Tweet
A Tavola con lo Chef

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

Come abbinare cibi e vini per le feste natalizie

 

di Max D’Addezio *

Crisi economica? Fallimento del sistema capitalistico? Crisi dei valori umani in una società sempre più iperconnessa ma sempre meno umanizzata?

 

Non c'è problema, noi ci beviamo e ci mangiamo su e non ci pensiamo più, divertendoci con abbinamenti culinari più o meno improbabili che ci faranno quantomeno distrarre un po' da 'sto mondo bizzarro!
Perché per la vigilia di Natale non divertirsi con delle buone alici di Cetara?

 

Il Trentodoc Millesimato dell'azienda vinicola Altemasi. (foto Altemasi) I filetti di alici di Cetara della storica azienda Delfino. (foto Delfino) Immaginate di servire ai vostri commensali per aperitivo un classico pane burro e alici: sarà un antipastino veramente "radical chic", aiuterà lo stomachino a non essere ubriacato dagli alcolici eventualmente serviti e non vi faranno arrivare a tavola con una fame da boscaiolo canadese. Che cosa ci abbiniamo? Trento D.O.C. Altemasi millesimato 2010, bollicina fragrante e interessante anche come tutto pasto se si vuole continuare sull'onda.

 

L'Egg nog, bevanda alcolica natalizia conosciuta anche con il nome di lait de poule, latte di gallina. (foto Giallo zafferano/Dolci da sogno)  Il 25 mattina siete stati così incauti da organizzare il pranzone del Natale a casa vostra e avete paura del "i soliti discorsi su R e B"? Oppure della nonna che vi dirà quanto siete magri o perché non vi siete sposati, o che il fidanzato di prima era meglio di quello di adesso? Non temete, impariamo dagli statunitensi che per il 25 mattina propinano ai loro commensali un bel "Egg Nogg" e poi tutti allegri a tavola a cuore aperto in allegria. L'egg nogg è un cocktail a base di rosso d'uovo, crema di latte, zucchero, vaniglia whiskey e rum, una sorta di mega zabajone, che serve a riscaldare il corpo e a rinfrancare lo spirito, prima di una full immersion parentale. Qui l'abbinamento difficile ma azzardato, visto che parliamo di un drink che accoglie un ospite e lo fa acclimatare nella nostra modesta magione, potrebbero essere delle semplici (si fa per dire) patatine in sfoglia fatte in casa, servite calde con una spolverata di sale, pepe e limone.

Il panpepato di produzione Antichi Dolci di Siena. (foto La Fabbrica di Panforte) Il Don Fà, vino fortificato aromatizzato con foglie di amarena. (foto Azienda Agricola de Beaumont) Nei pomeriggi invece dedicati al gioco o semplicemente all'ozio, l'idea è quella di sollazzarsi con la tradizione romana, con una bella fetta di "Pan Pepato" e un bicchiere di vino liquoroso e aromatizzato: stiamo parlando del "Don Fa’", un aglianico beneventano che la famiglia dei Baroni De Beaumont produce, rinforzandolo e aromatizzandolo con un po’ di alcool, zucchero e foglie di amarena. L’Aglianico è una vera bontà nel panorama enologico italiano e in special modo del sud Italia, che secondo me è ancora troppo sottovalutato.

Torroncini, praline e cioccolato fondente dell'Antica Fabbrica del Cioccolato. (foto SAID Roma) L'eleganza e la delicatezza del Taittinger Prestige Rosé. (foto Taittinger) Last but not least, il torrone, quello artigianale e fondente, dove l’eleganza amaricante del cacao la fa da padrone, e il suo carattere austero  mitigato dal bianco dell'uovo della ricetta classica, re del "mi sgranocchio una cosina dopocena", potrebbe essere fonte di un altro azzardo: torrone e champagne rosé, dove il cerasuolo tenue del vino con le bolle fanno da contraltare al cacao del torrone. L’abbinamento del cacao con la marasca è cosa nota ai più, da quando i mastri cioccolatai hanno fatto amicizia con i sommelier, ma andare a pensare ad una bollicina con la pastosità di un dolce al cioccolato e per di più a pasta dura è la sfida. Il matrimonio combinato consigliato in questo caso è il torrone di “Said”, antica fabbrica del cioccolato di San Lorenzo, e un Taittinger Prestige Rosé.

Adesso con un bel calendario dell'avvento in cucina, siete pronti per affrontare gli ultimi giorni che ci dividono dall’ora x, il giorno del giudizio (sui regali che avete e vi hanno fatto), il giorno di Natale.

Buon Traffico, Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

Salute!

* Patron del wine bar Co.So. Cocktails & Social nel quartiere romano di Pigneto (Via Braccio da Montone 80)