Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

di Eugenia Sciorilli

Era il 1953 quando venne inaugurata in Francia la "Strada dei Vini d'Alsazia". Da allora, è stata una delle principali attrazioni di quella magnifica regione francese, sfiorando città impregnate di storia come Strasburgo, Colmar e Mulhouse. Per festeggiare i 60 anni di vita della "Route des Vins d'Alsace", lo scorso anno è stata creata la "Véloroute di Vignoble", una pista ciclabile che si è aggiunta, per la gioia degli appassionati del cicloturismo, alla strada per gli automobilisti e alle decine di "sentieri viticoli" da percorrere a piedi.

Il villaggio di Barr nel dipartimento del Basso Reno, sede della fiera del vino più antica dell'Alsazia. (foto Naegelen/CRT Alsace) Vigneti nelle immediate vicinanze di Cleebourg, villaggio incluso nel Parco Naturale dei Vosgi del Nord. (foto Zvardon/Vins d'Alsace) I filari di Heiligenstein, piccolo centro dall'antica vocazione vinicola. (foto Jenny/Vins d'Alsace)

Grappoli di uva Pinot nel territorio di Molsheim. (foto Route des Vins d'Alsace) La Fiera del Vino di Obernai. (foto Office Tourisme Obernai) I vigneti di Scherwiller, paese conosciuto soprattuto per la produzione di Riesling. (foto Route des Vins d'Alsace)

Dominata dalle pendici orientali dei Vosgi, la Strada dei Vini d'Alsazia si estende per oltre 170 chilometri e permette di visitare decine di villaggi incantevoli, circondati da un paesaggio fatto di vigneti, abbazie, castelli e naturalmente cantine. La coltura della vite risale a epoca romana, e oggi la tradizione vignaiola alsaziana consente di assaggiare il prodotto di vitigni rinomati: Riesling, Gewurztraminer, Pinot blanc, Muscat d'Alsace, Sylvaner. Centinaia le case vinicole sparse nel territorio, che organizzano in ogni periodo dell'anno visite guidate e degustazioni, per non parlare delle feste del vino che offrono suggestivi spettacoli folcloristici e banchi d'assaggio.

Il clima asciutto e soleggiato, i terreni favorevoli e l'ottima esposizione del suolo hanno fatto sì che l'Alsazia sia diventata nei secoli una delle zone europee più pregiate per la viticoltura. Arrivando dall'Italia, il primo villaggio che s'incontra è quello di Thann, mentre alla fine del percorso ci attende Marlenheim. È un itinerario da gustare senza fretta, soffermandosi ad ammirare le case di legno e pietra che si alternano agli innumerevoli filari di vigna che sono la nota dominante di questo straordinario paesaggio collinare.

Vale la pena, ogni tanto, lasciare l'automobile per uno dei tanti sentieri, che grazie a una serie di pannelli informativi illustrano con precisione il lavoro della vigna, l’arte vinicola della regione e le caratteristiche proprie di ogni vitigno. Naturalmente, la Strada dei Vini d'Alsazia è anche un'ottima occasione per assaggiare le tante gustose specialità gastronomiche che questa splendida parte di Francia sa offrire a quanti la visitano.

Veduta aerea dei vigneti di Wolxheim, terra del Gran Cru Altenberg. (foto Zvardon/Vins D'Alsace) La vendemmia tardiva del Gewurtztraminer a Bergheim. (foto Route des Vins d'Alsace)

La fontana di Place du Chateau a Eguisheim. (foto Frantisek Zvardon/Vins d'Alsace) La chiesa fortificata Saint Jacques le Majeur a Hunawihr circondata da vigneti. (foto Tristan Vanuo/Route des Vins d'Alsace) Una tipica casa vinicola a Hunawihr. (foto Route des Vins d'Alsace)

I vigneti di Riquewihr sul sentiero delle Perles du Vignoble. (foto Office Tourisme Pays de Ribeauvillé et Riquewihr) Festa della vendemmia al Domaine Romain Fritsch di Marlenheim. (foto Domaine Fritsch)

Da sapere - I sentieri viticoli sono aperti al pubblico nei seguenti villaggi dell'Alsazia: - Barr, Bergbieten, Bernardswiller, Blienschwiller, Châtenois, Cleebourg, Dahlenheim, Dambach-la-ville, Dorlisheim, Epfig, Ergersheim, Heiligenstein, Marlenheim, Mittelbergheim, Molsheim, Mutzig, Obernai, Rosenwiller, Rosheim, Scherwiller, Traenheim, Wangen, Westhoffen e Wolxheim (dipartimento Bas-Rhin); - Ammerschwihr, Bergheim, Eguisheim, Gueberschwihr, Hattstatt, Katzenthal, Kaysersberg, Kientzheim, Orschwihr, Pfaffenheim, Rouffach, Sigolsheim, Soultz, Soultzmatt, Turckheim e Westhalten, senza dimenticare il sentiero “Les perles du vignoble” che riunisce i comuni di Bennwihr, Beblenheim, Hunawihr, Mittelwihr, Riquewihr e Zellenberg (dipartimento Haut-Rhin).

Tutti i sentieri viticoli sono chiusi nel periodo di bando di vendemmia (un mese prima e durante le vendemmie).

http://alsace-route-des-vins.com/

http://it.rendezvousenfrance.com/