“Il cercatore d’oro”
di Jean-Marie Gustave
Le Clézio

Rafael Alberti
e la sua “Notte di guerra
al Museo del Prado”

“La vendetta” di Anne Holt
e un giro tra musei e fiordi

"Le Marlboro di Sarajevo”
di Mljenko Jergovic

“Il ponte sulla Drina”
di Ivo Andric

Tallinn, bellezza sul baltico

Riga, un tesoro urbano
del nord Europa

Vilnius, una sosta in Lituania

Dublino,
non solo verde Irlanda

“Grida da molto lontano”

Storia del Montenegro -
Dalle origini ai giorni nostr
i

Una Riviera
per tutte le stagion
i

Montreal, fascino francese
al di là dell’oceano

Skopje, una sosta
in Macedonia

Un libro una città: Korčula

IL MILIONE” di Marco Polo (Einaudi)


di Bruga

La copertina de Il Milione pubblicato da Einaudi. La citazione di Marco Polo può lasciare interdetti i lettori italiani, soprattutto quelli che hanno studiato un po’ di tempo fa, in anni nei quali il risentimento storico e la contrapposizione ideologica nei confronti della Jugoslavia evidentemente impedivano anche solo di menzionare l’ipotesi che il celebre esploratore non fosse veneziano al cento per cento. Chi visita Korčula, centro più importante dell’omonima isola del sud della Dalmazia, dopo pochi istanti apprende invece di trovarsi nella città natale di quel personaggio, del quale si conserva la “casa” e al quale sono dedicati un museo appena aperto, ma anche negozi e locali pubblici …

Uno scorcio di Orebic. (foto Bruga) Secondo gli Italiani, insomma, l’esploratore era nato a Venezia nel 1254 da una famiglia benestante da tempo insediata lì, e il suo rapporto con Korčula, per i veneziani Curzola, sarebbe stato minimo e piuttosto negativo: qualche storico, smentito da molti altri, ipotizza che sia stato catturato proprio lì dai Genovesi, dopo una battaglia navale svoltasi in zona. La prigionia, peraltro, fece da catalizzatore: il “Milione” è il racconto delle sue avventure, trascritto in carcere dal compagno di sventura Rustichello da Pisa. Wikipedia italiana riassume così la questione: “L'isola di Curzola, un tempo sotto il dominio veneziano e oggi in Croazia, viene da talune fonti indicata come il luogo natale di Marco Polo. In subordine ci sono tentativi di presentare Marco Polo come il "croato" Marko Polo. In Croazia sono assai comuni i tentativi di appropriazione nazionale di personaggi storici; l'ufficio turistico ha basato una campagna pubblicitaria sullo slogan Croazia, patria di Marco Polo".

Il centro storico di Ston, sullo sfondo le saline. (foto Bruga) Veduta aerea di Korčula. (foto Ente Nazionale Croato per il Turismo) Se sia stato Marco o Marko, non lo sapremo mai … Meglio concentrarsi sull’isola, che è deliziosa proprio a cominciare dal centro omonimo, al quale si approda partendo da un’altra bella cittadina di mare, Orebić, che la fronteggia sulla costa della penisola di Pelješac, qualche decina di chilometri a nord di Dubrovnik. Non fate l’errore di percorrere al volo la penisola, solo per arrivare al traghetto e quindi a Korčula: Pelješac è un posto molto bello, con splendidi vigneti, vasti allevamenti di ostriche e cozze, e qualche gioiello come Orebić (indimenticabili le vedute dal “cimitero dei capitani”, a picco sul mare) oppure Ston, divisa in due parti collegate fra loro dalla più grande muraglia dopo quella cinese (ecco di nuovo Marco Polo …). Sulla muraglia si può salire, e come a Dubrovnik, è possibile percorrerla per intero, godendo di una vista incomparabile sui due centri, sulle vaste saline e su parte della penisola. Ottima la cucina di mare, specie nella versione di Kapetanska Kuća a Mali Ston.

Vigneti a Korčula. (foto Bruga) Korčula è un piccolo scrigno, una Dubrovnik in miniatura ricca di chiese e vicoletti, di musei e di scorci su un mare dai colori meravigliosi. A poca distanza Lumbarda, con sistemazioni molto interessanti, e di fronte l’isola di Badija, i cui unici abitanti, in attesa della ristrutturazione del monastero francescano, sono i turisti che arrivano in barca per fare bagni indimenticabili.

La porta meridionale di Korcula. (foto Ente Nazionale Croato per il Turismo) Attraversando l’isola in direzione dell’altro “grande” centro, Vela Luka, si passa per vasti vigneti, si costeggiano villaggetti di tradizionali case in pietra, ci si bagna nelle numerose spiagge (niente sabbia, ma il mare è quasi sempre spettacolare) e si può mangiare un’insalata di polpo o un risotto al nero di seppia. Vela Luka è al centro di un’insenatura così profonda da sembrare un fiordo. A circondarla, un arcipelago di decine di isolette facilmente raggiungibili in barca, se siete in cerca di ancora maggior tranquillità …

www.croatia.hr/it-IT

 

Particolare dell'interno della Cattedrale di Korcula. (foto Bruga) Il porticciolo di Vela Luka. (foto Bruga) Le luminarie di Vela Luka. (foto Ente Nazionale Croato per il Turismo)
 Un giovane alce sull'isolotto di Badija. (foto Bruga) Il tipico patè di pesce. (foto Bruga)