Tweet

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS |
| ASTERISCHI | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Lo Scienziato
e il suo incontro
con gli astri

La Vergine e il Leone

Un Leone e un Sagittario

The King and the Queen

Gli scrittori preferiscono
le bionde...

Da quali stelle
siamo caduti? ...

Aurore e George

The Voice and the Shape

La persistenza dell’amore

Un anno da Re

Il Vagabondo

La Regina di Hollywood

Frank Lloyd Wright,
l’architetto della natura

Il valore dell’altro

Una stella del mattino

99 anni dopo...

Lo Scorpione e il Gattopardo

Armonia di colori

L'infinita ricerca della natura

Gli occhi blu più famosi
di Hollywood

Un genio tra scienza
e umanesimo

Due arieti e cinque Oscar

Uno straordinario viaggio
lungo trent’anni

La magia della cucina

Bogie & Baby

Nannetto e Nannarella

Martin Scorsese e Romy Schneider: due modi di amare

Essere e amare

Occhi di gazzella,
sorriso di bambina

2013: l'Anno del Serpente

Ritratto di famiglia


 

 

 

 

 

 

Grace Kelly e Urano in Ariete


dell’Astrologa Martina

Urano è entrato in Ariete esattamente due anni fa (marzo 2011) e resterà nel primo segno dello Zodiaco fino al 15 maggio 2018. Questo interessante aspetto astrale è presente nel tema natale di una delle più famose donne del ventesimo secolo, Grace Kelly.

* * *

Un fotogramma del film Mogambo interpretato con Clark Gable nel 1953 pr la regia di John Ford. (foto MGM) Prese in mano ancora una volta la penna. Continuava a fermarsi per riflettere, era importante, pensò, si trattava di scegliere le parole giuste per comunicare una decisione tanto delicata... per lettera, poi, era ancora più difficile! in più il destinatario era un personaggio così particolare... sospirò, aggiustandosi gli occhiali sul naso con un gesto nervoso e si apprestò a cominciare "Caro Hitch," Hitch..., così lo chiamava, da sempre, da quando lo conosceva, storpiando affettuosamente un cognome che, pronunciato per intero, incuteva il rispetto reverenziale per il suo proprietario, nell'ambiente del cinema e non solo.

Grace Kelly con Anthony Dawson in Il delitto perfetto, regia Alfred Hitchcock 1954. (foto Warner Bros) Dunque, continuò ad alta voce, quasi dettando le frasi a una parte di sé restia a scriverle, 'Caro Hitch, mi sento sinceramente addolorata di dover rifiutare la tua proposta, ma non potrò essere la protagonista del tuo nuovo film...quando ci incontreremo di persona te ne spiegherò il motivo. Ti chiedo scusa, so che sarai comprensivo, che saprai capire. Sarei stata molto felice di lavorare di nuovo insieme con te. Intanto, vorrei dirti che mi dispiace di averti deluso e...' Si interruppe, qui veniva la parte più complicata da spiegare, c'era bisogno di una metafora che fosse ironica e un po' sopra le righe, adeguata al suo interlocutore '...e ti confesso che mal sopporto il fatto che troverai molte altre 'mucche' che sapranno recitare la parte bene quanto me, tuttavia io spero di rimanere sempre una delle tue 'vacche sacre'.'

Una scena de La finestra sul cortile, protagonisti Grace Kelly e James Stewart per la regia di Alfred Hitchcock 1954. (foto Paramount) La ragazza di campagna, film per il quale Grace Kelly conquistò l'Oscar 1955 come miglior attrice, dvd Paramount. Sì, forse era un po' irriverente quel paragone 'bovino', ma il Maestro era una persona di spirito ed era certa che l'avrebbe apprezzato, magari gli avrebbe anche strappato un sorriso. Beh, ora il più era fatto e non rimaneva che una frase di commiato, per concludere...' Ti ringrazio ancora, caro Hitch e ti saluto con profondo affetto, Grace'. In quella circostanza informale, per firmare in calce a una missiva indirizzata al grande amico e mentore Alfred Hitchcock le bastava solo il nome di battesimo, mentre l'altisonante formula che recitava 'Sua Altezza Serenissima Principessa Gracia Patricia di Monaco' era lasciata ai documenti ufficiali. Del resto, era stata una precisa scelta di vita quella fatta da Grace Kelly quando, in seguito a quello che la stampa dell'epoca definì 'il matrimonio del secolo' con il Principe Ranieri III di Monaco, era assurta al rango regale e aveva interrotto la propria luminosa carriera di attrice a soli ventisette anni.

Adesso era per il mondo la Principessa Grace, anzi, come la chiamavano i francesi con perfidia 'Glace', a causa del suo temperamento che si mostrava freddo e altero. Di ben altro avviso era lo star system di Hollywood, un ambiente dove l'opinione su Grace era piuttosto diversa, tanto che lo stesso Hitchcock, che l'aveva diretta a metà degli anni '50 nelle tre celeberrime pellicole 'Il delitto perfetto', 'La finestra sul cortile' e 'Caccia al ladro', aveva coniato per lei il soprannome-ossimoro 'ghiaccio bollente', per indicare la sua natura algida all'apparenza, ma carica di promesse sensuali. Durante la sua carriera le furono attribuiti numerosi flirt, quasi tutti con compagni di lavoro, a volte molto più grandi di lei di età e spesso già sposati, flirt che le case di produzione tendevano però a non pubblicizzare per salvaguardare la reputazione e l'immagine di Grace.

