Tweet

 


 

 

| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

clicca sulla miniatura
per ingrandirla


 

 

La foto in primo piano

 

FESTEGGIATI A ROMA I 173 ANNI
DELLA BIRRA PILSNER URQUELL


Tre chef ritratti durante il “Brewers & Makers Event” 
per festeggiare i 173 anni della Birra Pilsner Urquell. (Foto di Eugenia Sciorilli)

Nella foto:
tre chef ritratti durante il “Brewers & Makers Event”
per festeggiare i 173 anni della Birra Pilsner Urquell
(Foto di Eugenia Sciorilli)

 

DOVE: Lo spazio per eventi “Le Formiche Lab”, in Via Vitorchiano 42 a Roma (zona Tor di Quinto) ha ospitato in una mite giornata autunnale il “Brewers & Makers Event”, che è coinciso con i festeggiamenti romani del 173simo anniversario della nascita di una delle birre più famose e apprezzate nel mondo: la Pilsner Urquell.

QUANDO: Tutto risale a un’altra giornata autunnale, quando (secondo la leggenda) venne rubato in un monastero il lievito segreto Pilsner H da un monaco in fuga e venduto a Josef Groll nel 1842. La “ricetta” di un successo così vasto e duraturo è innanzitutto il malto chiaro, ancor oggi prodotto all’interno della fabbrica di Pilsen con il miglior orzo boemo e moravo, l’ingrediente principale per il tipico colore chiaro e sfumato d’oro della birra Pilsner Urquell. In secondo luogo i fiori di luppolo Saaz, ai quali si deve quel gusto amaro che bilancia la dolcezza del malto, oltre a contribuire alla tipica trasparenza. Poi l’acqua, ancor oggi estratta dalle falde sottostanti al bacino di Pilsen, particolarmente povera di minerali e sali naturali e con una dolcezza unica che contribuisce al gusto dolce amaro della birra. Infine il già citato lievito la cui ricetta segreta è ancora gelosamente custodita, e che si è rivelata l’artefice del sapore superiore e del corpo di questa birra molto amata in varie latitudini.

www.birraperoni.it

www.pilsnerurquell.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Studio Placidi
A Tavola con lo Chef