Tweet

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS |
| ASTERISCHI | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Lo Scienziato
e il suo incontro
con gli astri

La Vergine e il Leone

Un Leone e un Sagittario

The King and the Queen

Gli scrittori preferiscono
le bionde...

Da quali stelle
siamo caduti? ...

Aurore e George

The Voice and the Shape

La persistenza dell’amore

Un anno da Re

Il Vagabondo

La Regina di Hollywood

Frank Lloyd Wright,
l’architetto della natura

Il valore dell’altro

Una stella del mattino

99 anni dopo...

Lo Scorpione e il Gattopardo

Armonia di colori

L'infinita ricerca della natura

Gli occhi blu più famosi
di Hollywood

Un genio tra scienza
e umanesimo

Due arieti e cinque Oscar

Uno straordinario viaggio
lungo trent’anni

La magia della cucina

Bogie & Baby

Nannetto e Nannarella

Martin Scorsese e Romy Schneider: due modi di amare

Essere e amare

Occhi di gazzella,
sorriso di bambina

2013: l'Anno del Serpente

Ritratto di famiglia

Sua Altezza, la Diva


 

 

 

 

 

 

 


dell’Astrologa Martina

Una versione moderna della Ruota dello Zodiaco. (foto Tenyo Marchev/Dreamstime.com) L’ascendente, in astrologia, è la “maschera” che l’individuo indossa per presentarsi al mondo esterno. Un famoso personaggio con ascendente in Ariete è Barbra Streisand, che ha legato il suo nome a film di successo come “Funny Girl”, “Come eravamo” e “Hello, Dolly”.

* * *

Funny Girl, film diretto da William Wyler nel 1968, copertina dvd Columbia Pictures 2011. Quella sera al Winter Garden Theatre di Broadway, al termine dello spettacolo, era accaduto qualcosa di straordinario. Un'onda di emozione intensissima aveva pervaso il pubblico e si era diffusa, potente e misteriosa, tra gli spettatori; un istante di assordante silenzio aveva preceduto uno scroscio d'applausi travolgente, gli spettatori tutti in piedi, ad acclamarla, costringendola ad uscire per ben ventitré volte al proscenio. Era il trionfo, la realizzazione del suo più grande desiderio. Per raggiungere questo obiettivo, il successo come protagonista in un grande teatro, aveva dovuto imboccare, quasi come un ripiego, una carriera da cantante. "Sono diventata una cantante solo perché non riuscivo a trovare lavoro come attrice", avrebbe detto anni dopo, "ma credo che non sarei riuscita ad arrivare in nessun altro modo". Quella sera del 26 marzo 1964, nelle vesti di Fanny Brice, la brillante cantante e attrice soprannominata Funny Girl, Barbra Streisand poteva ben dire di essere "arrivata".

E di strada, per arrivare, ne aveva fatta tanta, procedendo su un percorso esistenziale e artistico non sempre facile. Nata a Brooklyn il 24 aprile del 1942, in una famiglia di religione ebraica, Barbara Joan aveva perso il padre a poco più di un anno di età; i rapporti con il secondo marito della madre non cessarono mai di essere tormentati. A diciotto anni il felice debutto come cantante in un locale del Greenwich Village e la decisione di regalarsi un nome d'arte per essere unica, togliendo la seconda 'a' dal suo nome di battesimo: da quel momento, e per sempre, lei sarà Barbra. Nella sua cinquantennale carriera artistica, ricca di successi e riconoscimenti, Barbra Streisand ha saputo affiancare le sue straordinarie performances di cantante a quelle, altrettanto riuscite, di attrice e regista cinematografica. Al suo attivo conta 60 album, registrati in studio o durante i suoi concerti dal vivo, in cui ogni brano è eseguito con una straordinaria intensità interpretativa e impreziosito dall'inconfondibile timbro vocale. Del suo vasto repertorio fanno parte canzoni indimenticabili come 'Woman in love', 'Memory', 'The way we were', 'Guilty' e molte altre, spesso composte da autori famosi.

