Tweet

 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

Prelibatezze del territorio e ricette tradizionali

 

a cura della Redazione di Travel Carnet

 

La fontina, la mela renetta, il miele millefiori di montagna, il génépì sono i più noti e apprezzati prodotti tipici del patrimonio gastronomico della Valle d'Aosta. Tuttavia, rappresentano soltanto la punta di diamante di una gamma di prelibatezze presenti in una regione italiana dove tuttora la cultura del cibo è legato alla custodia appassionata delle tradizioni locali. Per scoprire almeno in parte le specialità alimentari del territorio valdostano, vi presentiamo quattro ricette che possono suggerire un pasto completo e particolarmente gustoso.


Seupa à la Vapelenentse (Zuppa alla valpellinense)

  • L'Arnad Montjovet della Cooperativa La Kiuva in frazione Pied de Ville nei pressi di Arnad. (foto La Kiuva) La zuppa alla valpellinense. (foto Love VdA) Ingredienti (per 4 persone):
  • 1 litro e mezzo di brodo di carne
  • 1 cavolo verza
  • 4 etti di fontina
  • mezzo kg di pane bianco (casereccio) tagliato a fette
  • cannella in polvere
  • 150 grammi di burro
  • Preparazione
    Il paesaggio innevato del piccolo comune di Valpelline. (foto Love VdA) In una pirofila, disponete a strati il pane e la fontina, terminando con lo strato di fontina. Fate bollire la verza nel brodo di carne. Aggiungete il brodo sul pane e attendete che il tutto si ammorbidisca, aggiungendo poi il burro fuso (molto caldo) sull’ultimo strato. Spolverate con cannella; passate in forno già caldo (200-220°) e lasciate cuocere per circa 40 minuti, fino a quando la fontina non diverrà dorata, iniziando a formare una crosta. Servitela calda.

    Vino consigliato: Arnad Montjovet, servito a 18 C°.


    Sagra della "Seupa à la Vapelenentse DeCo"
    Valpelline, dal 24 al 26 luglio 2015

    Situato a 960 metri di altitudine, in una conca tra vasti prati e frutteti, il comune di Valpelline è costituito da 23 frazioni ed è raggiungibile seguendo la strada carrozzabile che costeggia il torrente Buthier, dopo aver lasciato la statale n. 27 del Gran San Bernardo al bivio di Variney. La tradizionale festa della ”Seupa à la Vapelenentse” è un omaggio allo squisito primo piatto di origine contadina, tipico della cucina locale e regionale, preparato con pane bianco raffermo, cavolo verza e fontina.

    Il Centro Visitatori del Museo della Fontina in frazione Frissonniére. (foto Love VdA) La tipica forma cilindrica appiattita della Fontina Dop. (foto Consorzio Produttori Fontina) Per conoscere la storia e le particolarità del formaggio D.O.P più famoso della Valle d’Aosta si può visitare il Museo della Fontina, in frazione Frissonnière.

    Carbonada

    Ingredienti (per 4 persone):

  • Il vino Torrette dell'Azienda Vitivinicola Les Cretes di Aymavilles. (foto Les Cretes) La tradizionale carbonada a base di carne di manzo aromatizzata e cotta nel vino rosso. (foto Love VdA) 500g di fesa di manzo sotto sale
  • 300g di cipolla
  • 200g di burro
  • 100g di pancetta di maiale
  • 50g di farina
  • mezzo litro di vino bianco secco
  • noce moscata
  • cannella
  • pepe
  • sale
  • farina
  • Preparazione
    Mettete a fuoco burro, pancetta e cipolla a fettine. Fate cuocere (e non friggere), togliendo poi cipolla e pancetta. Aggiungete, nel burro, la carne tagliata a fettine piccolissime; a fuoco vivo, fatela solo divenire bianca (senza friggere) e, nello stesso tempo, condite con sale, pepe, noce moscata, cannella e farina. Aggiungete il vino fino a quando prende bollore e servite subito con la polenta.

    Vino consigliato: Torrette, servito a 18 C°.


    Tegole valdostane

    Ingredienti:

  • Il Nus Malvoisie Flétri prodotto sulla collina del Nus dall'Azienda Agricola Les Granges. (foto Les Granges)  Le tegole valdostane, biscotti tondi con impasto di mandorle e nocciole. (foto Made in VdA/Dolce Valle) 200g di zucchero
  • 80g di nocciole
  • 80g di mandorle bianche
  • 60g di burro
  • 60g di farina bianca tipo 00
  • 1 bustina di vanillina
  • 4 albumi d’uovo
  • Preparazione
    Frullate, con un mixer, lo zucchero, le nocciole e le mandorle; aggiungete gli albumi, il burro a temperatura ambiente, la farina e la vanillina. Quando l’impasto è pronto, stendete su una teglia (sulla quale è stata posta la carta-forno) le tegole, dando loro la tipica forma a disco sottile. Fate cuocere al forno a 180° per 7-10 minuti.

    Vino consigliato: Nus Malvoisie flétri, servito a 14 C°.


    Crema di Cogne

    Lo Chambave Muscat 2013 della Società Cooperativa La Crotta di Vegneron di Chambave. (foto La Crotta) La crema di Cogne accompagnata dalle tegole valdostane. (foto Love VdA) Ingredienti (per 4 persone):

  • ½ litro di panna
  • 4 tuorli
  • 100g di zucchero
  • 25g di cioccolato fondente
  • 1 bustina di vanillina
  • 1 bicchierino di rhum
  • Preparazione
    Sbattete insieme i tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere una crema omogenea, aggiungete la vanillina. Mettete la panna con il cioccolato tagliato a pezzetti sul fuoco e fate cuocere molto lentamente (la panna non deve bollire), poi, quando il cioccolato si è sciolto, aggiungete la crema e, da ultimo, il ½ bicchierino di rhum. Servite in una coppetta

    (ideale l'abbinamento con le Tegole valdostane).

    Vino consigliato: Chambave Muscat, servito a 10 C°.

    www.lovevda.it/it/enogastronomia


     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Studio Placidi