Tweet

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


Partita a Scacchi

Il Caleidoscopio:
...ovvero riflessioni
di un barman

Una simpatica Canaglia

Si fa presto a dire Martini
prima puntata

La Corte dei Miracoli

Si fa presto a dire Martini
seconda puntata

Un ricordo speciale

Bluesman

Non vedo l’ora

Uno strano “salvataggio”

L’enciclopedia del gusto…

Due Filetti di Baccalà

Te la do io l’America
prima puntata
seconda puntata
terza puntata

Un Barman per amico

Stiamo uniti!!!

L’occasione perduta

Speakeasy

Menecmi

I nuovi carbonari

La solitudine
dei numeri primi

Vado in Messico

Ciao, tenente Colombo

Vado in Messico
seconda puntata

Giorgia On my mind

V.E.sP.er n°2

Vacanze romane

Altre vacanze romane

Dedica ad un caro amico

"I can’t get satisfaction!"

Signori ci si nasce…

Un ricordo di felicità

Il comune senso…
del doppio senso!

La Roma dell’Est

Illusioni o realtà

Illusioni o realtà
seconda puntata

L’abc del gusto

Bollicine

Parigi val bene…
prima puntata


seconda puntata

L’Eros di Anastacia

Un’immersione nel medioevo

Tra un mitico Tropical
e il classico Martini Cocktail

Tra un Gin & Tonic
e una passeggiata in Molise

Tremiti islands

L’ape e l’elefante

Tre grandi stelle in una sera

I love N.Y.

Il nuovo cocktail
di un estroso barman

Si scrive "Eataly",
si legge “Italy”!

L’origine di tutte le cose

Chi beve birra
campa cent’anni…

Una vita extra ordinaria!

It's only rock 'n roll (but I like it!)

Man "hot" tan

Radical chic

di Max D’Addezio

 

Nuovamente al cospetto di Babbo Natale come ogni anno ad aspettare l'uomo con la barba lunga e bianca che ci viene a portare doni (inutili nell'86% dei casi) e chili in più (nel 100% dei casi!).

Ma dico io, è tanto difficile mettersi d'accordo con tutti i parenti ed amici e dirsi " ok quest'anno nessuno faccia regali a nessuno, ma ognuno si faccia il regalo che desidera" e avete idea di quante persone potrebbero essere veramente felici a Natale?

Il Christmas Market nella Stare Mesto di Praga. (foto Turismo Praga) Il Prosciutto di Praga prodotto dall'Azienda Principe di San Daniele. (foto Principe) Le bollicine dorate con riflessi verdi del Blanc de Blanc Comtes de Champagne Taittinger. (foto Taittinger)

Ma siccome nessuno si metterà mai d'accordo in tal senso, ognuno rifuggirà in quello che è il regalo che facciamo sempre a noi stessi durante le festività: quantità di calorie provenienti da cibi che nessuno si sognerà di mangiare mai più in nessuna altra stagione!

Quindi vi do dei consigli per ingrassare con semplicità e gusto, all'insegna del "non facciamolo strano per forza" e organizzare una serata a casa di amici o a casa propria durante le festività natalizie, magari giocando a carte o magari scartando regalini dalla dubbia collocazione psicosociale abbinando cibo e alcool per creare un ambiente "cozy" (come dicono gli statunitensi per intendere atmosfera calda e piacevole).

Quando si cammina per Praga nel periodo natalizio la cosa piú incantevole è l'imbattersi in un mercatino di natale, con i vari artigiani della vendita di cose inutili, e bancarelle di dolciumi bucadenti, ma niente, se paragonati ai banchi dove cuociono il tipico prosciutto di Praga, con dei bracieri a fuoco vivo dove girano 6 o 7 prosciutti che una volti cotti vengono sfilati e serviti in tranci a turisti mesmerizzati da tanta beltà. Quindi ispirato da questa leccornia natalizia, un abbinamento che si potrebbe proporre è del prosciutto di Praga in crosta di pane servito con kren alla panna in abbinamento con un Blanc de Blanc anche piuttosto importante, come un Compte de Champagne di Taittinger. Abbinamento azzardato e costoso, ma certamente di buon auspicio per un nuovo anno pregno di bollicine tutte d'oro!

Tranci di salmone Balik Sjomga Tradition. (foto Balik) L'aperitivo Lillet Blanc Reserve. (foto Lillet) La vodka francese Grey Goose distillata e imbottigliata in Francia. (foto Grey Goose)

Altro must delle feste natalizie è il salmone, ma che nel nostro caso sia Balik, salmone lavorato in Svizzera secondo ricette di antica aristocrazia russa, e nei casi più pregiati preparato su ordinazione per non farlo invecchiare troppo dopo la leggiadra affumicatura. Ad un salmone così, adagiato su se stesso, accompagnato solo da un quadratino di pizza bianca da forno leggermente accalorata, non ci abbinereste un vodka martini? Creiamolo utilizzando il mixing glass colmo di cubetti ghiaccio, delle gocce di Lillet Blanc Reserve e poi una porzione di vodka francese, (il tutto raffreddato e versato in una coppetta martini ghiacciata) in grado di accompagnare la dolcezza del salmone ma allo stesso tempo avere la forza per pulire il nostro palato dalla grassezza delle carni del pescione rosa!

E i fritti impastellati di romana concezione ce li concediamo si o no? Ma certo che si, e ce li concediamo andandoci ad abbinare un rinfrescante Margarita, a base di tequila 100% agave, Triple Sec e succo fresco di lime, servito in bicchiere ben freddo bordato con sale rosa della bolivia, e contro un filetto di baccalà il match è assicurato.

Il classico Margarita con tequila, lime, sale e tanto ghiaccio. L'Antico Forno Roscioli a Roma. (foto Roscioli) La linea Asti Cuvée Metodo Classico delle storiche cantine Gancia. (foto Gancia)

E se poi per esempio volessimo parlare di dolci, perchè non mettere a disposizione dei nostri compagni al tavolo della tombola, il classico panettone (casomai quello artigianale di Roscioli) servito a temperatura ambiente o leggermente caldo appoggiandolo su di un termosifone casalingo, con della crema chantilly accanto e nell'altra mano pronto un calice da vino rosso colmo di cubetti di ghiaccio e Asti Spumante (molto di moda nella west coast dei rapper d'oltreoceano come Nicki Minaj) con una manciata di frutti di bosco freschi e una scorzetta di lime, per dare colore e vivacità alle feste che tutti snobbano ma che in fondo in fondo anche le persone ciniche come me apprezzano perchè alla fine, il grottesco è sempre di moda e fa divertire!

Godetevi le feste a modo vostro, ma godetevele, ce le meritiamo!

Salute!