Tweet

 


 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


A TAvola con lo Chef


 

 

 

 

 

 

dell’Astrologa Martina


Chopin nel 1849 in una foto presumibilmente di Louis Auguste Bisson. (foto Chopin Museum) Un grande musicista nato sotto il segno d'Acqua che chiude la ruota dello Zodiaco: Fryderyk Chopin (Pesci).

*****

Il teatro era gremito quella sera, come sempre accadeva quando a esibirsi era il giovane Fred. Nei palchi, gentiluomini raffinati e dame in splendide toilette da sera si scambiavano commenti entusiasti sul concerto appena concluso.

Non pago del successo tributatogli dagli scroscianti applausi, Fred si aggirava nella platea del celebre teatro viennese dove aveva appena suonato per informarsi presso i suoi amici riguardo il parere del pubblico. "L'unica a criticarti è stata proprio la madre di Leopoldine..." l'aveva apostrofato il suo conterraneo Stanislaw, con un sorrisetto malizioso. "Figuriamoci..." aveva replicato caustico Fred, "la signorina figlia del più accreditato critico martella terribilmente sul pianoforte!" La Leopoldine in questione era una fanciulla di buona famiglia, aspirante pianista, perdutamente innamorata di Fred, il quale tuttavia proprio non voleva saperne di lei. Del resto, non si trattava di un caso isolato: il fascino di Fryderyk Chopin, che era nella sua genialità musicale, nell'eleganza ricercata da dandy, perfino nel suo aspetto pallido ed emaciato, faceva battere molti cuori femminili. Al richiamo muliebre il grande musicista polacco certo non si era mai sottratto; dopo una prima esperienza sentimentale con la cantante Konstancja Gladkowska e il fidanzamento con la contessina Maria Wodzinska, fortemente osteggiato dai genitori di lei, aveva incontrato l'"amore compiuto" con la scrittrice francese George Sand, più grande di lui di sei anni e con due figli, con la quale aveva vissuto per quasi un decennio una tumultuosa e passionale storia d'amore.

Vera e propria incarnazione dell'artista Romantico, Chopin era nato il 1 marzo 1810 in un comune rurale a pochi chilometri da Varsavia, in quella Polonia che amerà sempre moltissimo e che fu costretto ad abbandonare nel 1830 a causa della rivoluzione contro l'Impero Russo, per non farvi più ritorno. L'amore e la nostalgia per la patria lontana sono la fonte di ispirazione di molte sue composizioni, caratterizzate da un'intensa tonalità drammatica e lirica; nella sua Varsavia è conservato il suo cuore.
Genio precocissimo, da vero enfant prodige a soli sette anni aveva tenuto la sua prima esibizione pubblica al pianoforte, durante la quale si era lanciato anche in ardite improvvisazioni. Compiuti gli studi superiori musicali in Polonia, intorno ai vent'anni si era trasferito definitivamente a Parigi, dove aveva trascorso il resto della sua breve esistenza e dove la morte lo colse, appena trentanovenne, il 17 ottobre del 1849.

La casa natale di Chopin a Zelazowa Wola nei pressi di Varsavia. (foto Chopin Museum) Frammento del notturno Op 62 n 1. (foto Chopin Museum) La casa di Chopin a Varsavia oggi adibita a museo. (foto Chopin Museum) Un pianoforte appartenuto a Chopin. (foto Chopin Museum)
Ritratto di George Sand. (foto Associazione Amici di George Sand) Il monumento funebre al cimitero di Père Lachaise a Parigi. (foto Chopin Museum) L'attore Pierre Blanchar nel ruolo di Chopin nel melodramma storico Valzer d'addio, regia di Henry Russel 1928. (foto Library of Congress) L'eterna armonia, film biografico diretto da Charles Vidor con Cornel Wilde e Merle Oberon rispettivamente nei panni di Chopin e George Sand, dvd Columbia Pictures.
 Vergine, segno zodiacale ascendente di Chopin. (foto Library of Congress)

La vita di Fryderyk Chopin è stata irrimediabilmente segnata dalla malattia, presumibilmente una tubercolosi polmonare, che lo portò a una fine prematura e le cui prime avvisaglie, sotto forma di sfibranti accessi di tosse, erano comparse già all'età di nove anni.
Universalmente considerato come uno dei più innovativi, influenti e prolifici compositori per pianoforte di tutti i tempi, Chopin è stato anche autore di due concerti, quattro composizioni per pianoforte e orchestra e una sonata per pianoforte e violoncello. I suoi brani sono piuttosto impegnativi da eseguire ma la loro complessità tecnica nulla toglie all'intensità espressiva e alla profondità delle emozioni, come dimostrano i suoi Preludi, i celeberrimi Notturni, le Sonate.

Nato con il Sole in Pesci, di questo segno Chopin possedeva il genio creativo, il romanticismo che lo ispirava, la poesia che permeava le sue opere musicali. Anche i suoi saldi sentimenti patriottici e l'aiuto spesso dispensato agli esuli polacchi richiamavano l'appartenenza al dodicesimo segno dello Zodiaco, così come lo spirito di abnegazione, con cui aveva prodigato cure e attenzioni a George Sand durante la sua malattia.
Della Vergine, suo ascendente, possedeva la grazia, l'esile figura, il portamento distinto, caratteristiche che ne facevano, secondo le parole del suo amico Liszt, "il principe tra i principi". Del sesto segno zodiacale presentava tratti caratteriali tipici quali il senso della perfezione e della critica, anche rivolta verso se stesso, una certa inclinazione all'abitudinarietà, che gli rendeva difficile ogni cambiamento, e una spasmodica attenzione alla salute, che lo portò ad avvalersi contemporaneamente di ben 14 medici a Parigi.

La presenza forte di Marte in Ariete nel tema natale si esprimeva, in Chopin, nell'enorme energia, fisica ed emotiva, profusa nei concerti: durante una delle ultime esibizioni pubbliche, dato anche il peggioramento delle condizioni fisiche causato dalla fine della tormentata relazione con George Sand, fu addirittura colto da un collasso sul palco.
L'immensa grandezza di Chopin, certamente uno dei più popolari e amati musicisti di tutti i tempi, lo ha reso immortale; il suo genio e la sua straordinaria sensibilità umana e artistica gli hanno permesso di contattare le zone più profonde dell'animo umano ed entrare in dialogo con esse. E di ciò egli doveva essere ben consapevole, come testimoniano queste sue parole: "Bach è un astronomo che ha scoperto le stelle più belle. Beethoven si misura con l'universo. Io cerco solo di esprimere il cuore e l'anima dell'uomo."

chopin.museum/en





 

Studio Placidi