Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 

 

a cura della Redazione di Travel Carnet


Praga è, senza alcun dubbio, una delle città più belle d’Europa. Anche i suoi dintorni, però, meritano attenzione, sia per la bellezza dei paesaggi che per il fascino delle testimonianze storiche e del patrimonio architettonico. Vi suggeriamo quattro escursioni: la località termale di Karlovy Vary, i castelli di Karlštejn e Nelahozeves, e una celebre area naturalistica denominata “Svizzera boema”.


Karlovy Vary

La Market Colonnade a Karlovy Vary. (foto Karlovy vary Municipality) Il Salone delle Feste al Grand Hotel Pupp. (foto Grand Hotel Pupp)

Un ambiente del Jan Becher Muzeum. (foto Becher Muzeum) Il moderno design di un vaso da fiori al Moser Glass Muzeum. (foto Moser Muzeum)

Quando il re boemo Carlo IV, nel 1350, scoprì, nei boschi che appartenevano al castello di Loket, l‘acqua della sorgente Vřídlo, decise di aprire proprio in quel punto delle terme. Da secoli, ormai, Karlovy Vary è una meta termale tra le più rinomate di tutto il mondo, grazie alle dodici sorgenti calde di acque minerali curative. La città, situata nella Boemia occidentale, ospita decine di splendide strutture termali, ville e complessi. Tra gli alberghi più importanti eccellono il Grand hotel Pupp, l’hotel Imperial o il Thermal. Chi sceglie di soggiornare a Karlovy Vary non deve lasciarsi sfuggire l’occasione di visitare il museo del lussuoso vetro Moser, detto il re dei vetri, e il museo di Jan Becher, creatore del famoso liquore Becherovka.

Karlovy Vary dista da Praga 130 km. Collegamenti diretti dalla stazione Hlavní nádraží ogni due ore, durata del viaggio 3 ore e 20 min. Collegamenti diretti dalla stazione di Florenc quasi ad ogni ora, durata del viaggio 2 ore e 15 min.

www.karlovyvary.cz


Castello di Karlštejn

Il Castello di Karlstein circondato da boschi. (foto Hrad Karlstein) Le torri quadrangolari del castello. (foto Hrad Karlstein)

Gli affreschi e gli arredi sacri della Cappella del castello. (foto Hrad Karlstein)

Considerato il più famoso castello ceco, fu fondato nel 1348 da Carlo IV, come luogo dove conservare i tesori reali, le preziose collezioni di reliquie e i gioielli della corona. È protetto su tre lati da alte cime boschive e fa parte della Burgenstrasse (la Via dei Castelli), che collega oltre novanta castelli, tra Praga e Mannheim. Imperdibile la Cappella della Santa Croce, il luogo scelto dal sovrano per custodire i gioielli della corona, che si trova nella torre situata più in alto, la Torre Alta. Le pareti sono ricoperte da pietre semipreziose levigate e da 129 preziose tavole dipinte dal maestro Teodorico. La volta dorata, ricoperta da lenti in vetro veneziano, crea un’illusione perfetta del cielo stellato. Il periodo migliore per visitare il castello è quello in cui si tengono le grandi feste storiche: la tradizionale vendemmia, prevista nell’ultimo fine settimana di settembre.

Il Castello di Karlštejn (aperto da marzo a ottobre) dista da Praga 37 km. Collegamenti diretti dalla stazione Hlavní nádraží almeno una volta l‘ora, durata del viaggio 40 minuti. Poi circa 2 km a piedi verso il castello.

www.hradkarlstejn.cz


Castello di Nelahozeves

La facciata a decorazione bicroma del Castello di Nelahozeves. (foto Loblowicz) Il cortile del castello. (foto Loblowicz)

Una sala della collezione di pittura spagnola. (foto Loblowicz) L'edificio del Dvorak Memorial, in primo piano la statua del musicista. (foto Dvorak Memorial)

Con i suoi spazi interni decorati ad affresco è uno degli edifici rinascimentali più belli in Boemia. Apparteneva alla nobile famiglia dei Lobkowicz, che per oltre sei secoli hanno giocato un grande ruolo nelle storie dell‘Europa centrale e sono stati insigniti del titolo di principi del sacro Romano impero, oltre ad essere stati mecenati di scienziati e artisti, tra cui Ludwig van Beethoven. Nel castello si trova una delle maggiori collezioni boeme di pittura spagnola a cavallo tra il XVI ed il XVII secolo, con capolavori di Brueghel, Velázquez, Rubens, Cranach, Croll e altri. Dall‘inizio della primavera fino all‘autunno si svolge anche un festival musicale dedicato ad Antonín Dvořák, la cui casa natale, che ospita un museo, si trova sotto il castello.

Il Castello di Nelahozeves (aperto da aprile a ottobre) dista da Praga 39 km. Collegamenti diretti dalla stazione Masarykovo nádraží (metro Náměstí Republiky) ogni 1 o 2 ore. Durata del viaggio circa 50 minuti.

www.lobkowiczevents.cz


Svizzera Boema

Veduta aerea del canyon a Hrensko. (foto Ceskosaske Svycarsko) Battello in un punto suggestivo del percorso turistico sul fiume Elba. (foto Ceskosaske Svycarsko) Pravcicka brana, gigantesco portale naturale in pietra. (foto Czech Tourism)

La Svizzera Boema (České Švýcarsko) è uno dei quattro parchi nazionali cechi e vi si accede dalla località di Hřensko. Alte rupi a colonna, portali, gole, gruppi di calanchi e labirinti si crearono grazie all’erosione di fondali marini gessosi. Il 97% del territorio è coperto da boschi, e la sua posizione, ai confini tedeschi, fa sì che confini con il parco della Svizzera Sassone. Un percorso guidato, lungo 20 km, lo attraversa passando per ripide pareti, gallerie e, in alcuni punti, solamente grazie ad imbarcazioni sul fiume Kamenice. Spettacolare il panorama dalla più antica torre di belvedere all’interno del parco, da cui si domina con la vista un canyon profondo 130 metri, scavato dal fiume Elba, e le montagne dalle cime piatte, Zirkelstein e Kaiserkrone, che si trovano in Germania. Da non mancare il Portale di Pravčice (Pravčická brána), il più alto portale naturale di pietra in Europa. La sua altezza monumentale e la sua imponenza sono stupefacenti: è largo 27 metri e si innalza per 21 metri. A disposizione dei turisti, la Casa della Svizzera Boema (DůmČeského Švýcarska) a Krásná Lípa, con un punto di informazioni e una mostra interattiva.

La Svizzera Boema dista da Praga 130 km. Collegamenti diretti dalla stazione Hlavní nádraží ogni 2 ore circa fino a Děčín, durata del viaggio 1:45 h. Da qui in autobus, fino alla fermata Hřensko, Mezná, frequenza: più volte al giorno, durata del percorso 40 min.

www.ceskesvycarsko.cz  www.pbrana.cz  www.hrensko.cz


www.czechtourism.com