Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

L’apprezzata regista e sceneggiatrice americana è tornata
con un nuovo film di successo,
Lo stagista inaspettato,
che vede uno strepitoso Robert De Niro al fianco di Anne Hathaway

di Eugenia Sciorilli


Uno dei film di maggior successo del 2003, con la cifra allora stratosferica di 267 milioni di dollari in tutto il mondo, vedeva duettare (e duellare…) un’effervescente Diane Keaton con Jack Nicholson, anche lui in stato di grazia. Il film s’intitolava “Tutto può succedere” (titolo originale: “Something’s gotta give”) e nella parte del terzo incomodo appariva Keanu Reeves in una delle sue migliori interpretazioni di sempre. Ad aiutare gli incassi, anche una scenografia raffinata, una sceneggiatura originale e divertente (seguita da imitazioni non all’altezza!) e un’ottima regia. A creare il film, prima come inventrice della storia e poi dietro la macchina da presa, una donna poco più che cinquantenne: Nancy Meyers.

Nancy Meyers a Londra al BAFTA & BFI Screenwriters’ Lecture Series. (foto BAFTA) Diane Keaton e Jack Nicholson in una scena di Tutto può succedere, dvd Warner Bross. Cameron Diaz in un fotogramma del film L'amore non va in vacanza, dvd Universal Picture. Mel Gibson e Helen Hunt sulla locandina di Quello che le donne vogliono, dvd Medusa.

Gli interpreti di L'amore non va in vacanza sulla locandina italiana, dvd Universal Picture. Meryl Streep e Alec Baldwin in una scena del film È complicato, dvd Universal Picture. La locandina italiana dell'ultimo lavoro di Nancy Meyers Lo stagista inaspettato. Robert De Niro e Anne Hathaway nei ruoli di Ben Whittaker e Jules Ostin nel film Lo stagista inaspettato, Warner Bross 2015.

Nata e cresciuta a Philadelphia, laureatasi in giornalismo e appassionata di teatro, Nancy Meyers ha scritto e diretto altri film che hanno riscosso il favore di pubblico e critica. Tra le sue pellicole, sempre come autrice della sceneggiatura e regista, “Quello che le donne vogliono” (“What women want”, 2000), con Mel Gibson e Helen Hunt, “L’amore non va in vacanza” (“The Holiday”, 2006) con Cameron Diaz e Jude Law, “È complicato” (“It’s complicated”, 2009) con Meryl Streep, Steve Martin e Alec Baldwin. Dopo sei anni di assenza dal grande schermo, Nancy Meyers è tornata nei cinema di tutto il mondo con un’altra storia che colpisce per originalità e soprattutto per la presenza di un grandissimo attore in forma smagliante: Robert De Niro, che ruba la scena ad Anne Hathaway, coprotagonista. Il film ha per titolo “Lo stagista inaspettato” (“The Intern”, 2015) e a fine ottobre ha già incassato a livello planetario quasi 160 milioni di dollari.

In una recente intervista, Nancy Meyers ha affermato che le sue storie (a dispetto poi degli esiti lusinghieri al botteghino!) non sono quelle che ormai i grandi studios di Hollywood intendono produrre. Proprio in coincidenza con l’uscita in Inghilterra del suo ultimo film con De Niro e la Hathaway, la regista ha tenuto il 26 settembre scorso una conferenza a Londra per il ciclo “BAFTA & BFI Screenwriters’ Lecture Series”, in cui, dopo aver sottolineato di sentirsi più scrittrice che regista di film, ha dichiarato: “Dirigere un film è semplicemente mettere in scena quel che è stato scritto. E’ proprio per questo che sono diventata regista”. E ha aggiunto: “Cominciare a scrivere una storia è difficile, è davvero la parte più difficile. Farei qualsiasi cosa pur di evitare quel momento”. Eppure, malgrado tutto, quel che conta è il risultato. Come scriveva una celebre scrittrice del Novecento, Virginia Woolf, il talento di un grande autore è di spingere i suoi lettori a conoscere la fine della storia narrata. Con i film di Nancy Meyers, di solito gli spettatori hanno quel desiderio: sapere come va a finire.

 

 

 

 




 



 



 

 

A Tavola con lo Chef