Caccia al ladro, la splendida Grace con Cary Grant a Montecarlo nel 1955 nel film di Hitchcock. (foto Paramount) Ritratto fotografico per la pubblicità di Alta società, ultimo film della principessa. (foto MGM) Una scena tratta dal film Alta società, regia di Charles Walters 1956. (foto MGM) Un momento dello sfarzoso matrimonio con Ranieri III Principe di Monaco avvenuto nel 1956.

Le cronache dell'epoca parlarono di storie con attori come Clark Gable, Gary Cooper, Bing Crosby, Frank Sinatra, William Holden e con lo stilista Oleg Cassini, tutte relazioni fortemente osteggiate dalla famiglia di Grace, molto nota e benestante e, date le origini irlandesi, di fortissima tradizione cattolica. La filmografia di Grace Kelly è composta da 11 titoli, tra i quali spiccano Mogambo, Mezzogiorno di fuoco, La ragazza di campagna che le valse l'Oscar nel 1955 e l'ultimo film da lei interpretato, il musical Alta società, rifacimento di Scandalo a Filadelfia. La carriera professionale di Grace si dispiegò in soli cinque anni, estendendosi dal 1951, anno in cui decise di dedicarsi esclusivamente all'attività cinematografica e di abbandonare la natale Filadelfia contro il volere della famiglia, al 1956, anno in cui convolò a nozze con il principe monegasco Ranieri III, conosciuto l'anno precedente durante il Festival di Cannes.

Il suo 'matrimonio da fiaba', coronato da tre figli tra cui il tanto agognato erede al trono, la cui nascita servì a scongiurare il rischio di annessione del Principato alla Francia, le imporrà la decisione di abbandonare per sempre le scene; nonostante questo, Grace, qualche anno più tardi, sembrò quasi intenzionata a prendere in considerazione la proposta di Alfred Hitchcock di girare con lui il film Marnie, che sarebbe uscito nel 1964. Quando seppe però che i suoi sudditi si sarebbero sentiti 'traditi e abbandonanti' dal ritorno sul set di quella che ormai consideravano la 'loro' Principessa, e dissuasa dallo stesso Ranieri, si piegò alla ragion di Stato e desistette, sostituita nel film da Tippi Hedren, nuova musa del maestro del brivido.

* * *

Il transito di Urano in Ariete presente nel tema natale di Grace Kelly ha influito sul suo carattere, potenziandone aspetti di personalità quali l'ambizione e l'energia. A questa particolare configurazione astrale era dovuta anche una certa sua predisposizione all'indipendenza e l'inclinazione a progredire verso situazioni esistenziali più evolute, anche a costo di sacrificare la propria autonomia, materiale e di pensiero.

Il simbolo dello Scorpione, segno zodiacale di Grace Kelly. (foto Igordabari/Dreamstime.com) Essendo venuta al mondo il 12 novembre del 1929, Grace Kelly rientrava tra i nati nel segno del Serpente secondo l'oroscopo cinese, segno al quale per antonomasia appartengono persone dal fascino ammaliante, capaci di catturare con la loro straordinaria bellezza interiore ed esteriore. La consapevolezza del loro potere seduttivo li rende molto sicuri di sé e piuttosto egocentrici il che spesso li fa apparire come esseri superiori, freddi e distaccati dal resto dell'umanità. Grace Kelly sembra incarnare alla perfezione queste caratteristiche del segno del Serpente.

Dal momento in cui diventò celebre in tutto il mondo grazie alle sue apparizioni sul grande schermo che ne esaltavano l'avvenenza e le doti recitative, fino alla morte, avvenuta prematuramente a 52 anni in un drammatico incidente automobilistico dove fu coinvolta anche la figlia minore Stefania, Grace Kelly rappresentò un emblema di classe ed eleganza femminili, che sopravvivono tutt'oggi trasformate in un'icona glamour. Un'intera generazione di donne tentò di emularne lo stile inconfondibile, di imitare gli abiti creati per lei dalla maison Dior o da Helene Rose, storica costumista della MGM che disegnò anche il suo celeberrimo vestito da sposa, o di acconciare i capelli alla sua maniera sobria e raffinata. Hermès battezzò con il suo cognome un modello di grande borsa realizzata apposta per lei, che portata sull'avambraccio, le consentiva di celare ai paparazzi l'incipiente gravidanza della primogenita Carolina, e che da allora in poi è diventata nota come 'la Kelly'.

Attualmente sono in corso le riprese di un film sulla vita di Grace Kelly, con protagonista Nicole Kidman, la cui uscita è prevista per il 2014. Il progetto ha suscitato la reazione indignata della famiglia Grimaldi che ha lamentato nella sceneggiatura del film, sottoposta loro preventivamente dalla produzione, 'gravi inesattezze storiche e una serie di scene di pura finzione'. Ancora una volta, quindi, si vuole tutelare l'immagine pubblica della Principessa Grace, la cui regale memoria è così gelosamente custodita dalla sua famiglia che nel Principato di Monaco, per volere di Ranieri e dei figli, vige il divieto di proiettare i suoi film.