Tweet

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Una Loira insolita

Montreal e Quebec City
la Francia in Nordamerica

Da Interlaken a Lucerna,
natura e storia

Da Vancouver ai parchi nazionali
con i treni del Rocky Mountainee
r

Da Colmar a Strasburgo
tra i Vini dell’Alsazia

Inverno in Carinzia,
tra i Mercati Natalizi

Un percorso gastronomico
lungo la Corsica

Un Giro d’Europa
in un Boccale di Birra

Cambogia: un Violoncellista
molto speciale

Un Tour nelle Langhe,
tra i Terroirs del Barolo

Pasqua nell’isola di Kos,
natura in festa e tradizioni

Un Giappone sconosciuto

Lecce e Salento, magie
di un percorso

Granada: dove il passato
è presente

Se in un bosco d’autunno
un viaggiatore…

Il tesoro verde di Urbania

Da Boston al Vermont

I mercatini di Natale,
tradizione da assaporare

Da Todi a Torgiano

Un percorso in Austria
tra piccole città storiche

Da Tolosa agli Alti Pirenei

Let it boat, una crociera anni ‘60

Un tour nelle terre del Chianti

L’orto botanico,
tesoro verde di Edimburgo

Da Locarno ad Ascona,
angoli di lago Maggiore

Un tour di San Francisco,
la City con “Gentle People”

Banff National Park:
dove la natura è regina

Atmosfere dell’Avvento, un giro
d’Europa pregustando il Natale

Tra vigneti e città storiche
in una Germania insolita

I quattro angoli
di un’Irlanda gourmet

Un percorso verdiano nelle città d’arte della pianura padana

Da Amburgo a Brema, nella
Germania vicina all’Oceano

L’incanto della Giordania
tra la gente e la storia

Patrimonio mondiale
dell’Umanità, ecco i nuovi siti
scelti dall’Unesco

Bruges, percorsi d’acqua
(e non solo…)

Di Provenza il mare e il suol

Le Marche:
la regione del buon vivere

 

 

Un giro in Vietnam, dalle pagode a una meraviglia naturale

 

di Eugenia Sciorilli

 

Il Vietnam, o se preferite la vecchia Indocina, è ancora un angolo di Asia piuttosto genuino. Da non mancare per nessuna ragione un percorso da Hanoi, affascinante per le sue pagode e la sua atmosfera coloniale, a una delle più spettacolari meraviglie naturali del mondo: la baia di Ha Long, nel Golfo del Tonchino. Propizia la stagione invernale, perché asciutta, senza i fastidiosi picchi di umidità che possono guastare il viaggio da aprile a settembre, e fresca ma non fredda.

Uno dei cortili interni del Tempio della Letteratura. (foto Eugenia Sciorilli) Giardinieri al lavoro nel Tempio della Letteratura. (foto Eugenia Sciorilli) Il caratteristico ponte rosso sul Lago di Hoan Kiem. (foto Eugenia Sciorilli) Il Teatro dell'Opera, nel cuore della città vecchia. (foto Eugenia Sciorilli)

Hanoi, con i suoi tre milioni e mezzo di abitanti, è situata nella parte settentrionale del Vietnam ed è una città vivace, percorsa in tutte le ore del giorno e della notte da una fiumana inarrestabile di auto, motociclette e motorini. Questo dettaglio, però, non impedisce di subire il fascino dei suoi monumenti e dei suoi quartieri storici. Assolutamente imperdibile il Tempio della Letteratura, raro esempio di architettura tradizionale vietnamita: venne eretto nel 1070 con dedica a Confucio, e subito dopo fu scelto come sede della prima università del Vietnam, destinata ai figli dei mandarini. Magnifico complesso architettonico, si distingue per i suoi cinque cortili interni e per un’atmosfera di quiete e silenzio. Uno di quei luoghi fuori dallo spazio e dal tempo…

Un angolo della Pagoda di Tay Phuong, tra i più antichi santuari buddisti del Vietnam. (foto Eugenia Sciorilli) L'altare degli Antenati nella Pagoda di Tay Phuong. (foto Eugenia Sciorilli) Una statua di Buddha venerata nella Pagoda di Tay Phuong. (foto Eugenia Sciorilli)

A due chilometri dal Tempio della Letteratura, sempre in pieno centro, si trova il Lago Hoan Kiem, un’altra popolare meta di turisti e cittadini; questo spazio lacustre è adornato da una famosa pagoda, la Pagoda della Tartaruga, e da un caratteristico ponte rosso. A breve distanza, il Teatro dell’Opera, nel cuore del vecchio quartiere. A pochi passi dal teatro sorge il Metropole Hotel, l’albergo più celebre di Hanoi, e quasi di fronte “Casa Italia”, un centro culturale voluto dall’Ambasciata d’Italia a Hanoi e inaugurato nell’aprile 2013. Se invece ci si sposta oltre la cintura periferica di Hanoi, ci si immerge subito in un paesaggio agricolo, e a sud ovest della città si può visitare un’antica pagoda estremamente affascinante: la Pagoda di Tay Phuong, un santuario buddista immerso in un bosco che si raggiunge grazie a una suggestiva scalinata in pietra.

La Baia di Ha Long nel Golfo di Tonchino con i suoi 120 chilometri costieri di estensione. (foto Eugenia Sciorilli) Acqua e roccia, un binomio che ha permesso alla Baia di Ha Long di entrare nel Patrimonio Unesco. (foto Eugenia Sciorilli) Un villaggio di pescatori nella Baia di Ha Long. (foto Eugenia Sciorilli) Particolare dell'interno della spettacolare Grotta di Thien Cung, nella Baia di Ha Long. (foto Eugenia Sciorilli)

Un percorso di tre ore verso l’est del Vietnam, in taxi (al costo di 100 dollari), conduce da Hanoi alla Baia di Ha Long, che l’Unesco ha inserito nel 1994 nel Patrimonio dell’Umanità. È una visione, quella che si apre ai miei occhi, d’incredibile bellezza. Questa insenatura marina si estende per 120 chilometri di costa, e l’area protetta dall’Unesco accoglie 775 isole di origine calcarea, con numerose grotte. Particolarmente bella, per le straordinarie stalattiti e stalagmiti al suo interno, la Grotta di Thien Cung. Il giro in motobarca, che dura quattro ore, permette di ammirare una splendida serie di isole, isolotti e faraglioni che si susseguono tra loro, a volte inframmezzati da villaggi di pescatori. Assolutamente emozionante.

www.vietnamtourism.com