Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 

Un percorso scenografico nella Norvegia occidentale

 

di Tony Martini

 

Sono in molti a sostenere che la Strada Atlantica nella Norvegia dei fiordi - un tratto di oltre otto chilometri compreso tra le città di Kristiansund e Molde - sia una delle strade costiere più belle del mondo. Non si fatica a essere d'accordo: i panorami che offre sono spettacolari, soprattutto nelle luminose e quasi interminabili giornate che la Scandinavia sa regalare a quanti la visitano nella tarda primavera o in estate. È grazie al suo tracciato che vari isolotti sono collegati tra loro, attraverso un percorso sinuoso e affascinante.

La strada, che in lingua norvegese si chiama Atlanterhavsveien, è stata inaugurata nel luglio 1989 ed è stata eletta dieci anni fa "costruzione norvegese del secolo". Oltre a essere eccezionalmente scenografica, ha il merito di collegare tante piccole comunità costiere: dalla città di Kristiansund, la Strada Atlantica si percorre in auto in soli 30 minuti attraversando il tunnel dell'Oceano Atlantico, lungo cinque chilometri (è previsto un pedaggio). Dopo aver superato il tunnel si attraversa l'isola di Averøy con la chiesa in legno di Kvernes, la sua meravigliosa parte occidentale e l'incredibile costa verso Hustadvika.

Veduta aerea della Strada Atlantica. (foto  Terje Rakke/Nordic Life AS) Kristiansund, tappa di partenza della Strada Atlantica. (foto Paolookaville/Johan Wildhagen/Visit Kristiansund) La trecentesca chiesa in legno di Kvernes . (foto Roar Nord Jensen/Averoy Kommune)
L'interno della chiesa di legno di Kvernes. (foto Ole Gammelsaeter/Averoy Kommune) Le piccole abitazioni dell'isola di Haholmen. (foto Opphavasret/Classic Norway)
Lo scenografico ponte Storselsundet nella Contea di More og Romsdal (foto Terje Rakke/Nordic Life AS/Fjord Nordic AS/Fjord Norway) Il porticciolo di Bud. (foto Einar Engdal/Visit Molde) La Strada Atlantica nei pressi di Molde. (foto Visit Molde)
La sala del ristorante Bjartmars Favorittkro. (foto Favorittkro) La camera doppia dell'Hustadvika Gjestegard. (foto Norway Classic) Il buffet festivo del ristorante Bryggjen. (foto Bryggjen)

Ci sono quattro punti panoramici con area di sosta lungo la Strada Atlantica, da cui gustare il paesaggio o la straordinaria luce del tramonto, oppure avvistare numerose specie animali, tra cui le foche e, talvolta, persino le balene, in lontananza. La strada congiunge le isole grazie a sette ponti, il più alto dei quali, lo Storseisundet, ha una curvatura estrema che sembra quasi il capriccio estroso di un artista.

La chiesa in legno di Kvernes, che risale al 1300, è una delle più recenti tra le chiese in legno norvegesi, situata in una magnifica posizione sul Kvernesfjord e sul Freifjord. Un'altra particolarità del territorio viene offerta dall'antico museo rurale di Kvernes, formato da undici antichi edifici che accolgono un'ampia collezione di diversi periodi.

Nella stagione estiva sono organizzate quotidianamente battute di pesca. Sia lo Strømsholmen Sea Sports Centre che l'isola di Håholmen mettono a disposizione tour per gli appassionati del genere, e sono anche proposte diverse escursioni per gli amanti delle immersioni.

L'isola di Håholmen, che si trova nella baia di Hustadvika, nel XVII secolo era una fiorente comunità di pesca dello stoccafisso. Oggi i suoi edifici perfettamente restaurati suggeriscono una sosta di qualche ora o anche di qualche giorno, da dedicare alla scoperta delle origini vichinghe del villaggio di pescatori. In questa baia, tra l'altro, chi ama il windsurf può vedere esaudito il sogno di una natura marina selvaggia, tra onde impressionanti e venti impetuosi.

Altri luoghi dove dormire sono Hustadvika Gjestegård (tra Bud e la Strada Atlantica) e la Marina Kronborg (sull'isola di Averøy, più specificatamente a Sveggsundet, a soli 10 minuti dal centro di Kristiansund).

Per la pausa pranzo, e godere anche di una splendida vista sull'oceano, ci si può fermare da Bjartmars Favorittkro, situato appena fuori della Strada Atlantica, dove preparano deliziosi piatti preparati con ingredienti locali, e dove è anche possibile noleggiare biciclette e attrezzatura da pesca. Nel piccolo villaggio di pescatori di Bud, inoltre, non mancano ristoranti che servono pesce fresco e frutti di mare. Il Bryggjen è uno di questi, con il suo buffet a base di pesce servito tutti i giorni nella stagione estiva.

 

www.visitnorway.com/it/

www.atlanterhavsveien.info/