Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

Ad Asolo, sulle orme di una delle più celebri viaggiatrici del Novecento

di Ingrid E. Blumenthal


Riapre dopo la pausa invernale il suggestivo giardino di Freya Stark ad Asolo, una delle capitali del prosecco, località del Trevigiano inserita nel Club dei Borghi più belli d’Italia. Organizzate dal tour operator BellAsolo, le visite guidate nel giardino di Villa Freya, che ospita al suo interno anche le rovine di un teatro romano, hanno luogo i primi tre sabati del mese (con primo ingresso alle ore 10 e secondo ingresso alle ore 11) e permettono di accostarsi all’affascinante mondo di una celebre esploratrice e viaggiatrice del ventesimo secolo.

Nata a Parigi il 31 gennaio 1893 da un pittore inglese e da madre italiana di origini polacco-tedesche, Freya Stark cresce proprio ad Asolo, e viene folgorata dai miti e dai paesaggi dell’Oriente all’età di nove anni, leggendo “Le Mille e Una Notte”. Le sue precarie condizioni di salute la costringono a restare spesso confinata a casa, ma questo le permette di imparare varie lingue: dopo il francese e il latino (che impara da autodidatta) studia anche l’arabo e il persiano. Alla fine degli anni Venti s’imbarca per Beirut, e dal Libano raggiunge la lontana Bagdad.

Le colline del Prosecco Valdobbiadene nei pressi di Asolo. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) Ritratto fotografico giovanile di Freya Stark. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) L'esploratrice in un momento di relax nella sua villa di Asolo. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto)

L'ingresso di Villa Freya. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) Il teatro romano nel Parco Archeologico di Villa Freya. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) Un viale alberato. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) Fioritura di rose inglesi. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) Astilbe bianca, pianta erbacea perenne di origine asiatica. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto)

Fiore di feijoa, pianta originaria dell'area subtropicale dell'America Meridionale. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) La visita guidata a Villa Freya. (foto BellAsolo, Servizio Turistico in Veneto) L'edizione italiana de Le Valli degli Assassini, Biblioteca della Fenice 2003. Lettere dalla Siria, Edizioni La Vita Felice 2014.

Nel corso degli anni Trenta, drappeggiata con ampi caftani, a dorso d’asino, cammello e cavallo, se non a piedi, si inoltra nei luoghi meno ospitali e meno battuti dell’Egitto, poi di Siria, Irak, Iran per spingersi sino alle propaggini dell’Himalaya, sulle orme di Alessandro Magno, o alla ricerca delle vie della seta o dell’incenso. Riesce ad affrontare indenne anche le zone a più forte rischio, come quella "Valle degli Assassini" che fa da protagonista a uno dei suoi libri più famosi, pubblicato a Londra nel 1934.

Oltre che esploratrice e viaggiatrice, infatti, Freya Stark è stata anche autrice di numerose opere letterarie, frutto delle sue esperienze di viaggio più uniche che rare, e che le hanno permesso di diventare in Inghilterra la caposcuola del travel writing. Per capire meglio l’eccezionalità di questa donna curiosa e colta, non si può non sottolineare il fatto che viaggiasse sola, in un’epoca e in una porzione di pianeta in cui una donna sola era soggetta a un’infinità di rischi e pericoli. Eppure, Freya Stark riesce a morire addirittura centenaria, proprio nella sua magnifica dimora di Asolo, intenta a curare il suo giardino.

Oggi, quello stesso giardino può accogliere chiunque lo desideri, a differenza della villa che è proprietà privata. Gli spazi verdi che lo compongono erano stati trasformati in orto botanico dalla stessa Dame Freya, che aveva voluto piantare le essenze raccolte nei suoi lontani viaggi. Oltre alle piante aromatiche, sono coltivate numerose specie arboree e floreali, che risalgono al suo appassionato impegno di orticoltrice: le rose, gli iris, i lecci secolari, l’arancio amaro e la feijoa riescono così a regalare i loro aromi straordinari e le loro forme meravigliose anche alle attuali generazioni.

www.bellasolo.it

 

 

 

 

 




 



 



 

 

A Tavola con lo Chef