| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

Tweet
A Tavola con lo Chef

 

 



clicca sulle miniature
per ingrandirle

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 




Due rendez-vous nel 2017:
paesaggi mistici al Museo d’Orsay, l’IGA berlinese en plein air

di Eugenia Sciorilli


Due eventi di particolare interesse si terranno il prossimo anno in altrettante capitali europee; il primo è di sicuro richiamo per gli appassionati d’arte, il secondo non può che essere un polo d’attrazione per gli amanti dei paesaggi e delle bellezze naturali. Il Museo d’Orsay, a Parigi, ospiterà nella primavera 2017 una grande mostra proveniente dal Canada che ha per tema “il paesaggio mistico”, mentre dalla primavera all’autunno del prossimo anno un grande spazio en plein air accoglierà a Berlino l’IGA – Mostra Internazionale dei Giardini.

Parigi, Museo d’Orsay:
mostra “Oltre le stelle. Il paesaggio mistico da Monet a Kandinsky”

14 marzo – 25 giugno 2017

Vincent Van Gogh, Notte stellata sul Rodano – 1888. (foto Ago Museum Toronto) Paul Gauguin, Visione del sermone – 1888. (foto Ago Museum Toronto) Eugene Jansson, Aurora sul Riddarfjarden – 1899. (foto Ago Museum Toronto)

Claude Monet, Ninfee – 1907. (foto Ago Museum Toronto) Edvard Munch, Il sole – 1910-1913. (foto Ago Museum Toronto)

Realizzata in collaborazione con l'Art Gallery of Ontario di Toronto (che attualmente la ospita fino al prossimo 29 gennaio), questa affascinante esposizione si propone di indagare la componente mistica del paesaggio simbolista. In Occidente, il paesaggio è considerato sin dal Rinascimento, e ancor più dall’epoca romantica, come il genere pittorico più adatto a tradurre formalmente i sentimenti interiori e introdurre lo spettatore ad esperienze spirituali non formulabili attraverso il linguaggio.

L'ascesa verso l'infinito, la scoperta della notte, l’inseguimento della luce, la ricerca di fusione dell’individuo nel tutto, l’esperienza delle forze trascendenti della natura: queste situazioni, sensoriali e spirituali al tempo stesso, ricercate o sperimentate sia dal pittore di paesaggi simbolisti che dallo spettatore delle sue opere, presentano delle analogie con le diverse tappe del percorso mistico. Saranno esposte opere di 37 artisti vissuti in 14 nazioni. Tra le opere selezionate, i meravigliosi paesaggi di Gauguin, Denis, Monet, Hodler, Klimt, Munch, Van Gogh, Kandinsky, così come dei maggiori rappresentanti della scuola canadese degli anni 1920-1930 (Lawren Harris, Tom Thomson, Emily Carr).

www.musee-orsay.fr/it/

Berlino:
Mostra floreale “Giardini del mondo” – IGA (Internationale Gartenausstellung)

13 aprile – 15 ottobre 2017

Il giardino coreano. (foto Eberhard Kloeppel/Visit Berlin) Il labirinto. (foto Jurgen Hohmuth/Visit Berlin)

Il giardino rinascimentale. (foto Klein-Uthmann/Visit Berlin) Il giardino giapponese. (foto Jurgen Hohmuth/Visit Berlin)

Il giardino balinese. (foto Grun Berlin/Visit Berlin) L'area del Kienbergpark. (foto Iga Berlin 2017)

La prima edizione della Mostra Internazionale di Giardini organizzata nella capitale tedesca è prevista nel quartiere Marzahn-Hellersdorf (a nord-est della città), con un’estensione di 104 ettari e circa ottomila eventi in programma. Tra valle e collina, in un terreno topograficamente ambizioso intorno ai giardini del mondo, il Kienberg e il Wuhletal, l’IGA intende proporsi come un festival internazionale dell’arte del paesaggio e dei giardini da vivere e sperimentare in tutti i sensi.

Ma c’è di più: il parco paesaggistico sostenibile “Kienbergpark”, che sta nascendo intorno al terreno della mostra, offrirà nuovi spazi stimolanti per uno stile di vita urbano e sarà accessibile gratuitamente dopo l’IGA. Grazie a questo evento si prevedono giardini del mondo a tema internazionale, come ad esempio il giardino paesaggistico inglese con il cottage, affascinanti giardini d’acqua e giardini pensili dei migliori architetti dai cinque continenti. Inoltre ci sarà un moderno centro visitatori come punto d’incontro e informativo. In costruzione, infine, una funicolare (realizzata dall’azienda altoatesina Leitner) che collegherà l’IGA al centro di Berlino.

iga-berlin-2017.de