Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 


di Franco Martano

 

Prendete tre città anzi quattro, unitele in una sola ed avrete Valencia.

La prima è la Città Vecchia, che racchiude tutta la storia della città, con una incredibile varietà di stili architettonici che vanno dal romanico al modernismo, passando per i segni delle varie dominazioni che si sono succedute. La Cattedrale è forse la costruzione che più di tutte esprime il mix: romanico, gotico e barocco spagnolo convivono armoniosamente sia all’esterno che all’interno. Al suo interno è custodito l’ennesimo Santo Graal ( ma perché non l’hanno detto a Indiana Jones che lo poteva trovare lì??), che forse non sarà autentico, ma merita di essere visto: non si sa mai!

Plaza de la Virgen, cuore del centro storico. (foto Turismo Valencia) Gli affreschi della Cattedrale, Basilica Metropolitana di Santa Maria. (foto Catedral de Valencia) Il Santo Graal nella sua Cappella. (foto Catedral de Valencia)

La Lonja de la Seda. (foto José Luis Municio/Istituto del Patrimonio Cultural de Espana/Ministero de Educaciòn, Cultura y Deporte) La facciata del grande edificio liberty del Mercado Central. (foto Mercado Central Valencia)

Lo scalone principale del Museo Nacional de Ceramica y Artes Suntuarias Gonzalez Martì. (foto Museo Gonzalez Martì) Grande piatto del XV secolo a fondo dorato con rose gotiche. (foto Museo Gonzales Martì) Il portale del Palacio Marques de dos Aguas. (foto Visit Valencia)

Alle spalle della Cattedrale si apre la bellissima Plaza de la Virgen, da cui si accede alla parte più antica. Camminando per le stradine e attraversando le piazzette che vi si aprono, si vive in una dimensione diversa, serena, con giovani seduti sotto un albero a studiare e bambini che giocano tranquillamente per strada, visto che qui di auto ne girano pochissime. Da non mancare è la Plaza del Carmen, una vera oasi in città. Perdendosi nei vicoli, si attraversa la zona della movida serale, vivacissima anche di giorno, e si arriva al famoso Mercado Central di stile Liberty. Un capolavoro!! Colori, profumi e atmosfera ne fanno un’opera d’arte vivente. Di fronte La Lonja de la Seda, alto esempio di barocco spagnolo. Sempre nella città vecchia, a 100 metri dalla elegante e centrale Calle de la Paz, non mancate una visita al Museo della Ceramica che occupa il bellissimo Palazzo del Marques de dos Aguas, risalente al XVIII secolo ed è un grandioso esempio di rococò. La facciata, arricchita da un imponente gruppo scultoreo in alabastro, merita da sola la visita. Molto interessante anche l’interno, con stanze perfettamente mantenute e bella collezione di ceramiche valenciane.

La seconda città, più recente, inizia dalla Plaza de Toros e dalla Estacion del Norte e rappresenta la parte del vivere quotidiano. Da qualche anno, nel quartiere Ruzafa, la vita ha assunto un’aria più bohèmienne, con tanti studi di artisti e locali con musica dal vivo. E’ una semi-periferia molto ben tenuta, con bei viali alberati, che porta fino alla terza città: la Valencia da spiaggia.
Il litorale è molto curato, con chilometri di spiagge libere e una passeggiata pedonale paradiso di famiglie, tanti giovani e runners di tutte le età. Il Porto, che ha ospitato l’America’s Cup 2010, merita una visita.

Veduta aerea della Marina Real Juan Carlos I. (foto Marina Real) Il complesso della Città delle Arti e delle Scienze. (foto Visit Valencia) Veduta aerea dell'Oceanografico, il più grande acquario d'Europa. (foto Visit Valencia) L'Hemisferic, sala di proiezioni con uno schermo concavo di novecento metri quadri. (foto Visit Valencia)

Esiste poi una quarta città, recentissima, che ha trasformato una zona depressa in un gioiello architettonico e culturale: La Ciudad de la Ciencias e de las Artes, capolavoro dell’architetto valenciano Santiago Calatrava. Un’area avveniristica comprendente uno spazio Oceanografico che mostra la vita sottomarina nel vari oceani e mari (da non perdere), il Museo della Scienza (si può anche perdere), e un eccellente Teatro dell’Opera. Anche una semplice passeggiata lungo i laghi che collegano i padiglioni vale la visita.

Valencia, terza città della Spagna dopo Madrid e Barcellona, ha tutte le carte in regola per affascinare. Si mangia bene, ci si muove con facilità, i prezzi non sono alti, la gente è più simpatica che in altre città spagnole, il clima è ottimo anche fuori stagione.

Una scelta eccellente per un lungo week end.


CONSIGLI PRATICI

Come andare: Voli da varie città d’Italia (Alitalia, Vueling, Ryanair)

Dove dormire: SH Hotel Boutique Ingles. Doppia da 90 Euro senza colazione - www.booking.com

Dove mangiare: Ristorante La Cigrona (centrale, nel suo menù un'eccezionale Paella Valenciana) - www.lacigrona.com

Ristorante La Lonja del pescado frito (vicino alla spiaggia, pesce freschissimo e Paella di Mare) - http://restaurantelalonjapescadovalencia.com

Vale la pena: Entrare nella Estacion del Norte e nell’Edificio de Correos y Telegrafos di Plaza Ayuntamiento. Non si paga niente e sono due gioielli.

Il palazzo settecentesco (a destra) dell'hotel SH Boutique Ingles. (foto SH Hotel boutique Ingles) La sala del ristorante La Lonja del pescado frito. (foto La Lonja) Il primo vestibolo della Estation del Norte. (foto Adif)

www.visitvalencia.com/it/