| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Tweet
A Tavola con lo Chef

 

 



clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

 

 

di Eugenia Sciorilli


Il mondo dell'arte può dirsi in festa nel 2015: arte contemporanea al Guggenheim di Bilbao, Monet e altri protagonisti dell'Impressionismo alla National Gallery di Londra e allo Städel di Francoforte, Leonardo al Palazzo Reale di Milano, Picasso al Grand Palais di Parigi.

 

L'ARTE DEL NOSTRO TEMPO.
CAPOLAVORI DELLE COLLEZIONI GUGGENHEIM

Bilbao, Guggenheim Museum - fino al 3 maggio 2015

La mostra intende festeggiare vent'anni di collaborazione tra il museo e la Fondazione Solomon R. Guggenheim. È stato impostato un discorso cronologico: il tour inizia nei primi anni del XX secolo, un periodo segnato dal trionfo delle avanguardie storiche che, con le proprie aspirazioni utopiche e un cambiamento politico spesso rivoluzionario, ha messo in discussione il grande patrimonio figurativo dell'arte occidentale e sostenuto nuovi ideali che vanno oltre l'ideale puramente estetico. Sono poi presentate le opere di artisti spagnoli, attivi dalla seconda metà del Novecento. La rassegna si chiude con le più recenti acquisizioni di arte contemporanea, provenienti da ogni parte del mondo.
www.guggenheim-bilbao.es

Franz Marc, Toro bianco – 1911. (foto Guggenheim Bilbao) Marc Chagall, Parigi dalla finestra – 1913. (foto Guggenheim Bilbao) Amedeo Modigliani, Nudo – 1917. (foto Guggenheim Bilbao) Vasily Kandinsky, Composizione 8 – 1923. (foto Guggenheim Bilbao)

 

INVENTARE L'IMPRESSIONISMO
Londra, National Gallery - dal 4 marzo al 31 maggio 2015

L'Impressionismo è una delle correnti pittoriche più amate, ma al momento della sua nascita è stata particolarmente controversa. Se non fosse stato per gli sforzi del mercante d'arte Paul Durand-Ruel - che ha instancabilmente sostenuto l'attività di Monet, Pissarro, Degas e Renoir - forse non si sarebbe sviluppata la sua stagione felice. 'Senza di lui', disse Monet, 'non saremmo sopravvissuti'. Ma più che un sostegno morale o finanziario, furono le strategie rivoluzionarie di business messe in atto da Durand-Ruel ad invertire la sorte degli impressionisti. Egli trasformò infatti la sua attività con sede a Parigi in una società internazionale con l'apertura di filiali a Londra e New York. La mostra comprende circa 70 dei più grandi capolavori degli Impressionisti, che sono stati tutti trattati da Durand-Ruel.
www.nationalgallery.org.uk

Claude Monet, Il giardino dell'artista ad Argenteuil – 1873. (foto London National Gallery Pierre-Auguste Renoir, Ritratto di Mademoiselle Legrand – 1875. (foto London National Gallery/Philadelphia Museum of Art)

 

MONET E LA NASCITA DELL'IMPRESSIONISMO
Francoforte, Städel Museum - dall'11 marzo al 21 giugno 2015

A partire da Le Déjeuner di Monet, opera chiave del primo impressionismo, e dai primi lavori di Renoir, Manet, Degas, Sisley e Cézanne, l'esposizione si concentra sul periodo 1860-1880, ospitando un centinaio di capolavori ed esplorando una vasta gamma di sviluppi sociali e socio-culturali del XIX secolo (e il loro impatto sulla produzione degli artisti impressionisti). L'opera di Claude Monet attraversa la mostra come un fil rouge, e il grande maestro assume così il ruolo di apripista tra gli artisti del suo tempo per quanto riguarda la crescente popolarità della pittura en plein air.
www.staedelmuseum.de

Claude Monet, La colazione – 1873. (foto Staedel Museum/RMN/Patrice Schmidt) Pierre-Auguste Renoir, Donna con parasole in un giardino – 1875. (foto Staedel Museum/Thyssen-Bornemisza Madrid) Edgar Degas, Musicisti – 1872. (foto Staedel Museum/Artothek)

 

LEONARDO DA VINCI 1452-1519. IL DISEGNO DEL MONDO
Milano, Palazzo Reale - dal 15 aprile al 19 luglio 2015

La mostra di Leonardo a Palazzo Reale si presenta come la più grande e la più ricca mai organizzata in Italia. Grazie ad un percorso organizzato in dodici sezioni, emergerà l'eccezionalità della vita e del talento di questo immenso artista. Sono state scelte opere fondamentali del soggiorno milanese come il Ritratto di Musico della Pinacoteca Ambrosiana, cui si affiancano il San Gerolamo dei Musei Vaticani, la Scapigliata della Galleria Nazionale di Parma e la Madonna Dreyfuss dela National Gallery di Washington. La mostra è arricchita da oltre 100 disegni autografi, da modelli storici di macchine di sua invenzione prestati dal Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano, e da opere dei grandi maestri del Rinascimento, come Sandro Botticelli, Donato Bramante, Antonello da Messina, Filippo Lippi, Paolo Uccello, Jan Van Eyck e Verrocchio.
www.artpalazzoreale.it

Leonardo da Vinci, Ritratto di Musico – 1490. (foto Pinacoteca Ambrosiana) Leonardo da Vinci, San Gerolamo – 1480 circa. (foto Musei Vaticani)

 

PICASSO E L'ARTE CONTEMPORANEA
Parigi, Grand Palais - dal 7 ottobre 2015 al 29 febbraio 2016

La mostra esamina il confronto fruttuoso che gli artisti contemporanei hanno condotto, dagli anni Sessanta, con l'opera di Picasso. Sia cronologicamente che tematicamente, le opere selezionate intendono illustrare i diversi tempi di ricezione critica e artistica del lavoro di Picasso, e le fasi della formazione del mito associato al suo nome. Nelle magnifiche sale del Grand Palais, alcuni celebri capolavori di Pablo Picasso, come Les Demoiselles d'Avignon e Guernica, saranno accostate a opere contemporanee di Hockney, Johns, Lichtenstein, Kippenberger, Warhol, Basquiat e Jeff Koons.
www.grandpalais.fr

Pablo Picasso, Les Demoiselles d'Avignon – 1907. (foto MoMA)