Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 

a cura della Redazione di Travel Carnet

Con un clima decisamente mediterraneo, situata a circa 90 chilometri dalla Sicilia e a meno di 300 dalle coste africane, l’isola di Malta è un’ottima destinazione per le vacanze autunnali. Con un passato millenario, famosa per l’Ordine dei Cavalieri di Malta, questa gemma insulare dell’Europa meridionale propone ai suoi visitatori città storiche e villaggi di pescatori, preziosi resti archeologici e splendide spiagge e grotte marine.

Il centro storico de La Valletta, Patrimonio Unesco 1980. (foto Unesco) Il corridoio parlamentare del Palazzo de La Valletta. (foto Heritage Malta) La Victory Bell sul Grande Porto de La Valletta. (foto City of Valletta)

L'Ipogeo di Hal Saflieni nei pressi di Cospicua/Bormia. (foto Turismo Malta) Forte Sant'Angelo a Vittoriosa/Birgu. (foto Birgu Local Council) Imbarcazioni nel porto turistico di Vittoriosa Marina. (foto Turismo Malta)

Torre di vedetta sul porto di Senglea/Isla. (foto Turismo Malta) Le fortificazioni di Senglea. (foto Isla Local Council) Un tratto della Paradise Bay. (foto Turismo Malta)

La sabbia dorata della Golden Bay. (foto Turismo Malta) Un luzzu, tipica imbarcazione da pesca di Marsaxlook, in italiano Marsia Scirocco. (foto Marsaxlokk Local Council)

L'ingresso della Blue Grotto. (foto Blue Grotto) Tempio megalitico nel sito preistorico di Hagar Qim.  (foto Malta in 360°) Fioritura di caprifoglio nel  Majjistral Nature and History Park. (foto Majjistral Park)

 

MALTA IN 10 TAPPE

La capitale dell’isola, La Valletta, sarà nel 2018 Capitale europea della cultura, e dal 1980 è sito del Patrimonio mondiale dell’Umanità promosso dall’Unesco, che ha voluto riconoscerla come uno dei territori a più alta concentrazione di edifici storici nel mondo grazie ai suoi 320 monumenti. Significative soprattutto le testimonianze dell’arte barocca; imperdibili due splendidi dipinti del Caravaggio, conservati nella Cattedrale di San Giovanni. Di fronte alla Valletta, e affacciate sul Grand Harbour, si trovano le tre città: Vittoriosa, Cospicua e Senglea (Birgu, Bormla e Isla in lingua maltese), ciascuna delle quali formate da un dedalo di suggestivi vicoli e spettacolari punti panoramici. Le loro origini sono millenarie: nei loro porti attraccavano le navi dei Fenici.

A breve distanza da Cospicua, si erge l’Ipogeo di Hal Saflieni: una necropoli sotterranea scavata nella roccia, le cui origini possono essere individuate tra il 3600 ed il 2500 a.C., e la cui magnificenza l’ha fatta assurgere a eccezionale monumento preistorico. Un altro centro urbano la cui nascita risale a qualche millennio fa è Mdina, città fortificata su una collina, nella parte centrale dell’isola. Vanta anch’essa presenze fenicie, e più tardi anche i Romani e gli Arabi hanno lasciato le loro tracce. Poco distante, la grotta che secondo la leggenda avrebbe accolto l’apostolo San Paolo dopo il suo naufragio.

Magnifiche spiagge di sabbia si trovano principalmente nella parte settentrionale dell’isola di Malta. Una delle più conosciute e apprezzate dai turisti è la Ghadira Bay, che si affaccia sulla scenografica baia di Mellieha, per la sua sabbia dorata e i suoi fondali poco profondi. Dalla sabbia finissima, dominata da alte scogliere, è la Paradise Bay, davvero affascinante grazie anche alla vista panoramica che permette di ammirare le isole di Gozo e Comino e godersi lo spettacolo del sole al tramonto. Per gli amanti del surf e della vela suggeriamo la Golden Bay, poco distante dal Majjistral Nature and History Park (parco nazionale).

Se si raggiunge la parte sud-orientale dell’isola, ci s’imbatte in un antichissimo e pittoresco villaggio di pescatori: è Marsaxlokk, proprio dove approda la maggior parte delle imbarcazioni da pesca maltesi. È qui che si trovano ancora alcuni esemplari di “luzzu”, variopinto peschereccio a doppia prua. Da visitare il vivace e caratteristico mercato del pesce che si tiene la domenica mattina. Per una sosta a pranzo o a cena, non c’è che l’imbarazzo della scelta, considerando l’abbondante varietà di trattorie e ristoranti.

Lasciando Marsaxlokk, dirigendosi a ovest sempre verso il mare, con un percorso di poco superiore ai dieci chilometri si arriva a una delle mete più amate da chiunque visiti l’isola di Malta: la Grotta Azzurra (Blue Grotto), che rispecchia i colori della flora sottomarina. Poco distanti, i templi megalitici di Ħaġar Qim, situati su un punto collinare che domina la ripida scogliera, e costruiti in modo da seguire il sole nelle varie fasi della giornata. Tra i reperti rinvenuti, alcune statuette che raffigurano la Dea Madre.


www.visitmalta.com/it/