Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 

Da sentiero militare a percorso paesaggistico tra i più belli d'Europa

 

di Tony Martini

 

La Route des Crêtes in Alsazia, o Strada delle Creste (da non confondere con l'omonima strada che si trova in Provenza) collega Cernay a Sainte-Marie-aux-Mines, con un percorso lungo più di 77 chilometri. Si può scegliere di percorrerla in automobile, in bici oppure a piedi, e la meta più ambita è il Grand Ballon, il punto più alto del massiccio dei Vosgi. Lo sforzo di salire in quota è ripagato dal fatto che proprio dal Grand Ballon che si apre un panorama straordinario: la pianura alsaziana, e poi la Foresta Nera, le cime alpine, tra cui svetta il Monte Bianco.

Quello che un secolo fa, durante la prima guerra mondiale, era un sentiero fortificato sul versante occidentale dei Vosgi, oggi è un itinerario panoramico che permette di ammirare scenari spettacolari, dai pascoli alle foreste, da piccoli laghi alle fertili vallate di questo angolo d'Alsazia confinante con la Germania.

La Route des Crêtes è stata così chiamata perché si snoda in prevalenza lungo le creste delle montagne che dominano il territorio alsaziano. I pendii, ricoperti da prati o da boschi di abeti e faggi, si alternano a valli dove crescono vigneti. Questo itinerario permette anche di raggiungere il Markstein e il Col de la Schlucht. Dall'Hohneck, terza vetta della catena, si possono ammirare gli Alti Vosgi, partendo dal massiccio del Donon fino al già citato Grand Ballon d’Alsace.

Il Musée de la Porte de Thann nell'antico centro di Cernay. (foto Ville de Cernay) Panorama dal Grand Ballon d'Alsace. (foto Tourisme Guebwiller) Il Monumento aux Diables Bleus sulla cima del Gran Ballon. (foto Tourisme Alsace)
La vetta dell'Hohneck. (foto Ville de Munster) La stazione radar sul Gran Ballon. (foto Tourisme Alsace) Il tempietto utilizzato nell'antichità per riti religiosi costruito sulla sommità del Massiccio del Donon. (foto Tourisme Alsace)
Le rovine dell'antica Abbazia Benedettina di Munster. (foto Ville de Munster) La locanda Ferme Auberge immersa nel verde degli Alti Vosgi. (foto Ferme Auberge Alsace) Il tagliere di salumi della Ferme Auberge. (foto Ferme Auberge Alsace)
La lavorazione del burro della Ferme Auberge. (foto Ferme Auberge Alsace) La Collegiale gotica Saint-Thiébaut a Thann. (foto Fondation Collegiale Thann) Il Vignoble du Rangen nei pressi di Thann. (foto Ville de Thann)
Il giardino d'alta quota dell'Haut Chitelet. (foto Jardin Botanique de Nancy) L'abitato del piccolo comune di Sainte-Marie-aux-Mines. (foto Ville de Sainte-Marie-aux-Mines)

Aperta da aprile a novembre, la Route des Crêtes offre suggestivi scorci panoramici anche sulle "chaumes", praterie un tempo destinate al pascolo e sulle quali si edificavano le "marcairies", malghe che ospitavano agricoltori di montagna, allevatori e mastri casari. Tali malghe, col passare dei decenni, si sono trasformate in agriturismi che combinano l'agricoltura e le attività ricettive. Si può accedere ai pascoli d'altura partendo dalle valli della Doller, della Thur, del Florival, di Munster, della Weiss e di Sainte-Marie-aux-Mines.

Una nota a parte merita la Ferme Auberge, una locanda di montagna tipica della zona, che permette di assaggiare ricette tradizionali (lardo affumicato, torte salate ripiene, dolci a base di mirtilli). Altra caratteristica imperdibile è la varietà di sentieri che conducono a magnifiche località di antica origine. Una di queste è Munster, nota per la sua colonia di cicogne. Altro villaggio di particolare fascino è Thann, che accoglie la magnifica Collegiale gotica di Sant'Ubaldo con la sua torre campanaria e la cui fama è legata al Vignoble di Rangen.

Per chiudere questa selezione di tappe imperdibili per quanti scelgono la Route des Crêtes come itinerario di viaggio, ricordiamo il giardino botanico d'alta quota dell'Haut-Chitelet, che si trova in prossimità del Valico della Schlucht. Chi lo visita può aggirarsi tra paesaggi di rocce che custodiscono circa 2700 specie di piante, provenienti dai principali massicci montuosi del mondo.


www.tourisme-alsace.com