| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Il fascino sempre attuale di un’isola del Tirreno

 


di Asiul

 

Estate 2013: dopo 36 anni sono tornata all’isola d’Elba sulla scia dei ricordi della mia prima vacanza in campeggio con il fidanzatino di allora, attuale mio marito.

Come sempre, quando torno in posti scolpiti nella memoria per la loro bellezza, avevo paura di non riconoscere più i paesi, il profilo delle coste, i paesaggi. E invece ….. Sbarcando a Portoferraio, dopo il breve viaggio da Piombino (a proposito, leggete l’incandescente “Acciaio” di Silvia Avallone!), sono stata piacevolmente sorpresa dalla ricchezza della vegetazione mediterranea, ancora non soffocata dalla presenza dell’uomo.

Un tratto della costa occidentale. (foto Bruga) Un angolo suggestivo della costa occidentale. (foto Bruga) Veduta aerea di Portoferraio. (foto Ferpint)

Le attrezzature turistiche sulla spiaggia di Procchio. (foto Bruga) La piscina dell'Hotel Cernia. (foto Bruga) Scultura nel giardino delle Osmunde, felci regali. (foto Hotel Cernia)

La sala ristorante dell'Hotel Cernia. (foto Bruga) La piccola spiaggia di Cotoncello. (foto Hotel Cernia) La stazione della cabinovia. (foto Cabinovia Monte Capanne)

Superati velocemente i paesi di Portoferraio, Procchio, Marciana Marina, ci siamo inerpicati in direzione di Marciana per ridiscendere verso Sant’Andrea, dove l’Hotel Cernia Isola Botanica (www.hotelcernia.it) ci attendeva. La struttura risente un po’ degli anni, nonostante la buona manutenzione, ma è molto accogliente e, soprattutto, è un invito al relax, grazie al lussureggiante giardino in cui è immersa.

Difficilmente dimenticherò le squisite marmellate fatte in casa che hanno impreziosito la colazione sempre genuina e ricca di frutta; la cena poi era un momento atteso per la varietà del menu, con tante verdure, ortaggi e pescato locali.

Dopo anni, io e mio marito siamo riusciti a fare una vacanza stanziale, grazie anche al giardino a picco sul mare riservato agli ospiti dell’albergo. Passeggiare sulla scogliera granitica levigata dal mare è stato un modo per ritrovare il contatto con la natura. Incantevole la piccola spiaggia del Cotoncello; carina, anche se un po’ affollata (se andate in agosto), quella più grande del villaggio di Sant’Andrea. Da non perdere la passeggiata, peraltro breve e senza grande impegno, fino alla punta di Sant’Andrea. Fate solo un po’ attenzione alle cosiddette cote piane, lastroni di granito, dove comunque ci si può tranquillamente stendere al sole.

Se siete dei buoni camminatori, l’Elba non vi deluderà: potete passeggiare nei boschi, o percorrere l’isola da nord a sud, o ancora immergervi nel suo mondo minerario. Ce n’è per tutti i gusti! (www.elbalink.it/parco_natura/trekking.php e www.infoelba.it).

Un posto che raccomando assolutamente è Marciana Alta, paesino arrampicato sulla montagna, che ha conservato il suo suggestivo impianto medievale, con le stradine strette e tortuose, appollaiato all’ombra della fortezza Pisana, rifugio per i suoi abitanti durante le incursioni dei pirati. Se amate il trekking, da Marciana potete salire sul Monte Capanne; se non siete così atletici, raggiungete almeno il Santuario della Madonna del Monte dove Napoleone si incontrava segretamente con la sua amante polacca Maria Walewska. Ancora il Bonaparte ….. In suo nome c’è perfino una sorgente di acqua oligominerale, proprio poco fuori Marciana Alta. Assaggiatela, anche solo per onorare l’Imperatore!

www.aptelba.it