Tweet
A TAvola con lo Chef

 


| HOME PAGE | MERIDIANI E PARALLELI | ASTROLOGIA E DINTORNI | ANNIVERSARI | CALENDARIO | LOUNGE TIME | IL RESORT DEL MESE | LO SCAFFALE | GALLERIA DEL GUSTO | RENDEZ VOUS | ASTERISCHI |
| VARIAZIONI D'AUTORE | PHOTO TIME | SPIGOLATURE | ITINERARI | PROTAGONISTE | RITRATTI DI ARTISTA | NON SOLO HOTEL | ATTIMI DI CINEMA | NEWSLETTER | FORUM | CONTATTI | LINK CONSIGLIATI |

 

 

 

clicca sulle miniature
per ingrandirle

Scarica l'articolo in PDF

 

 

 

 

Articoli pubblicati
nella stessa rubrica


 

Tante le tappe di un suggestivo percorso da Füssen a Würzburg

 

di Eugenia Sciorilli

 

Scorcio del cinquecentesco castello di Fussen. (foto Fussen Tourismus) Una salone del Castello di Neuschwanstein con il ciclo pittorico della Saga di Lohengrin. (foto  Neuschwanstein) Il complesso del Castello di Hohenschwangau. (foto  Hohenschwangau)

L'interno rococò della Wieskirke, Santuario del Cristo Flagellato. (foto Turismo Baviera) Particolare del pulpito della Chiesa della Natività di Maria. (foto Daniel 7) La Mutterturm a Landsberg am Lech, sede del Museo Hubert von Herkomer. (foto Romantischestrasse)

La Cattedrale di S. Maria ad Augsburg. (foto Romantischestrasse) Il Municipio e la Perlachturm ad Augsburg. (foto Romantischestrasse) Le fortificazioni di XIII secolo di Donauworth. (foto Romantischestrasse)

Il Burg, fortezza medievale sulla collina di Harburg. (foto Romantischestrasse) La Marktplatz della pittoresca cittadina di Dinkelsbuhl. (foto Turismo Baviera) Un angolo del chiostro romanico della Collegiata di Feuchtwangen. (foto Turismo Baviera)

Una porta d'accesso nella cinta muraria di Rothenburg. (foto Municipalità di Rothenburg) L'altare della Madonna nella Herrgottskirke di Creglingen. (foto Turismo Baviera) Le case a graticcio del centro storico di Bad Mergentheim. (foto Romantischestrasse) Il vestibolo della Residenz di Wurzburg, palazzo dei principi-vescovi dichiarato Patrimonio Unesco. (foto Turismo Baviera)

Dopo la tragica disfatta della seconda guerra mondiale, a risollevare le sorti di una Germania distrutta dalla follia del nazismo è stata anche la Strada Romantica (Romantische Strasse), un magnifico percorso che dalle montagne della Baviera conduce, da sud verso nord, fin verso le colline della Franconia. Inaugurata nel 1950, la Strada Romantica ha subito attirato, infatti, l'attenzione del turismo internazionale, contribuendo a eclissare le memorie degli orrori nazisti e recuperando l'immagine di un territorio suggestivo, ricco di vigneti, castelli, monasteri, villaggi pittoreschi e gioielli architettonici.

È necessaria almeno una settimana per visitare tutte le località più significative che la Strada Romantica permette di raggiungere. I suoi 366 chilometri trovano come punto di partenza Füssen, con le Alpi bavaresi a fare da sfondo, e come punto di arrivo Würzburg, incastonata nella valle del Meno, a sud-est di Francoforte. Lungo il percorso, almeno una dozzina di splendidi centri urbani da scoprire, con le loro straordinarie atmosfere che spesso affondano le radici nel Medioevo.

Füssen è circondata da un paesaggio affascinante, fatto di monti, laghi e boschi, ma la sua fama è dovuta dalla vicinanza a due famosi castelli appartenuti al leggendario Ludwig II di Baviera: Neuschwanstein e Hohenschwangau. Nei dintorni sorge la Wieskirche, santuario la cui origine risale al 1730. Oltrepassata la località di Rottenbuch, le cui origini sono accomunate alla creazione di un'abbazia (1703) che viene indicata come un gioiello del rococò bavarese, ci s'imbatte in Schongau, che vanta edifici tardo gotici, e poco oltre si raggiunge Landsberg, pittoresca cittadina adagiata sulla riva del fiume Lech e situata all'incrocio della romana Via Claudia con l'antica Via del Sale, che è riuscita a conservare fino ai nostri giorni un'impronta medievale.

Al chilometro 118 della Romantische Strasse, ecco Augsburg, l'antica Augusta edificata dai Romani, che oltre ad avere un passato millenario propone un meraviglioso quartiere storico chiamato Fuggerei, in omaggio alla famiglia Fugger, che fece diventare la città uno dei più prosperi centri urbani d'Europa all'inizio dell'Età moderna. È poi la volta di Donauwörth, che sorge su una collina alla confluenza del Danubio con il Wörnitz, e di Harburg, suggestivo borgo la cui principale attrazione è il maestoso Burg, la fortezza medievale che domina la cittadina dalla collina.

Arrivati al chilometro 194, è Nördlingen a meritare una sosta: è stata edificata proprio su un enorme cratere formatosi milioni di anni fa dalla caduta di un meteorite, ed è l'unica località della Germania ad avere una cinta muraria interamente percorribile. Poco distante Dinkelsbühl, una cittadina che si adagia nella valle del fiume Wörnitz e che presenta ai suoi visitatori una bella collezione di case a graticcio. Uno stupendo chiostro romanico (nella Chiesa della Collegiata) è invece il vanto di Feuchtwangen, annessa al Regno di Baviera nel 1806.

Al chilometro 268 ci attende Rothenburg ob der Tauber, una delle più belle località della Baviera e dell'intera Germania, con un centro storico d'impronta medievale che si rivela davvero imperdibile. Le sue porte imponenti danno accesso a viuzze incantevoli, mentre le case a graticcio con le insegne storiche regalano un'atmosfera rara a trovarsi. Superata Rothenburg, la nuova destinazione è ospitata nella regione del Baden-Württemberg: Creglingen, che ci riserva un tesoro d'arte: una spettacolare pala d'altare in legno custodita in un'antica chiesa, la Herrgottskirche. Poco distante, il castello di Weikersheim e il suo giardino barocco, e dopo qualche chilometro la rinomata stazione termale di Bad Mergentheim (acque ricche di magnesio), con il Castello dell'Ordine dei Cavalieri Teutonici.

Infine, Würzburg, la tappa finale di questo itinerario, che ci fa rientrare in territorio bavarese. Adagiata sulle rive del Meno, circondata da vigneti, Würzburg accoglie un'imponente quanto elegante sede dei principi vescovi, quella Residenz che è stata inserita nel 1981 dall'Unesco nell'elenco del Patrimonio Mondiale dell'Umanità.

www.romantischestrasse.de