Tweet

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Il Faro di Virginia

Marguerite Yourcenar
Grande Dame della letteratura

Novantanni di Vita
per il Festival di Salisburgo

Il Grand Palais accoglie Monet

Leonard Bernstein,
la gioia di fare Musica

Alphonse Mucha, l’Artista
dell’Art Nouveau

Ricordi di Mahler e della
Secessione in un weekend
d’inverno a Vienna

Un ricordo di Renoir a San Marino
in compagnia di Monet e Cezanne

Il Teatro Sistina,
anniversari da ricordare

Luchino Visconti, due film
e l’omaggio di un teatro

L’Austria per l’Italia Hotels
festeggia il suo quarto di secolo

Pellegrino Artusi,
l’arte del mangiar bene

Il sogno della Belle Epoque
e la tavolozza di Boldini

Un uomo, la sua Recherche

La Belle Epoque e la Parigi
di Toulouse-Lautrec

Il grande cinema
di cinquanta anni fa

Rabindranath Tagore,
un giardiniere di versi

I 150 anni di Unità d’Italia
nelle mostre della Venaria Reale

Gustav Klimt,
simbolo del Modernismo

Claude Debussy,
l'impressionista della musica

Sei premi Oscar da ricordare

L’Open Air Theatre
al Regent’s Park di Londra

Il Golden Gate Bridge
e i suoi magnifici 75 anni

Bruno Walter, la magia del suono

Francesco Guardi,
un invito al Museo Correr

Il Parco del Gran Paradiso
e i suoi 90 anni di storia

Lo splendore di Petra
a 200 anni dalla scoperta

Il centenario di Doisneau

Hermann Hesse
tra letteratura e pittura

I 400 anni dei Canali di Amsterdam

Festa a Londra
per i 150 anni del Tube

I quaranta anni
della Sydney Opera House

Cinquanta anni di vini DOC

Manet a Venezia,
capolavori in Laguna

A Salisburgo un’estate ricca
di musica e arte

Tre quarti di secolo, i Cloisters
di New York fanno festa

From Me To You. Azzurro,
You are the sunshine of my life

A cura della Redazione di Travel Carnet


Panorama sulla Città Piccola. (foto Ufficio Turismo Varsavia) Stare Miasto è, in lingua polacca, la Città Vecchia di Varsavia, che venne quasi completamente distrutta dai nazisti nell'agosto 1944. In seguito agli enormi sforzi di un'intera popolazione, nell'estate 1953 venne riaperto il primo tratto della Città Vecchia, con la ricostruzione degli edifici della Piazza del Mercato e di alcuni palazzi di via Piwnica e via Zapiecek, che costituirono la prima fase della ricostruzione del centro storico.

Oggi, dopo 60 anni, è proprio questo il luogo più visitato di Varsavia, iscritto dal 1980 nella Lista UNESCO come Patrimonio dell'umanità.

Il sessantesimo anniversario della Città Vecchia di Varsavia - che si estende per circa 26 ettari - ci ricorda lo straordinario impegno e l'intensa dose di passione con cui i polacchi hanno voluto restituire l'antico volto, e le magiche atmosfere, a quello che rappresenta la quintessenza della loro capitale: un affascinante dedalo di strade acciottolate, chiese e cortili, che fu orrendamente devastato dalla furia nazista. Per una ricostruzione così minuziosa, si fece ricorso il più possibile a materiali originali, basandosi sui quadri di vedute di Bellotto (diciottesimo secolo) e sui disegni degli studenti di architettura.

Veduta della Piazza del Castello. (foto Ufficio Turismo Varsavia) Uno scorcio della Città Piccola, sullo sfondo il Castello. (foto Ufficio Turismo Varsavia) La Piazza del Mercato. (foto Ufficio Turismo Varsavia)

Il Palazzo Presidenziale nella Città Piccola. (foto Ufficio Turismo Varsavia) Edifici del centro storico, in primo piano la Sirena, simbolo della città. (foto Ufficio Turismo Varsavia)

Da ricordare che il centro storico di Varsavia è ultra-centenario: il nucleo più antico della città di Varsavia si stabilì nel tredicesimo secolo, nei pressi di un castello dei Duchi di Masovia: inizialmente si trattava di un abitato con case per lo più in legno.L'abitato era attraversato da una strada principale che collegava il castello a sud alla città nuova verso nord. Su di essa si aprì, probabilmente a partire dagli inizi del quattordicesimo secolo, il Rynek Starego Miasta.

Nella motivazione dell'UNESCO alla scelta di sito del Patrimonio mondiale, si legge tra l'altro che "quasi ogni edificio della Città Vecchia, una miscela di diversi stili dal gotico al barocco, è antico e rappresenta uno stile architettonico unico e speciale".

www.polonia.travel/it/

whc.unesco.org/en/list/30