| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 In compagnia di fenicotteri, aironi, falchi e ibis


 

di Asiul



Non capita tutti i giorni di svegliarsi la mattina, alzarsi e vedere davanti ai propri occhi decine di fenicotteri rosa accoccolati sul pelo dell’acqua: siamo a Orbetello, lembo meridionale della Toscana, dove ho la fortuna di andare di tanto in tanto e di soggiornare proprio davanti alla laguna su cui si affaccia questa graziosa cittadina. Fu Fulco Pratesi, negli anni ’60 del secolo scorso, a iniziare le prime battaglie per sottrarre questo straordinario territorio alle mille speculazioni dell’epoca e farne una delle prime Oasi del Fondo Mondiale per la Natura-WWF (www.wwf.it). Pratesi fu mosso dalla volontà di salvaguardare l’habitat dove transita il cavaliere d’Italia, uno dei tanti uccelli migratori che hanno reso questa zona preziosa e affascinante, soprattutto d’inverno.

L'Oasi della Laguna di Orbetello. (foto Bruga)  Lungo il Sentiero Ornitologico della laguna. (foto Bruga) Mappa delle oasi per la biodiversità. (foto Bruga)

Un gruppo di fenicotteri. (foto Bruga) Un giovane esemplare di Cavaliere d'Italia. (foto F.Cianchi/WWF Italia) Il colorato piumaggio dell'ibis eremita. (foto Bruga)

Non è necessario essere ornitologi per essere stregati dal paesaggio lagunare, in cui è possibile trovare elementi della macchia mediterranea, dune, canneti, sughere, prati, pinete … Diversi sono i punti di avvistamento. In particolare, tre sono gli itinerari proposti: il primo è il Sentiero Ornitologico, agevole e lungo poco più di un chilometro, con 9 osservatori, che si stacca dal centro visite del Ceriolo (ingresso al km 148 della strada statale Aurelia, nel comune di Orbetello, frazione di Albinia); il secondo, non molto distante dal precedente, è nel Bosco della Patanella dove sotto le fronde ombrose dei pini si può seguire un suggestivo percorso botanico; il terzo itinerario, un po’ più impegnativo, è il cosiddetto Sentiero Escursionistico, che collega il centro visite con il Bosco della Patanella.

Qualunque itinerario decidiate di fare, consiglio di non avere fretta e prendervi tutto il tempo possibile per sentire in tranquillità i suoni della natura e dei suoi abitanti; potrete così godere anche dell’insolita vista dei grandi uccelli acquatici che, soprattutto d’inverno, popolano un territorio a tratti aspro, ma che con il suo silenzio ci riconcilia davvero con la natura. Potreste fare pure incontri ravvicinati del terzo tipo con un singolare uccello recentemente introdotto nell’Oasi: l’ibis eremita, trampoliere a rischio critico di estinzione, protagonista di un progetto internazionale di riapprendimento delle rotte migratorie. Da non perdere infine un altro sito dell’Oasi della Laguna di Orbetello: il Casale della Giannella, dov’è allestito un interessante centro di educazione ambientale.

Il Casale della Giannella all'interno dell'Oasi della Laguna di Ponente. (foto Bruga) Il lato sud del Casale della Giannella, Centro Educazione Ambientale Aurelio Peccei. (foto Bruga) Il Ristorante I Pescatori, riadattamento di una scuderia ottocentesca. (foto I Pescatori) L'offerta enologica e gastronomica di Agrietruria ad Albinia. (foto Agrietruria)

Camminando camminando viene appetito, e allora ecco qualche dritta per placare i morsi della fame. Due i consigli: se preferite il versante laguna, raccomando la Cooperativa dei Pescatori, in Via Giacomo Leopardi 9, a Orbetello (tel. 0564-860288 - www.ristoranteipescatori.it), dove ovviamente potrete gustare piatti della tradizione orbetellana con i prodotti lagunari; se invece siete più amanti della cucina di terra, vicino all’ingresso dell’Oasi, ad Albinia in Via Lazio 3, c'è Agrietruria (tel. 0564-870285), un posticino familiare dall’imbattibile rapporto qualità-prezzo. Qui Luigi e Antonella Masci sono sempre pronti ad accogliervi con un pantagruelico tagliere di salumi e formaggi del territorio, per non parlare dei tortelli maremmani, dei pici al pesto nero o ancora degli gnocchetti al pesto rosso. Per i secondi e i dolci lascio a voi il gusto della scoperta!


www.orbetelloturismo.it




A Tavola con lo Chef