| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Tweet

 

 



clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

 

di Eugenia Sciorilli


C'è Cézanne nel ruolo di protagonista della prima mostra del 2014 ospitata dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid, mentre alla Schirn Kunsthalle di Francoforte l'esposizione che inaugura il 2014 ha come tema "Esprit Montmartre", ovvero la vita bohémienne a Parigi intorno al 1900.

CEZANNE A MADRID
Dal 4 febbraio al 18 maggio, le sale del Museo Thyssen-Bornemisza accolgono una mostra di eccezionale valore per più di un motivo. Innanzitutto perché è la prima retrospettiva dedicata a Paul Cézanne nella capitale spagnola da trent'anni, e poi perché possono essere ammirati 58 capolavori del grande artista: 49 dipinti a olio su tela e 9 acquarelli. Le opere sono state prestate da musei di tutto il mondo, e sono affiancate da una decina di quadri firmati da altri grandi maestri, come Gauguin, Pissarro, Braque, Dufy. Comunemente ritenuto "il padre dell'arte moderna", Cézanne ha legato la sua fama a paesaggi e nature morte, che mostrano l'originalità quasi rivoluzionaria della sua essenza creativa. Da ricordare che Cézanne volle inserirsi nel movimento degli Impressionisti (fu grande amico di Pissarro), ma se ne staccò per proseguire il proprio percorso artistico in piena autonomia, fino a diventare il precursore del Cubismo.
www.museothyssen.org

L'Hermitage a Pointose, 1881. (foto Von der Heydt Museum Wuppertal/Thyssen Bornemisza Museum) Giovane che riposa, 1887 circa. (foto Armand Hammer Collection Los Angeles/Thyssen Bornemisza Museum) Viale a Chantilly, 1888. (foto Toledo Museum of Art/Thyssen Bornemisza Museum)

Natura morta con fiori e frutta, 1890 circa. (foto Staarliche Museen Berlin/Thyssen Bornemisza Museum) Ritratto di un contadino, 1905-1906. (foto Thyssen Bornemisza Museum)

ESPRIT MONTMARTRE A FRANCOFORTE
Dal 7 febbraio al 1 giugno, gli spazi espositivi della Schirn Kunsthalle rendono omaggio a un'intera epoca, tra le più feconde dell'arte moderna. "Esprit Montmartre", infatti, è una mostra capace di riunire oltre 200 opere che illustrano il celebre quartiere parigino nel periodo del suo massimo splendore. Erano gli anni intorno al 1900 quando a Montmartre vivevano e dipingevano molti dei più importanti artisti di un momento storico particolarmente fecondo. Non a caso un critico d'arte scrisse a fine Ottocento che Montmartre assomigliava a un enorme atelier. Qualche nome? Edgar Degas, Pablo Picasso, Pierre Bonnard, Henri de Toulouse Lautrec, Vincent Van Gogh. Suddivisa in varie sezioni, questa magnifica esposizione antologica coinvolge gli anni che dalla fine del XIX secolo avrebbero portato allo scoppio della prima guerra mondiale, ed è stata realizzata grazie ai prestiti di celebri musei sparsi nel mondo. Oltre ai tanti dipinti si possono ammirare anche fotografie storiche e opere grafiche e su carta. Il "quadro d'insieme", è proprio il caso di dirlo, è l'assoluta magia di un'atmosfera irripetibile che fece scaturire la Belle Époque.
www.schirn.de

Vincent Van Gogh, Montmartre: dietro il Moulin de la Galette, 1887. (foto Van Gogh Museum/ Schrin Kunsthalle) Louis Anquetin, Signora con la veletta, 1891. (foto Collezione privata Nisinson/Schrin Kunsthalle) Henry de Toulouse-Lautrec, La clownessa seduta, Mademoiselle Ch-U-Ka-O, 1891. (foto Sammlung J.P. Gimbergues/Schrin Kunsthalle) Kees van Dongen, Il Sacré-Coeur la mattina, 1904. (foto Nouveau Musée Nacional Monaco/Schrin Kunsthalle)

Pablo Picasso, Signora con camicia, 1905 circa. (foto Tate London/Schrin Kunsthalle) Auguste Chabaud, Moulin Rouge la notte, 1907. (foto Musée du Petit Palais Genève/Schrin Kunstahalle) Suzanne Valadon, Nudo sul canapé rosso, 1920. (foto Musée du Petit Palais Géneve/Schrin Kunsthalle)