La Streisand con Louis Armstrong in una scena del film Hello Dolly, 20th Century Fox 1969. Due volte vincitrice del premio Oscar, nel 1968 come migliore attrice in 'Funny Girl' e nel 1977 per la migliore canzone, la celebre Evergreen del film 'È nata una stella', ha alternato ruoli in commedie brillanti come 'Ma papà ti manda sola?' 'Il gufo e la gattina' e 'Ma che sei tutta matta?' al fianco di Ryan O'Neal, e il più recente 'Mi presenti i tuoi?, a parti in film drammatici come 'Voglio la libertà' e 'Come eravamo' e musicali, come 'Hello, Dolly!' e 'Funny Lady'. Considerata l'attrice di maggior successo degli anni '70, dalla decade successiva è passata anche alla regia e alla produzione cinematografica: suoi i film di grande richiamo 'Yentl', 'Il principe delle maree' e 'L'amore ha due facce', nella cui trama è possibile rintracciare elementi autobiografici come la perdita del padre o le relazioni familiari conflittuali. Barbra Streisand, come soltanto a pochi artisti è accaduto, è stata premiata con i più importanti riconoscimenti nelle categorie del cinema, della musica, della televisione e del teatro.

L'ambizione, la determinazione, la convinzione dei propri mezzi sono state sempre una caratteristica della Streisand, spesso descritta da colleghi e biografi come una persona non facile. In questo senso, è molto visibile in lei l'impronta astrologica del suo ascendente Ariete, che appunto si manifesta in un atteggiamento deciso e fortemente competitivo, ai limiti dell'antagonismo col mondo circostante. Barbra Streisand non ha mai dimenticato le difficoltà e gli ostacoli che ha dovuto superare, e da cui ha tratto ulteriore motivazione e desiderio di raggiungere il successo. Alla presenza dell'Ariete nel suo tema natale è dovuta anche la tendenza a instaurare legami sentimentali stabili e durevoli. “Amo un uomo alla volta”, dichiarerà in un'intervista, “sono fedele e sostanzialmente monogama”.

 

Barbra Streisand sulla copertina del suo album What About Today?, etichetta CBS 1969. Barbra Streisand con Barry Gibb sulla copertina dell'album Guilty, etichetta Columbia. Una raccolta dei più grandi successi, etichetta Sony Music. Il recente album Release Me, uscito nell'ottobre 2012, propone undici pezzi mai pubblicati, etichetta Columbia.

 

All'influsso dell'ascendente Ariete, segno cardinale che esprime forza e intraprendenza, è dovuta la sua ferrea volontà, sostenuta da una grande ambizione e da un rigore al limite della maniacalità, un tratto del carattere che in molti le hanno riconosciuto.

"Mi hanno chiamato in tanti modi come: perfezionista, difficile e ossessiva, ma io credo che serva un'ossessione, una ricerca del dettaglio per essere un bravo artista". Questa frase sintetizza l'atteggiamento della Streisand non solo verso il suo lavoro ma anche verso il mondo che non ha mai sentito amico, e al quale si è imposta col suo talento e la sua personalità. Sebbene sia stata sposata con due attori, prima per otto anni con Elliott Gould, da cui ha avuto un figlio, e ora con James Brolin, ha sempre mantenuto fuori dai riflettori la sua vita privata.

Barbra Streisand è da sempre molto attiva sia nelle iniziative filantropiche che come sostenitrice del Partito Democratico, ed è un personaggio pubblico a tutto tondo. La sua originalità, la sua indisponibilità ai compromessi, il suo orgoglio, ne fanno un'artista difficilmente imitabile, e che per un lungo periodo è stata la cantante più popolare d'America, oltre che un'attrice che ha spaziato dai ruoli brillanti a quelli drammatici. In fondo, si può davvero dire che la decisione donatale dal suo ascendente si è unita in lei con qualità di performer e un carisma artistico che le hanno dato il successo e la fama cui aspirava sin da quando, ragazza, veniva sottovalutata per il suo aspetto di cui, poi, seppe fare un vero e proprio marchio di fabbrica. “Sono arrivata a Hollywood senza aver sistemato il mio naso, i miei denti o aver cambiato il mio nome”, ha affermato non senza orgoglio a una giornalista, “e questo è davvero gratificante per me”.