Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Milano da vivere e da amare

Una gita al mare
e trovi la storia

Il Re di Tavolara e il trenino verde dell'Ogliastra

Sardegna, all’Ovest
qualcosa di Splendido

Tre siti imperdibili
nella Sardegna Nuragica

Passeggiata
sulla Penisola Sorrentina

Il nuovo cuore antico di Napoli
tra luoghi sorprendenti
e le statuine dei pastori

Lo splendore della chiesa
“Dives in Misericordia”
a Tor Tre Teste

L’arte contemporanea
a Roma: è approdata
la “nave” del MAXXI

Una passeggiata sul Gianicolo
e incontri la Storia

Gran Torino. A zonzo
tra palazzi sabaudi
e archeologia industriale

Sul Delta del Po tra canali
d’acqua e vecchie idrovore

A Perugia
tra scenari medievali,
pitture rinascimentali
e delizie del palato

Ricordi garibaldini e richiami
fenici tra Marsala e Mozia

Concordia Sagittaria:
passaggio a nord-est
dell’antica civiltà romana

Cagliari: tra fenicotteri rosa,
la spiaggia del Poetto e
una spinta al cambiamento

Barivecchia: il rinato
centro storico della nostra
“porta d’oriente”

Passeggiate d’inverno a Salerno

Una sosta a Trento

I tesori di Lucca

Metti un sabato a Roma
con un tour d’eccezione

On the road alla scoperta
dell’antica Lucania

Camogli, la città dai mille
bianchi velieri

La Venaria Reale, sorprendente
Reggia sabauda

Ragusa-Ibla, non solo Montalbano

Lastovo, a metà mare
tra Italia e Croazia

Forlimpopoli-Artusi,
un binomio indissolubile

“Sorpassando” lungo l’Aurelia

La Morra: le Langhe come
non le avete mai viste

La valle del gigante bianco

Una passeggiata romana
a Villa Giulia

Tesori fiorentini

Sotto il cielo di Puglia
un trittico di paesaggi e sapori

Un gioiello tra il verde e il mare

Open House Rome,
ovvero Roma città aperta

Piazza Armerina e la provincia
più verde della Sicilia

Suggestioni personali
da Ischia, l’antica Pithecusa

Passeggiate nella dolce Umbria

 

Tra vapori termali, saperi antichi e sapori particolari


di Asiul

 

La Torre Pendente in Piazza dei Miracoli. (foto Bruga) Lo ammetto: l’ultima volta che sono andata a Pisa, ho un po’ trascurato l’arcinota Torre pendente, avendo goduto dei vapori e del relax delle terme di San Giuliano, il paese che ospita Bagni di Pisa Palace & Spa (http://it.lhw.com/hotel/Bagni-di-Pisa-Palace-Spa-San-Giuliano-de-Terme-Italy), antica residenza estiva del Granduca di Toscana, bellissima struttura dal sapore antico e dal comfort moderno. Qui tutto è piacevole e accogliente, ma in assoluto ciò che ho gradito di più è stata la Grotta del Granduca dove ho assaporato un delizioso bagno turco alla temperatura direi ideale di 38 °C. Per non parlare della vasca Thalaquam, in cui il galleggiamento e l’assenza di gravità sono assicurati grazie all’alta densità salina. Insomma, benessere a 360°, tanto da essere tentati di non uscire mai.

Il Duomo in Piazza dei Miracoli. (foto Bruga) Il battistero di San Giovanni Battista in Piazza dei Miracoli. (foto Opapisa) Particolare del battistero, il più grande d'Italia. (foto Bruga) Reperti nel chiostro del Museo dell'Opera del Duomo. (foto Opera Primaziale Pisana)

Ma il richiamo della Piazza dei Miracoli (http://piazza.opapisa.it/) è una calamita irresistibile e, quindi, sono tornata in questo luogo simbolo della creatività artistica italiana e dell’armonia delle forme. I Miracoli di dannunziana memoria sono gli stupefacenti monumenti, inconfondibili e irripetibili, per quanto visti in innumerevoli riproduzioni. Ed ecco, in una sequenza da togliere il fiato, il Campanile, meglio noto come Torre pendente, la Cattedrale, il Battistero e, last but not least, il Campo Santo. Il biancore accecante di questo insieme architettonico ne enfatizza bellezza e originalità. Soprattutto in una bella giornata di sole, passeggiare sul manto erboso di questa famosa piazza italiana è un’esperienza da ripetere ogni tanto per non dimenticare le nostre origini, segnate da sapienza artigiana e raffinatezza.

Pisa è anche sinonimo di grande cultura e ricerca, essendo sede della Scuola Normale Superiore (www.sns.it), fondata da Napoleone Bonaparte e divenuta nel tempo centro di eccellenza della formazione universitaria. Fucina di letterati e scienziati, annovera tra i suoi ex allievi tre premi Nobel: Giosuè Carducci, Enrico Fermi, e Carlo Rubbia, recentemente nominato senatore a vita.

Lungarno, sulla destra la piccola chiesa di Santa Maria della Spina. (foto Pisaunicaterra) La facciata del Palazzo della Carovana sede della Scuola Normale Superiore. (foto Bruga) Particolare dello stemma dei Medici sulla facciata di Palazzo della Carovana, in primo piano  la Statua di Cosimo I. (foto Bruga)

Le piscine termali di San Giuliano. (foto Bagni Pisa Palace) L'esterno del ristorante Ristoro al Vecchio Teatro. (foto Ristoro al Vecchio Teatro)

Dopo una tonificante passeggiata lungo l’Arno, lo stomaco reclama. Suggerisco un posto dove sono capitata per caso: il Ristoro al Vecchio Teatro in Via Collegio Ricci 12, straordinario ristorante dove il titolare Giovanni quasi vi stravolge con corposi assaggi di piatti preparati secondo antiche ricette pisane, soprattutto di pesce. Ed ecco, tra gli antipasti, la bruschetta con l’olio “novo”, il polpo con i ceci, le cozze ripiene, la cecina alle vongole …. Tra i primi, da non perdere il risotto alba marina o le noci del capitano al raggio di luna. Se ce la fate, assaggiate le patate ripiene con scorfano o i gamberoni “incamiciati” con lardo di Colonnata. Si chiude con il rituale bicchiere di brodo di giuggiole e il ricordo di un’esperienza gastronomica molto particolare.

www.turismo.pisa.it/

www.pisaunicaterra.it/