Tweet
A Tavola con lo Chef

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

 

 

di Max D’Addezio

 

Quando ero un bambino, agli inizi degli anni ottanta, non c’era mistero maggiore e più affascinante del “triangolo delle Bermude”, spazio geografico dove gli aerei cadevano e le navi affondavano e non ne rimaneva traccia: forse gli U.F.O.? Poi crescendo ho imparato ad apprezzare il lato goliardico delle Isole Bermude, ed ho capito che forse la causa di tanti incidenti aero-navali era dovuta al drink nazionale di Bermuda, il “Dark & Stormy”, miscela di una parte di rum speziato e due parti di ginger beer (bevanda a base acqua, zucchero e zenzero, da cui oggi deriva la ginger ale - n.d.a.).

E sì, perché piloti, comandanti, ciurma ed equipaggi, turisti e passeggeri, bevono questo rinfrescante cocktail ad ogni ora del giorno e della sera da decenni , riuscendo così a bere l’anima di queste isole, il rum prodotto da un’antica ricetta dalla famiglia Gosling & Brother, un rum speziato, quindi non solo melassa fermentata e distillata, ma speziata dalla sapiente mano dei Gosling Brothers appunto, arrivati alla settima generazione di distillatori.

Loro iniziarono sull’isola con un emporio, che poi a mano a mano è divenuto il punto vendita del rum prodotto da loro stessi, quello che per un gioco di parole si chiamava si chiama tutt’oggi “Black Seal” ovvero sigillo nero, perché veniva versata cera nera sul tappo per sigillare la bottiglia, ma in inglese black seal significando anche foca nera, ecco servita la motivazione del perché il simbolo del rum Gosling è una foca nera.

La Stonehole Bay nella parrocchia civile di Warwick. (foto Bermuda Tourism) La romantica Jonson's Cove eletta spiaggia più bella dell'isola. (foto Bermuda Tourism) La Session House ad Hamilton City, sede dell'Assemblea del Parlamento e della Corte Suprema. (foto Bermuda Tourism)

Il Dark & Stormy è un esempio di quanto i cocktail semplici (quelli con al massimo tre ingredienti) siano i più buoni, vedi il Daiquirì o il Margarita, l’Americano o il Manhattan, ma allo stesso tempo è l’esempio di quanto le mode nel bere miscelato rispecchino gli itinerari turistici dei bevitori. Faccio un esempio su tutti: negli anni '90 cominciava a diventare di moda, grazie anche alle possibilità economiche accresciute, andare in vacanza a Cuba, da lì in Italia l’esplosione del Cuba Libre (coca-cola e rum)o il Daiquiri (rum, lime, zucchero) in tutte le sue declinazioni frozen (cocktail a metà strada tra un frullato ed una granita) o il famosissimo “Mojito” (rum lime zucchero menta e ghiaccio). Invece in Italia non c’è mai stata la moda di andare (parliamo sempre di fenomeni di massa) alle Bermuda, cosa invece comune per i vicini Stati Uniti, dove il Dark & Stormy è invece diventato molto comune.

Piccolo inciso sulla “Ginger Beer”: bevanda analcolica tipica delle zone caraibiche, a base di zucchero e radice di zenzero, limone e lievito, nasce in Inghilterra, moderatamente alcolica, ma poi prodotta quasi completamente senza alcool ed esportata in tutto il mondo, ed essendo Bermuda una colonia la diffusione era scontata, anche perché la ginger beer era addirittura preferita all’acqua, difficile da controllare a livello di proliferazione batterica, mentre la birra di zenzero grazie a quel minimo di fermentazione, risultava antisettica (forse arriva da qui l’uso improprio nei paesi anglosassoni delle bevande sodate?).

Il Black Seal, rum sigillo nero prodotto dalla famiglia Gosling. (foto Gosling Rum) La Ginger Beer, birra alla zenzero leggermente alcolica proposta anche in versione dietetica. (foto Gosling Rum) Il cocktail Darky & Stormy. (foto Gosling Rum) Il Presidente Edmund Malcolm Gosling. (foto Gosling Rum)

Incontrare Edmund Gosling (e suo figlio ottava generazione sulle orme del padre e dei nonni) è stata una vera esperienza, non foss’altro l’aver incontrato un uomo d’affari con i suoi pantaloni “bermuda rosa” (una sorta di divisa isolana) indossati con orgoglio, che grazie alla centenaria storia di famiglia mi ha offerto uno scorcio non da poco, rispondendo alle mie curiosità, sul mondo dell’alcol dagli inizi dell’800 ad oggi nelle colonie, vere e proprie serre a cielo aperto, e mi ha fatto chiarezza su quanto lui abbia fatto per ottenere un successo planetario del suo rum.

Provate a fare una versione casalinga mettendo del Gosling su zenzero fresco pestato a cui aggiungiamo il succo di mezzo lime, 2 cucchiai di zucchero, acqua gasata e tanto ghiaccio.

Buon Dark & Stormy a tutti, cominciando a pensare alle prossime vacanze pasquali!

Salute!

Max


www.gotobermuda.it

 

 

 

 

 

Studio Placidi