Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

60 anni di successi teatrali e cinematografici,
compresa una strepitosa Mary Poppins
 

L’attrice inglese firma la regia del musical che la fece trionfare a Broadway

di Inge E. Blumenthal

 

Quando, nel marzo 1956, una ventunenne attrice sconosciuta di nome Julie Andrews debuttò a New York nel musical “My Fair Lady” di Lerner e Loewe recitando a fianco del già famoso Rex Harrison, certamente non pensava di aver legato il suo nome alla storia di Broadway, né, tantomeno, immaginava che 60 anni più tardi avrebbe firmato la regia della stessa pièce per la Sydney Opera House. Eppure, tutto questo è accaduto: il suo delizioso personaggio, Eliza Doolittle, avrebbe incantato gli spettatori per 2.717 rappresentazioni, con l’ultima recita datata 29 settembre 1962. Dopo oltre mezzo secolo, l’Opera Australia di Sydney ha affidato proprio a Julie Andrews la regia di una nuova produzione di uno dei musical più amati, un vero gioiello nella storia dello spettacolo, che prese spunto dal Pygmalione di G. B. Shaw. La prima è in programma per il 30 agosto prossimo, con repliche previste fino al 9 ottobre 2016.

Nata in Inghilterra nel 1935, Julie Andrews comincia a calcare le scene da bambina, seguendo la madre e il patrigno che si guadagnano da vivere come attori di vaudeville, e facendosi notare per le sue straordinarie qualità vocali. Ancora giovanissima, si trasferisce a New York, dove presto la raggiunge Tony Walton, che sarà scenografo di successo e diventerà il suo primo marito. Quando il produttore Jack Warner decide di trasformare in un film di Hollywood la storia di Eliza e del professor Doolittle, anziché confermare Julie Andrews sceglie un’attrice più nota, Audrey Hepburn.

La raccolta di brani del musical My Fair Lady interpretato da Julie Andrews e Rex Harrison nel 1956, cd Masterworks Broadway 2009. Julie Andrews in una foto promozionale del 1960. (foto 20th Century Fox) Il regista Blake Edwards secondo marito di Julie. (foto G. K. Austin)

Una scena del film musicale del 1965 Tutti insieme appassionatamente. (foto 20th Century Fox) Julie Andrews e Rock Hudson protagonisti di Darling Lili, Paramount Pictures 1970.

Un fotogramma del film Victor Victoria diretto da Blake Edwards nel 1982. (foto Metro Goldwyn Meyer) Julie Andrews con Anne Hathaway sul poster di The Princess Diaries, dvd Walt Disney Studio Entertainment. Julie Andrews in conferenza stampa per il musical My Fair Lady 2016 da lei diretto alla Sydney Opera House. (foto My Fair Lady Musical)

Per uno strano scherzo del destino, quello stesso anno (il 1964) Julie Andrews coglie – grazie all’intuito di Walt Disney – un eccezionale successo in tutto il mondo come protagonista di “Mary Poppins”, e l’anno seguente viene preferita alla Hepburn dalla giuria che deve assegnare l’Oscar come migliore attrice: è lei che si aggiudica la prestigiosa statuetta.

Gli anni Sessanta sono davvero prodighi di eventi per Julie Andrews: oltre a uno sbalorditivo successo planetario ottenuto nel 1965 con il film “Tutti insieme appassionatamente”, in cui veste i panni di Maria (uno dei più impressionanti incassi cinematografici di tutti i tempi), incontra e sposa in seconde nozze, nel 1969, Blake Edwards, regista che successivamente l’avrebbe più volte diretta in film apprezzati da pubblico e critica, in particolare “Victor Victoria”, girato nel 1982.

Il suo talento di interprete le ha permesso di vincere numerosi premi oltre all’Oscar, tra cui cinque Golden Globe, due Emmy, tre Grammy, due Bafta e, in Italia, un David di Donatello. Più recentemente, si è dedicata a scrivere libri per l’infanzia insieme alla sua prima figlia, Emma Walton Hamilton, che ha raggiunto a Long Island dopo aver venduto la villa di Los Angeles in cui ha vissuto fino alla morte di Blake Edwards, avvenuta nel 2010.

myfairladymusical.com.au

 

 

 

 




 



 



 

 

A Tavola con lo Chef