Tweet
A TAvola con lo Chef

 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 



a cura della Redazione di Travel Carnet

Un'ottima materia prima è alla base di una grande ricetta. Per questo, gli appassionati del buon cibo non si fanno sfuggire l'occasione di visitare un tipico mercato alimentare. Vi proponiamo la Boqueria di Barcellona, il Borough Market di Londra, il Chelsea Market di New York, l' Östermalms Saluhall di Stoccolma e il Naschmarkt di Vienna.


Barcellona, La Boqueria

Il "Mercat de Sant Josep de la Boqueria" si affaccia sulle Ramblas, a pochi passi dal Teatro Liceu, ed è uno dei mercati più animati e più antichi del mondo. Si estende su una superficie coperta di quasi 2.600 metri quadrati, con oltre 300 banchi di prodotti gastronomici. Oltre alle primizie del territorio circostante, si possono trovare specialità provenienti da ogni parte del mondo. Suggeriamo anche una sosta culinaria: sotto la suggestiva copertura in ferro battuto (che venne inaugurata proprio un secolo fa) si possono infatti trovare bar e chioschi alimentari con un invidiabile rapporto qualità-prezzo.

Orari: da lunedì a sabato ore 8-20.30 - chiuso la domenica

www.boqueria.info

L'insegna in ferro battuto e vetri colorati del mercato La Boqueria. (foto Juan Salmoral Mataro/La Boqueria) Lo stand delle uova di vari tipi e varie dimensioni. (foto Louise/La Boqueria) Mostra di frutta e legumi secchi. (foto Roser/La Boqueria)



Londra, Borough Market

Costruito nella seconda metà dell'Ottocento e destinato inizialmente alla sola vendita all'ingrosso, il Borough Market è diventato col tempo una delle principali attrazioni turistiche della capitale britannica, e luogo di ritrovo tra i più amati dai londinesi. A breve distanza dal London Bridge, vanta uno splendido ingresso in Art Deco risalente al 1932 (Southwark Street). È un tempio gastronomico non soltanto per l'infinita varietà di prodotti che si possono trovare (il meglio della cucina multietnica), ma anche per le ricette che si possono gustare nei caffè e ristoranti ospitati all'interno del mercato.

Orari: mercoledì e giovedì ore 10-17; venerdì ore 10-18; sabato ore 8-17 - chiuso da domenica a martedì

www.boroughmarket.org.uk

L'edificio della Boardroom al Borough Market. (foto Borough Market) La Market Hall, luogo di ritrovo di turisti e londinesi. (foto Borough Market) Dimostrazione di cucina alla Market Hall. (foto Borough Market)


New York, Chelsea Market

Circondato da vivaci e rinomati quartieri a sud di Manhattan (Chelsea, Greenwich Village), a pochi passi dai docks dell'Hudson River, il Chelsea Market è una realtà gastronomica recente nella storia della Big Apple: è stato infatti inaugurato nel 2006, in un edificio a più piani tra la 9th e la 10th Avenue (15th Street), proprio dove in passato sorgeva una famosa fabbrica di biscotti. Si è subito conquistato la fama di luogo gourmet per la varietà e la qualità delle merci esposte, che provengono da ogni angolo del pianeta. Ampio il ventaglio anche di proposte gastronomiche, dal sushi alla pasta fatta in casa.

Orari: da lunedì a sabato ore 7-21; la domenica ore 8-20

www.chelseamarket.com

L'ex fabbrica di biscotti oggi sede del Chelsea Market. (foto Chelsea Market) Il libro delle 100 ricette di Michael Phillips e Rick Rodgers. (foto Chelsea Market) Pinot Grigio in lattina allo stand Chelsea Wine Vault. (foto Chelsea Market)


Stoccolma, Östermalms Saluhall

Più che centenario (venne inaugurato nel 1888) e situato in un quartiere centrale della capitale svedese, Östermalms Saluhall attira già dall'esterno grazie alla sua suggestiva forma architettonica. Una volta entrati, si è nel regno della gastronomia scandinava, tra aringhe marinate e salmone affumicato. Ma la panoramica non si esaurisce qui, visto che ci sono i grandi formaggi francesi, frutta e verdura di qualità e diversi ristoranti gourmet, tanto per fare solo pochi esempi. Per una sosta culinaria la tappa più apprezzata è il Ristorante "Lisa Elmqvist", specializzato in ostriche e piatti di pesce.

Orari: da lunedì a giovedì ore 9.30-18; venerdì ore 9.30-19; sabato ore 9.30-16. Chiuso la domenica

www.ostermalmshallen.se/en/

Grande varietà di prodotti allo stand Willy Ohlssons Eftr. (foto Ostermalms Hallen) La piacevole atmosfera del ristorante Lisa Elmqvist. (foto Lisa Elmqvist) Le specialità del Beirut Café. (foto Ostermalms Hallen)


Vienna, Naschmarkt

Dominato da edifici storici progettati da Otto Wagner e decorati da Klimt, il Naschmarkt è il più tipico mercato all'aperto viennese, e allo stesso tempo è un'autentica esperienza plurisensoriale. I colori si mescolano agli odori e ai sapori, tra spezie mediorientali e ortaggi delle campagne austriache. Si può partire dalla fermata metro di Kettenbrückegasse, e con un percorso di qualche centinaio di metri si arriva al limite opposto, di fianco al superbo palazzo della Secessione. Il Naschmarkt vanta oltre due secoli di vita, e oggi come allora offre quanto di meglio può esserci in fatto di materie prime alimentari. Per non parlare dei tanti ristoranti che suggeriscono una pausa alla passeggiata...

Orari: da lunedì a venerdì ore 6-19.30; sabato ore 6-18. Chiuso la domenica

www.wienernaschmarkt.eu

Uno scorcio dei banchi esterni dello storico Naschmarkt. (foto Wiener Naschmarkt) L'antipasto di ostriche del ristorante Fisch Vierterl. (foto Fisch Vierterl/ Wiener Naschmarkt) Cucina israele-orientale al ristorante Neni. (foto Neni/Wiener Naschmarkt )