Tweet

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

 

 

 

 

di Inge E. Blumenthal

 

In questo numero vi proponiamo un abbinamento tra cucina e lettura, grazie al talento in cucina della giovanissima chef Julia Sedefdjian, che ha ottenuto a Parigi una stella Michelin, e alla passione per i libri delle tre sorelle Manfrotto, titolari della Libreria Palazzo Roberti a Bassano del Grappa.

* * * * *

A differenza di tanti ristoranti stellati, le porzioni dei suoi piatti non si esauriscono in due bocconi, e i prezzi sono tutt’altro che esagerati. Ad appena 21 anni, Julia Sedefdjian ha ottenuto una stella Michelin grazie al suo eccezionale e precocissimo talento in cucina. Di origini armene, nata e cresciuta a Nizza, dopo essere stata reclutata a soli 14 anni dal rinomato ristorante nizzardo “L’Aphrodite”, Julia è entrata nel 2012 nella cucina del ristorante parigino “Les Fables de la Fontaine”, il cui patron David Bottreau l’ha collocata a capo della brigata nell’estate 2015.

La giovanissima Julia Sedefdjian, chef del ristorante parigino Les Fables de La Fontaine. (foto Les Fable de La Fontaine) Julia al lavoro nella sua cucina in compagnia di David Bottreau. (foto Les Fables de La Fontaine)

Carpaccio di salmone, formaggio bianco al dragoncello, ravanello anguria e barbabietole di Chioggia. (foto Les Fables deLa Fontaine) La sala interna del ristorante. (foto Les Fables de La Fontaine) Un angolo della terrazza coperta. (foto Les Fable de La Fontaine)

La giovanissima chef privilegia ricette dai sapori mediterranei in questo ristorante dedicato alla cucina di pesce e frutti di mare che si trova nel settimo arrondissement di Parigi, a breve distanza dalla Torre Eiffel. Malgrado sia diventato un paradiso per gourmet, il locale affidato a Julia Sedefdjian può tuttora vantare un ottimo rapporto qualità/prezzo: a pranzo un menù costa 25 euro (ad eccezione del fine settimana), mentre il menù “Carte Blanche” viene servito a 70 euro. In un’intervista a un quotidiano francese, Julia ha rivelato di aver pianto di gioia quando ha saputo, pochi mesi fa, che le era stata accordata la stella Michelin, e ha aggiunto: “A volte sogno di notte nuove ricette, e il giorno dopo sono già al lavoro per trasformare quel sogno in realtà”.

www.lesfablesdelafontaine.net

 


Sono tre sorelle: Lavinia, Lorenza e Veronica. Di cognome fanno Manfrotto e di mestiere sono libraie a Bassano del Grappa, con la particolarità che la loro libreria può essere considerata la più bella d’Italia. Gli scaffali colmi di libri di Palazzo Roberti, infatti, sono accolti nei tre piani (e mille metri quadri) di una nobile dimora del Settecento magnificamente restaurata e in pieno centro storico. Oltre alla vendita di ogni genere di libri, la Libreria Palazzo Roberti propone incontri con gli autori, conferenze, mostre, concerti di musica, nella cornice raffinata di un ampio salone decorato da antichi affreschi.

Lavinia Manfrotto, appassionata di lettura e creativa delle vetrine della libreria. (foto Palazzo Roberti) Lorenza Manfrotto si occupa di comunicazione fino al più piccolo particolare. (foto Palazzo Roberti) Veronica Manfrotto considera una grande fortuna gestire la libreria con le sue sorelle. (foto Palazzo Roberti)

Palazzo Roberti, dimora della famiglia Manfrotto e sede della libreria. (foto Palazzo Robrti) Il pianterreno della libreria. (foto Palazzo Roberti) La Sala Conferenze al piano superiore. (foto Palazzo Roberti) Particolare degli affreschi della Sala Conferenze. (foto Palazzo Roberti)

Fatto curioso, le tre sorelle si erano dedicate alla fotografia seguendo le orme del padre, Lino Manfrotto, ma dopo che quest’ultimo aveva acquistato il palazzo negli anni Novanta, per farne la residenza di famiglia, venne a sapere che il titolare di una libreria al pianterreno aveva ottenuto un vincolo ministeriale: l’edificio poteva essere adibito esclusivamente a libreria. Un segno del destino: nel 1998 la famiglia Manfrotto inaugurò la propria attività. Un’iniziativa particolarmente interessante di Palazzo Roberti è prevista dal 24 al 26 giugno 2016: è in programma il festival letterario “Resistere”, con numerosi eventi non soltanto ospitati in libreria, ma sparsi in vari angoli suggestivi di Bassano del Grappa.

www.palazzoroberti.it


 

 

 




 



 



 

 

A Tavola con lo Chef